L'evocazione - The Conjuring

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da The Conjuring)
L'evocazione - The Conjuring
The Conjuring Trailer.jpg
Vera Farmiga e Patrick Wilson in una scena del film.
Titolo originale The Conjuring
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere orrore, thriller
Regia James Wan
Sceneggiatura Chad e Carey Hayes
Produttore Rob Cowan, Tony DeRosa-Grund, Peter Safran
Produttore esecutivo Walter Hamada, Dave Neustadter
Casa di produzione Evergreen Media Group, New Line Cinema, Safran Company
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Fotografia John R. Leonetti
Montaggio Kirk M. Morri
Musiche Joseph Bishara
Scenografia Julie Berghoff
Costumi Kristin M. Burke
Trucco Eleanor Sabaduquia
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'evocazione - The Conjuring (The Conjuring) è un film del 2013 diretto da James Wan.

Si tratta di un horror soprannaturale basato sui fatti riportati dalla coppia di ricercatori del paranormale Ed e Lorraine Warren, le cui esperienze in precedenza avevano già ispirato film come Amityville Horror e The Haunting in Connecticut. La trama, ambientata nel 1971 nel New England, è quindi incentrata sul tentativo dei Warren, interpretati da Patrick Wilson e Vera Farmiga, di aiutare una famiglia da poco trasferitasi in una casa infestata, i Perron, i cui genitori sono impersonati da Lili Taylor e Ron Livingston.

La sceneggiatura è per lo più fedele alle storie narrate dai protagonisti della realtà, tuttavia non mancano discrepanze: tra le principali, i Perron rimasero nell'abitazione infestata per nove anni, a differenza di quanto si vede nel film, il quale rende la loro esperienza con l'occulto più breve e intensa[1]. Inoltre, anche nel caso in cui si fossero manifestate "possessioni", non avvenne alcun tentativo di esorcismo[1]. Per quanto riguarda l'antica proprietaria dell'abitazione dei Perron, Bathsheba Sherman, si tratta di una donna la quale, dopo essere stata processata e assolta per l'omicidio di un neonato, era stata realmente ritenuta dai concittadini una strega che aveva sacrificato un bambino per Satana[2]. Contrariamente a quanto narrato nel film, tuttavia, morì per cause naturali in età avanzata[2]. Come per gli altri casi investigati dai Warren, non mancano sia sostenitori del loro lavoro che scettici; secondo Steven Novella, presidente della New England Skeptical Society, i Warren sono molto bravi nel raccontare storie di fantasmi, ma non vi è alcuna ragione per credere si tratti di eventi reali[1].

L'opera, la quale richiama il cinema horror degli anni settanta, è stata accolta da un ottimo riscontro sia di critica che di pubblico[3]. Costato circa venti milioni di dollari, il film ne ha incassati più di trecento[4], inducendo i produttori ad avviare lo sviluppo di uno o più sequel, sfruttando le numerose altre vicende in cui sono stati coinvolti i Warren[5].

Trama[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« There is something horrible happening in my house. »
(IT)
« A casa mia sta succedendo qualcosa di orribile. »
(Carolyn chiedendo aiuto ai Warren)

Nel 1971, ad Harrisville, nel Rhode Island, Carolyn e Roger Perron si trasferiscono in un vecchio casale con le loro cinque figlie. Durante il primo giorno le cose sembrano andare per il meglio, anche se trovano la porta della cantina stranamente sprangata e il loro cane si rifiuta di entrare in casa. Il mattino dopo, Carolyn si sveglia con un misterioso livido e il cane viene ritrovato morto. Nei giorni a seguire nella casa si verificano varie forme di attività paranormale, le quali culminano con Carolyn che si ritrova intrappolata in cantina mentre una delle figlie viene attaccata da uno spirito somigliante ad una donna anziana; Roger intanto si trova spesso fuori casa per lavoro. Carolyn, sempre più spaventata, chiede quindi aiuto alla coppia di investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren, marito e moglie, lei anche chiaroveggente.

Dopo delle indagini preliminari, i Warren spiegano che potrebbe essere necessario un esorcismo, il quale non potrà però essere effettuato senza ulteriori prove di una presenza demoniaca e l'autorizzazione della Chiesa cattolica. I due analizzano quindi la storia dell'abitazione, scoprendo che il casale apparteneva ad una presunta strega, Bathsheba, la quale si era suicidata impiccandosi all'albero antistante la casa, professando il suo amore per Satana e maledicendo tutti coloro i quali avrebbero posseduto la sua proprietà. Trovano anche resoconti di numerosi omicidi e suicidi avvenuti negli anni in case costruite sul terreno appartenuto alla presunta strega. Dopo aver appreso ciò, Ed e Lorraine ritornano nel casale per raccogliere prove allo scopo di ottenere l'autorizzazione per un esorcismo, accompagnati da un assistente di nome Drew e uno scettico poliziotto locale, Brad. Durante il primo giorno non sembra accadere niente di strano, ma l'indomani ricominciano a manifestarsi presenze demoniache. Durante la notte, in particolare, una delle figlie, Cindy, sonnambula entra nella camera della sorella, con la porta della stanza che si chiude bruscamente dietro di lei. Quando gli adulti entrano nella camera, Ed trova Cindy nascosta in un passaggio segreto dietro l'armadio. Subito dopo, Lorraine ispeziona tale passaggio, trovando la corda per impiccagione usata da Bathsheba, per poi cadere attraverso il pavimento nella cantina, nella quale ha delle visioni su di lei e su un altro spirito. Si tratta di una madre che Bathsheba aveva posseduto per uccidere il rispettivo figlio.

Successivamente, Ed e Lorraine riportano i fatti alla Chiesa, mentre la famiglia Perron si rifugia in un hotel. Intanto, anche la figlia dei Warren, Judy, viene attaccata da forze soprannaturali. Più tardi, Carolyn si ritrova posseduta e ritorna nella casa portando con sé due delle sue figlie, Christine e April. Appena saputo quello che stava avvenendo, i Warren si affrettano a ritornare nel casale, dove trovano Carolyn che tenta di accoltellare Christine, mentre Drew e Roger cercano di trattenerla. Dopo che Carolyn viene immobilizzata, Ed decide di eseguire l'esorcismo da solo. Tuttavia la donna, ancora posseduta, si libera e prova ad uccidere April. Lorraine riesce però a fermarla, consentendo al marito di completare l'esorcismo.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Ed e Lorraine Warren nella realtà
Lorraine Warren al WonderCon 2013

In diverse interviste Lorraine Warren (nella foto in alto alla presentazione del film) spiegò di essere stata una chiaroveggente fin da bambina; dopo aver frequentato una scuola cattolica, in età adulta disse di aver iniziato a sfruttare i suoi poteri per cercare di aiutare il prossimo[6]. Nel 1952 insieme al marito Edward Warren Miney fondò la New England Society for Psychic Research, organizzazione teologica dedita alla ricerca sul paranormale, cui seguì anche l'apertura di un museo sull'occulto[7]. I due, i quali col tempo acquisirono anche una certa notorietà, investigarano presunti casi soprannaturali per tutta la loro vita, scrivendo anche diversi libri. Senza chiedere compenso, si occuparono di circa 10.000 casi tra gli Stati Uniti e l'Europa, mantenendosi grazie ad altre attività, tra cui quella di speakers universitari[7]. Entrambi cattolici, dichiararono spesso di combattere i demoni con la forza della loro fede, provando a scacciarli «in nome di Dio»[6]. La Chiesa Cattolica per diverso tempo sfruttò le loro indagini preliminari per distinguire i casi legati a presenze demoniache, per le quali era opportuna l'azione di un'esorcista, da quelli legati ad altri tipi di manifestazioni paranormali[8].

Ed Warren morì nel 2006, Lorraine invece aveva 86 anni all'uscita del film. Partecipò alla produzione di The Conjuring in qualità di consulente[1], rendendosi anche protagonista di un breve cameo: appare in una delle scene girate al campus universitario[9]. Nel 2013 viveva in Connecticut con la figlia, il genero e un prete[10].

Concezione e sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Logo originale del film

La trama del film, noto anche con il titolo di lavorazione The Warren Files[11], è ispirata dalle vicende che hanno realmente coinvolto la coppia di investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren prima del più noto caso reso celebre dalla saga cinematografica di Amityville.

L'idea di narrare in un film il caso della famiglia Perron, uno dei tanti con cui hanno avuto a che fare i Warren, fu lanciata dallo stesso Edward Warren circa venti anni prima dell'inizio della produzione di L'evocazione - The Conjuring, quando si era messo in contatto con il produttore Tony DeRosa-Grund[12]. Dopo aver esaminato alcune registrazioni di Edward, DeRosa-Grund scrisse un primo trattamento intitolato The Conjuring, ma per diversi anni non riuscì a trovare una casa di produzione interessata al progetto. In seguito, tuttavia, trovò la collaborazione del produttore Peter Safran e degli autori Chad e Carey Hayes[12]. Nel 2009 i diritti furono acquistati dalla Summit Entertainment, la quale non rimase però soddisfatta della sceneggiatura dei fratelli Hayes; lo studio indipendente cedette quindi i diritti alla New Line Cinema[12]. Nel mese di giugno 2011 la New Line Cinema confermò l'intenzione di produrre il film, il quale nel frattempo aveva cambiato temporaneamente il titolo di lavorazione in The Warren Files[12], affidando la direzione del progetto a James Wan, già regista di Saw - L'enigmista e Insidious[13].

Il trattamento originale scritto da DeRosa-Grund prevedeva che la storia fosse raccontata solo dal punto di vista della famiglia Perron. I fratelli Hayes, invece, scelsero di scrivere la sceneggiatura offrendo la prospettiva di tutte e tre le famiglie protagoniste della pellicola: i Warren, i Perron e quella demoniaca[14]. Inoltre, preferirono che il punto di vista narrativo principale fosse quello dei Warren, in particolare di Lorraine; ciò, per i due autori, avrebbe reso la storia più avvincente e diversa rispetto quella classica di una famiglia ritrovatasi nella casa sbagliata, già vista in molti film antecedenti[14]. Altro aspetto accattivante della trama, secondo i fratelli Hayes, è rappresentato dal fatto che i protagonisti sono personaggi realmente esistenti[14].

Per quando riguarda il tema spirituale affrontato dal film, secondo Chad e Carey Hayes la fede è l'elemento centrale dell'opera. I due spiegarono di aver voluto mostrare come, per quanto si possa essere spaventati dalle oscurità dell'universo, la fede può aiutare e portare sollievo[15]. Se da un lato il film si propone quindi di intrattenere il pubblico spaventandolo, da un altro offre anche un messaggio rassicurante: Dio prevale sempre sul male[15].

Regia[modifica | modifica sorgente]

« Essenzialmente è un classica storia di fantasmi con una casa infestata. Non sono qui per reinventare la ruota. Come dissi per Insidious, non avevo intenzione di inventare la ruota, volevo solo dipingere la ruota con un colore diverso. In questo caso, il colore che ho scelto è... voglio fare un classico film d'epoca. Voglio sfruttare a tal fine la scenografia, i costumi e la fotografia. Se non altro, so che sarà un film di bell'aspetto! »
(James Wan durante un'intervista sul set[16])

James Wan spiegò di aver accettato di dirigere il film sia perché voleva tornare a lavorare con un grande studio, sia perché era affascinato dal fatto che la storia fosse basata su eventi realmente accaduti[17]. Inoltre, conosceva già alcune storie sui Warren, ed era molto affascinato dalla loro attività[17]. Il regista scelse di rimanere più fedele possibile alla storia raccontata dai Warren, apportando a tal fine anche alcune modifiche alla sceneggiatura: nella prima versione dei fratelli Hayes i Perren avevano solo due figli, mentre nella versione finale, come nella realtà, ne hanno cinque[18]. Il regista, prima dell'inizio delle riprese, dispose anche un incontro sul set con Lorraine Warren[18], tuttavia si rifiutò di visitare la vera abitazione al centro delle vicende narrate, a suo dire perché l'idea lo spaventava, in quanto tende a credere a questo genere di storie soprannaturali[17].

La regia di James Wan fa uso da inquadrature scorrevoli e bruschi cambi di scena[19]; caratteristiche sono le sequenze in cui si passa dalla rappresentazione degli interni agli esterni della casa protagonista, con una serie di dolci zoomate e riprese estese che ricordano lo stile di Robert Altman[20]. In alcune scene nelle quali uno dei personaggi vede un fantasma, questo non viene mostrato allo spettatore, il quale vede solo l'espressione terrorizzata del personaggio; tale senso di invisibilità secondo Wan rende una scena più paurosa, lasciando immaginare al pubblico cosa il protagonista potrebbe aver visto di tanto raccapricciante[21]. «È quello che credi di vedere attraverso la musica e il design sonoro che realmente ti prende», spiegò il regista, il quale preferì quindi che per buona parte del film le entità demoniache potessero essere solo «percepite», ma non viste[22]. Come sostenuto dallo stesso Wan, la regia si rifà al cinema horror classico, rappresentato da opere come L'esorcista e Amityville Horror, facendo poco uso di effetti visivi[23].

Cast[modifica | modifica sorgente]

Il casting si svolse tra i mesi di gennaio e febbraio 2012[24][25][11][26].

« Non ho mai avuto a che fare con una strapotenza demoniaca in persona, ma ho anche io i miei spauracchi nel cassetto; ci sono persone che conosco, e che rispetto, a cui qualcosa di sovrannaturale è accaduto nella vita. Lo stesso vale per Lorraine: io le credo, a priori. È gentile, compassionevole, trasmette grande empatia e ti permette di vedere le cose da un altro punto di vista »
(Vera Farmiga parlando del suo personaggio[27])
Vera Farmiga e Patrick Wilson interpretano i coniugi Warren Vera Farmiga e Patrick Wilson interpretano i coniugi Warren
Vera Farmiga e Patrick Wilson interpretano i coniugi Warren
  • Vera Farmiga interpreta Lorraine Warren. L'attrice rimase molto suggestionata dall'esperienza, affermando di essersi spesso svegliata di notte alle 3:07 per un lungo periodo, anche dopo la fine della produzione[28][29]. Prima delle riprese, insieme a Patrick Wilson, trascorse tre giorni in compagnia di Lorraine presso la sua residenza in Connecticut[30]. Per la Farmiga, la quale rimase molto affascinata da Lorraine, l'aspetto più apprezzabile della trama è rappresentato dalla forte affinità tra i coniugi Warren e dal legame reciprocamente compassionevole creatosi con la famiglia Perron[30]. Lorraine, commentando la sua interpretazione, si disse convinta che l'attrice sia riuscita a trasmettere nel film la sua essenza[30].
  • Patrick Wilson interpreta Ed Warren. In un'intervista spiegò come lui e la Farmiga abbiano cercato di interpretare i loro personaggi nel modo più accurato possibile, impegnandosi affinché risultassero audaci e non banali, provando a rappresentare le eccentricità che li caratterizzavano, le quali si riflettevano anche nel modo di vestire[30][31]. L'attore statunitense ebbe occasione di definirsi come un uomo dalla mente aperta, senza però precisare se riteneva vera la storia narrata; affermò tuttavia di credere nella buona fede dei Warren, le cui intenzioni a suo dire erano davvero volte a cercare di aiutare il prossimo[31].
  • Lili Taylor interpreta Carolyn Perron. L'attrice era molto scettica riguardo alle storie di fantasmi, comprese le vicende che avrebbe vissuto il suo personaggio nella realtà, pur credendo che Carolyn fosse realmente convinta di aver vissuto le esperienze narrate nel film[32]. La Taylor si disse amante del genere horror, in particolare dei classici come L'esorcista e Rosemary's Baby[32]. Secondo la Taylor, lo stile classico con cui James Wan ha diretto il film ricorda le opere di William Friedkin Il braccio violento della legge e L'esorcista[32]. In particolare, spiegò di apprezzare come Wan sia solito concedere al cast reazioni che altri registi non consentirebbero, poiché considerate inusuali e potenzialmente non del tutto comprensibili da parte del pubblico[32].
  • Ron Livingston interpreta Roger Perron. Anche lui apprezzò il modo con cui il regista concesse dello spazio al cast nelle varie interpretazioni; l'attore trovò inoltre molto utile e funzionale la scelta di Wan di girare le scene del film cronologicamente[33]. Livingston elogiò inoltre la scenografia del film, spiegando come la casa rappresenti una sorta di personaggio a sé stante[33].

Le cinque figlie dei Perron sono interpretate da Joey King, Shanley Caswell, Hayley McFarland, Mackenzie Foy e dall'esordiente Kyla Deaver; mentre la figlia dei Warren, Judy, è impersonata da Sterling Jerins[11][26][34]. Fanno parte del cast anche Marion Guyot, interprete della nonna di Judy; Steve Coulter nei panni di padre Gordan; Shannon Kook, interprete dell'assistente dei Warren, Drew; e John Brotherton, interprete dello scettico agente di polizia Brad[34].

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Con un budget complessivo di circa venti milioni di dollari[35], le riprese si svolsero tra i mesi di febbraio e aprile 2012 presso gli studi cinematografici EUE/Screen Gems e nei dintorni di Wilmington, nella Carolina del Nord[36][37][38]. Alcune scene furono girate anche presso l'University of North Carolina di Wilmington[39].

Durante le riprese, oltre a Lorraine Warren, anche Roger Perron e le sue figlie visitarono il set; la moglie Carolyn preferì invece restare lontana dal luogo che rievocava i fatti vissuti diversi decenni prima. Sul set non furono riportati particolari incedenti, tuttavia durante la loro visita, secondo alcuni membri della produzione, i Perron sarebbero stati investiti da un misterioso movimento d'aria, mentre Carolyn, nella sua casa di Atlanta, avvertiva una presenza, cadendo e rompendosi un'anca[40][8]. Poco dopo, l'hotel dove alloggiava il cast, fu evacuato per un principio d'incendio[40].

Scenografia[modifica | modifica sorgente]

La scenografia fu curata da Julie Berghoff[41]. Dopo aver esaminato molti casali, si decise di costruire la casa infestata da zero[8], mettendo in piedi una struttura di due piani che occupava oltre 500 metri quadri[42]. Il paesaggio circostante è invece quello di un'abitazione reale, per la cui rappresentazione il direttore della fotografia costruì un ciclorama di quasi 360 gradi[42].

Gli interni, disegnati tenendo conto delle lunghe inquadrature scorrevoli spesso usate dal regista, sono ispirati da varie abitazioni visitate durante la pre-produzione dalla Berghoff, compresa l'attuale casa della famiglia Perron[42]. Per le pareti si decise di evitare di usare pitture, affidandosi invece a vari strati di intonaco. Se per le pareti non furono usati colori vivaci, per rimanere fedeli agli interni tipici dell'abitazione rappresentata nel film, alcuni piccoli oggetti d'arredamento hanno colori più brillanti, variando dal verde sbiadito al rosso ruggine[42]. La cantina, il luogo più oscuro della casa, fu concepita sul modello dei classici ripostigli delle case della costa orientale degli Stati Uniti; segue quindi uno stile rudimentale, con rivestimenti sia in legno che in pietra, e un pavimento in terra[42]. Anche l'albero all'esterno dell'abitazione fu costruito dalla troupe; la scenografa lo presentò come un albero di pecan di 150 anni il quale ricorda una mano che esce dal terreno[42]. Secondo la Berghoff è l'elemento più caratteristico del film, come lo erano stati gli occhi della casa del film Amityville Horror, e ben rappresenta la maledizione del terreno su cui giace[18]. Costruito con l'aiuto della scultrice Katrina Johnson, è alto 15 metri e ha un diametro di quattro metri e mezzo[42].

Per quanto riguarda la bambola Annabelle, protagonista nelle prime scene del film, fu disegnata da Tony Rosen in modo che avesse un aspetto simile a quello umano, come richiesto dal regista[17]; mentre il vestito che indossa, un abito da sposa degli anni 1940, fu concepito dalla costumista Kristin M. Burke[43]. Annabelle, pur non essendo stata coinvolta nella storia dei Perron, era stata protagonista di un altro caso dei Warren anche nella realtà[2]. Per motivi legati ai diritti commerciali, tuttavia, è molto diversa da quella con cui hanno avuto a che fare i Warren, la quale era una comune bambola Raggedy Ann[2][17].

Costumi[modifica | modifica sorgente]

I costumi furono curati da Kristin M. Burke[41]. Poiché quasi tutto il film è ambietanto all'interno della casa, gli abiti e le acconciature rivestivano fondamentale importanza per l'autenticità dell'anno in cui hanno luogo i fatti narrati[43]. La Burke scelse gli abiti basandosi sulle molte fotografie rese disponibili da Lorraine Warren, così come alle molte altre trovate online. Secondo la costumista i Warren avevano uno stile diverso da quello tipico del periodo rappresentato nel film, mentre il personaggio di Lili Taylor ha uno stile che si evolve lungo la durata del film: se all'inizio la si vede indossare un abito molto femminile e floreale, in seguito indossa abiti sempre meno vivaci, i quali riflettono il suo stato d'animo sempre più dilaniato dagli eventi narrati[43]. Per le scene girate al campus universitario vestì circa 300 persone con abiti d'epoca[43].

Fotografia[modifica | modifica sorgente]

Il direttore della fotografia è John R. Leonetti[41], che si avvalse di camere Arriflex Arri Alexa e lenti Leica[42]. Leonetti spiegò di aver utilizzato una tavolozza di base, cercando di ottenere illuminazioni naturali; per la cantina usò una sola lampada da 250 watt, oltre ai fiammiferi usati dai protagonisti[42]. Diverse riprese furono combinate in fase di post-produzione per creare uniche, lente, sequenze. Per introdurre la nuova casa dei Perron, ad esempio, la famiglia viene prima inquadrata dall'alto, con una camera piazzata su una gru, all'esterno della casa intenta a scaricare i bagagli; subito dopo, con una steadicam, viene presentato il soggiorno della casa, per poi passare in cucina e quindi direttamente nella veranda sul retro. «L'intero ambiente è organicamente introdotto con un inquietante tono sommesso, in modo che la tensione possa aumentare da lì in poi», ebbe occasione di spiegare il direttore della fotografia[42]. Anche se sembra una sola ininterrotta sequenza, si tratta di due riprese unite in fase di montaggio, nelle quali gli ingressi, sul set coperti da schermi verdi, vennero aggiunti in seguito come effetti visivi[42]. Caratteristico è l'uso di un lento zoom per creare suspense, tipico dei film degli anni 1970[42]. Il regista James Wan ebbe modo di apprezzare il lavoro di Leonetti paragonandolo a un dipinto su tela; secondo il regista il suo stile è molto classico, ricorda quello rinascimentale italiano e le tecniche di Rembrandt[42].

Mentre nella realtà i Warren giravano i loro filmati in formato 8mm, Leonetti scelse di far usare ai personaggi del film il 16mm, in grado poi di essere meglio proiettato su grandi spazi[43].

Montaggio[modifica | modifica sorgente]

Durante la fase di montaggio, curata da Kirk M. Morri[41], furono eliminate scene per circa 20-30 minuti; una prima versione del film che sfruttava tutto il materiale girato durava infatti poco più di due ore[44]. Tuttavia, secondo il regista, si tratta di tagli che rientrano nella normale fase di montaggio e nessuna scena degna di essere inclusa tra i contenuti extra dell'edizione home video era stata eliminata[44].

I titoli di coda comprendono reali foto d'epoca sia della famiglia Perron che dei Warren[45].

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film fu curata da Joseph Bishara, il quale aveva già lavorato con James Wan per Insidious. Bishara, il quale dichiarò di essere stato influenzato anche dalle opere di Dario Argento, John Carpenter e dalle composizioni di Howard Shore[46], è anche l'interprete di Bathsheba. Per fargli assumere l'aspetto dello spettro, i truccatori necessitavano più di cinque ore di lavoro[47].

Secondo Mike Todd, membro dell'ASCAP, la colonna sonora si caratterizza per la presenza di «una sfilza di laceranti dissonanze, incalzanti suoni elettronici e crescendi improvvisi»[48].

Album[modifica | modifica sorgente]

Le musiche composte per il film vennero pubblicate dalla La-La Land Records il 16 luglio 2013; l'album comprende ventiquattro pezzi composti da Joseph Bishara e uno dal compositore Mark Isham[49]. All'esecuzione di alcuni pezzi contribuì anche Diamanda Galás[23][48].

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. The Conjuring – 1:01 (Joseph Bishara)
  2. Dead Birds – 0:35 (Joseph Bishara)
  3. Clap Game – 5:23 (Joseph Bishara)
  4. Witch Perch – 2:32 (Joseph Bishara)
  5. Maurice – 0:59 (Joseph Bishara)
  6. Touring Haunted Planes – 1:37 (Joseph Bishara)
  7. Taped Occurrences – 2:00 (Joseph Bishara)
  8. Black Bile – 1:04 (Joseph Bishara)
  9. She Saw Something – 1:10 (Joseph Bishara)
  10. Look What She Made Me Do – 0:35 (Joseph Bishara)
  11. Sleepwalker – 1:34 (Joseph Bishara)
  12. Wall Searching – 0:28 (Joseph Bishara)
  13. Hanging Drop – 2:14 (Joseph Bishara)
  14. Water Corpse Vision – 1:44 (Joseph Bishara)
  15. You Look Very Pretty – 1:49 (Joseph Bishara)
  16. Souls Pulled In – 1:43 (Joseph Bishara)
  17. Witch Comes Through – 1:29 (Joseph Bishara)
  18. Birds Pulled In – 1:15 (Joseph Bishara)
  19. Murderous Offering – 0:58 (Joseph Bishara)
  20. The Soaring Entities – 3:15 (Joseph Bishara)
  21. Ritual Casting – 3:25 (Joseph Bishara)
  22. Cellar Tone – 0:59 (Joseph Bishara)
  23. Annabelle – 3:32 (Joseph Bishara)
  24. Doll Box – 0:48 (Joseph Bishara)
  25. Family Theme – 4:35 (Mark Isham)

Durata totale: 46:44

Altri brani[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora, come indicato nei titoli di coda del film, fa uso anche dei seguenti tre brani[50]:

  1. The ZombiesTime of the Season (Rod Argent)
  2. Betsy BryeSleep Walk (John Farina, Santo Farina, Ann Farina e Don Wolf)
  3. Dead Man's BonesIn the Room Where You Sleep (Ryan Gosling e Zach Shields)

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

James Wan alla presentazione del film (WonderCon 2013 di Anaheim)

Dopo test screening molto positivi, i cui risultati, che mostravano circa il 90% del pubblico che aveva assistito alle anteprime giudicare il film «ottimo» o «eccellente», furono definiti da Variety «senza precedenti»[51], la Warner Bros. programmò l'uscita del film nelle sale cinematografiche statunitensi per il 19 luglio 2013[52], un mese dopo il debutto ufficiale al Los Angeles Film Festival del precedente 21 giugno[53].

La data d'uscita dell'edizione italiana, intitolata L'evocazione - The Conjuring, venne programmata per il 21 agosto 2013[54]. Altre date d'uscita internazionali nel corso del 2013 sono[55][56]:

  • 18 luglio in Australia e Nuova Zelanda, con il titolo The Conjuring
  • 19 luglio in Spagna, con il titolo Expediente Warren: The Conjuring
  • 26 luglio in Polonia, con il titolo Obecnosc
  • 1º agosto in Germania, con il titolo Conjuring - Die Heimsuchung
  • 2 agosto nel Regno Unito, con il titolo The Conjuring
  • 8 agosto in Argentina, con il titolo El conjuro
  • 21 agosto in Francia, con il titolo Conjuring: Les dossiers Warren
  • 22 agosto in Cile, con il titolo El conjuro
  • 23 agosto in Finlandia, con il titolo Kirottu
  • 30 agosto in Turchia, con il titolo Korku Seansi
  • 5 settembte in Croazia, con il titolo Prizivanje
  • 13 settembre in Brasile, con il titolo Invocação do Mal
  • 19 settembre in Portogallo, con il titolo A Evocação
  • 27 settembre in Sudafrica, con il titolo The Conjuring
  • 11 ottobre in Giappone

Divieti[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti, The Conjuring fu distribuito nelle sale con il visto censura "Restricted" (R), il quale vieta la visione ai minori di diciassette anni non accompagnati; l'apposizione di tale visto sorprese James Wan, in quanto la pellicola non è ricca di scene molto cruente o nudità[57]. Il regista provò anche a chiedere un cambio del visto offrendosi di tagliare alcune scene, se ritenute troppo macabre, ma la Motion Picture Association of America specificò che eventuali tagli sarebbero stati inutili, in quanto è il film in sé ad essere troppo pauroso per un pubblico adolescente[57].

In Germania e Spagna fu vietato ai minori di 16 anni[58][59]; nel Regno Unito ai minori di 15 anni[60]; mentre in Italia ai minori di 14 anni[61].

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Incassi[modifica | modifica sorgente]

L'evocazione - The Conjuring raccolse un ottimo riscontro di pubblico. Al suo debutto negli Stati Uniti, si affermò come il film horror con un visto censura "Restricted" (R) ad aver incassato di più sia in un giorno d'apertura, con circa diciassette milioni di dollari, sia in un intero week-end d'esordio, con quasi 42 milioni di dollari[62][63].

Il film, la cui produzione era costata venti milioni di dollari, registra un incasso di circa 137 milioni di dollari negli Stati Uniti e oltre 305 milioni di dollari in tutto il mondo[4].

Critica[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« Can a haunted house still be frightening? This surprise American hit of the summer, which out-grossed every blockbuster it was up against, delivers spectacular reassurance that it can. »
(IT)
« Una casa infestata può ancora fare paura? Questo sorprendente successo americano dell'estate, che ha fatto meglio di ogni blockbuster con cui si è confrontato, ne è una straordinaria garanzia. »
(4/5 stelle Chris Tookey, Daily Mail[64])

Il film fu accolto positivamente dalla critica. Justin Chang su Variety lo definì «uno straordinariamente piacevole horror vecchia scuola, uno dei thriller più efficaci e intensi della storia recente»[65]. Il critico, che giudicò molto ben riuscita la scenografia di Julie Berghoff, apprezzò la regia del film, spiegando come James Wan sia riuscito ad ottenere un ottimo bilanciamento tra le scene che sfruttano il potere della suggestione e quelle che si affidano ad un horror più intenso e aggressivo[65]. Il New York Times lo presentò come un film con casa infestata «straordinariamente efficace»[19], mentre per il Chicago Sun-Times è dotato di un livello di scrittura e recitazione che si vedono raramente in film dello stesso genere[66].

Il Chicago Tribune valutò il film con tre stelle e mezzo su quattro[20]. Per il quotidiano statunitense, secondo cui la regia ricorda lo stile di Robert Altman, si tratta del «miracolo dell'anno»; un Amityville Horror del nuovo secolo, ma molto meglio ben riuscito del film del 1979[20]. Per USA Today, che lo presentò come uno dei film di case infestate e possessioni demoniache più paurosi degli ultimi anni, la sua quiete, la costante costruzione di suspense e la splendida fotografia rievocano le opere del cinema horror degli anni 1970, come L'esorcista[67]. Il The Hollywood Reporter, oltre alla regia, apprezzò molto le interpretazioni del cast, in particolare quella di Vera Farmiga, la sceneggiatura di Julie Berghoff, i costumi di Kristin M. Burke e la colonna sonora di Joseph Bishara[23]. Secondo il Miami Herald si tratta di uno dei film più autenticamente spaventosi che un grande studio abbia prodotto da molto tempo[68]; anche Rolling Stone lo giudicò molto pauroso, valutandolo con tre stelle su quattro[69]. Bruce Diones sul New Yorker giudicò la sceneggiatura convincente e la regia da applausi, spiegando come Wan sia riuscito ad assemblare gli eventi soprannaturali in una «piccola sinfonia hitchcockniana di terrore»[70]. Tra le testate ad accogliere meno positivamente la pellicola ci fu invece il sito IndieWire, per il quale la sua seconda metà soffre la presenza di molti cliché[71]. A tal proposito Ed Gonzalez su Slant Magazine scrisse: «Anche se The Conjuring rivendica di essere basato su una storia vera, in realtà è basato su ogni film horror che l'ha preceduto»[72].

Nel Regno Unito il Daily Mail lo valutò con quattro stelle su cinque, spiegando come il raccontare la storia dai punti di vista di due diverse famiglie abbia dato al film un maggiore senso di realismo[64]. Secondo il quotidiano londinese, pur senza rivoluzionare il genere horror o ricorrere a scene molto violente, è un film autenticamente spaventoso, dotato inoltre di un elemento non comune tra i film horror: l'essere plausibile[64]. Il Telegraph, invece, pur considerandolo un buon film, spiegò come il rifarsi al cinema horror del passato rappresenta un limite al potenziale effetto pauroso del film per chi ha già visto gli horror classici, specialmente quelli a tema casa infestata[73]. In Spagna Hoy Cinema, edito da ABC, apprezzò come il film riesca ad offrire una storia di forte impatto senza gli eccessi tipici dei blockbuster hollywoodiani[74]. Per Susana Peral, critica di Cineralia, la pellicola, dotata di spettacolari scene di tensione, racchiude il meglio dei film horror del passato; la giornalista apprezzò molto le interpretazioni del cast, le scenografie, le musiche e i costumi[75]. In Italia Repubblica lo presentò come «l'opera più realistica firmata da James Wan»[27], mentre il Corriere della Sera definì il film «una cronaca familiare crescente di paura e tensioni»[76].

Promozione[modifica | modifica sorgente]

Il film venne presentato la prima volta nel mese di ottobre 2012 al New York Comic Con, dove venne proiettato per i visitatori un primo filmato promozionale[77]. Durante il mese seguente vennero diffuse le prime immagine promozionali, raffiguranti i personaggi di Ed e Lorraine Warren[78]. Il 27 febbraio 2013 vennero distribuiti online il primo trailer e il primo poster ufficiale[77]. Il 30 marzo un padiglione venne dedicato alla presentazione del film anche al WonderCon di Anaheim[79]. La prima edizione italiana del trailer fu distribuita dal successivo 2 aprile[80].

Per tutta la campagna promozionale, il film venne insistentemente reclamizzato come «basato su una storia vera»; durante le settimane precedenti il debutto nelle sale diversi teaser trailer e spot televisivi vedevano protagonisti anche la vera famiglia Perron[81][82]. Una featurette vedeva anche Lorraine Warren e altri investigatori del paranormale spiegare alcuni degli eventi soprannaturali illustrati nel film[83].

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ottenuto i seguenti ricoscimenti[84]:

  • 2013 - Fright Meter Award
    • Premio per il miglior film
    • Premio per la miglior regia a James Wan
    • Premio per il miglior cast corale
    • Premio per la miglior attrice non protagonista a Lili Taylor
    • Premio per la miglior fotografia a John R. Leonetti
    • Candidatura per il miglior trucco
    • Candidatura per i migliori effetti speciali
  • 2013 - Key Art Awards
    • Candidature nelle categorie miglior trailer e miglior tecnica audio/visiva
  • 2014 - Golden Trailer Awards
    • Premio per il miglior film horror
    • Premio per il miglior spot televisivo horror
    • Candidatura per il miglior doppiaggio in uno spot televisivo

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

L'edizione home video originale del film viene distribuita su DVD e Blu-ray, oltre che su piattaforme online di video on demand, dal 22 ottobre 2013 a cura della Warner Bros. Home Entertainment[85]. Il cofanetto Blu-ray include le seguenti tre featurette, solo l'ultima delle quali presenti anche in quello DVD[85]:

  • The Conjuring: Face-to-Face with Terror
  • A Life in Demonology
  • Scaring the "@$*%" Out of You

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  • In un dialogo del film viene fatto riferimento al processo alle streghe di Salem[86].
  • In una sequenza si vede la televisione dei Perron trasmettere la serie televisiva La famiglia Brady (The Brady Bunch)[19][87].
  • Alcune scene iniziali con protagonista la bambola Annabelle ricordano la prima parte del film Dead Silence, anch'esso diretto da James Wan[87].
  • La scena in cui molti uccelli neri si schiantano contro il casale dei Perron è un omaggio al film Gli uccelli (The Birds)[88].
  • La palla che si muove autonomamente in cantina è un omaggio a Changeling[89].
  • Alcune inquadrature delle ante dell'armadio ricordano le porte della casa de Gli invasati (The Haunting)[87].
  • Il riflesso a spirale del carillon ricorda alcune scene di Ricatto (Blackmail)[87].
  • Altre sequenze, come l'inquadratura di un televisore che mostra un effetto neve, ricordano Poltergeist - Demoniache presenze[87][90].
  • Nelle ultime scene del film è presente un accenno ad un nuovo caso per i Warren a Long Island, lo stesso luogo in cui è ambientato, a qualche anno di distanza, Amityville Horror[87].

Sequel e spin-off[modifica | modifica sorgente]

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Il 16 luglio 2013 il presidente della New Line Cinema Toby Emmerich annunciò che lo sviluppo di un sequel era già avviato, con la scrittura della sceneggiatura ancora affidata ai fratelli Carey e Chad Hayes[5]. Emmerich confermò inoltre che, considerata la moltitudine di storie soprannaturali legate a Ed e Lorraine Warren, The Conjuring poteva rappresentare l'inizio di una saga[5]. Sia Vera Farmiga che Patrick Wilson, il cui contratto per il primo film già prevedeva un'opzione per almeno un seguito, secondo le intenzioni dei produttori torneranno quindi a vestire i panni dei coniugi Warren alle prese con un altro dei loro numerosi casi[91].

Il 25 febbraio 2014 è stato annunciato che il sequel, il quale sarà diretto da un altro regista, esordirà nelle sale cinematografiche statunitensi il 23 ottobre 2015[92].

Spin-off[modifica | modifica sorgente]

Nel mese di novembre 2013 fu annunciata anche la produzione di uno spin-off, Annabelle, incentrato sull'omonima bambola protagonista di alcune scene del film[93]. Diretto da John R. Leonetti, il film, che vede tra i protagonisti Annabelle Wallis, Ward Horton e Alfre Woodard, uscirà nelle sale statunitensi il 3 ottobre 2014[92][94].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (EN) Bryan Alexander, The 'true' story behind 'The Conjuring' in USA Today, 22 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  2. ^ a b c d (EN) The Conjuring True Story - Real Bathsheba Witch, Real Perron Family, HistoryVsHollywood.com. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) The Conjuring, Metacritic. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  4. ^ a b (EN) The Conjuring, Box Office Mojo. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  5. ^ a b c (EN) Dave McNary, ‘Conjuring' Sequel in Development at New Line (EXCLUSIVE) in Variety, 16 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  6. ^ a b (EN) Vincent Funaro, Demonologist Lorraine Warren Discusses New Movie 'The Conjuring' Exorcism and Faith in The Christian Post, 17 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  7. ^ a b (EN) Lorraine Warren, rockymountainparanormal.com. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  8. ^ a b c (EN) Dave Trumbore, 30 Things to Know from Our Set Visit to James Wan's THE CONJURING, Starring Vera Farmiga, Patrick Wilson, Ron Livingston and Lili Taylor in Collider, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  9. ^ (EN) Ginae B. McDonald, The Conjuring (2013): Quotes (Photos) in examiner.com, 21 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  10. ^ (EN) Patrick Wilson met real-life conjurer during movie research in Hollywood.com, 21 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  11. ^ a b c (EN) Eric Eisenberg, Twilight And Dark Knight Rises Actresses Join James Wan's The Warren Files in Cinema Blend, 6 febbraio 2012. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  12. ^ a b c d (EN) Nellie Andreeva, What's In A Title? ‘The Conjuring' Producer And New Line In Dispute Over TV Rights in Deadline, 21 giugno 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  13. ^ (EN) B. Alan Orange, James Wan to Direct The Conjuring for New Line in Movie Web, 22 giugno 2011. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  14. ^ a b c (EN) Dave Trumbore, Screenwriters Chad and Carey Hayes Talk THE CONJURING, Finding the Film's Point of View, Real Life Paranormal Incidents and the Appeal of Horror in Collider, 5 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  15. ^ a b (EN) Commentary with the writers of The Conjuring (PDF), BarbaraBruce.com, luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013 (archiviato il 2 settembre 2013).
  16. ^ (EN) Dave Trumbore, James Wan Talks THE CONJURING, the Movie’s Tone and Scope, a Possible Franchise, the Movie’s Visual and Musical Style and Reinventing Haunted House Films in Collider, 28 giugno 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  17. ^ a b c d e (EN) Clark Collis, Director James Wan talks 'The Conjuring' and 'Insidious 2' and confirms we'll be seeing more of (spoiler) in 'Fast & Furious 7' in Entertainment Weekly, 5 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  18. ^ a b c (EN) Perri Nemiroff, From the Set: The Conjuring Interview Highlights in ShockTillYouDrop.com, 26 giugno 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  19. ^ a b c (EN) Manohla Dargis, Homeownership Has Its Perils in The New York Times, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  20. ^ a b c (EN) Michael Phillips, 'Conjuring': Haunting, in all the best ways in Chicago Tribune, 16 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013 (archiviato il 29 agosto 2013).
  21. ^ (EN) Andy Greene, 'Conjuring' Director James Wan on the Legacy of 'Saw,' Plans for 'Fast and Furious 7' in Rolling Stone, 19 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  22. ^ Black, op. cit., p. 10 e 15
  23. ^ a b c (EN) Sheri Linden, The Conjuring: LAFF Review in The Hollywood Reporter, 22 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  24. ^ (EN) Brian Gallagher, Vera Farmiga and Patrick Wilson Join The Conjuring in Movie Web, 20 gennaio 2012. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  25. ^ (EN) Brian Gallagher, Ron Livingston and Lili Taylor Join The Conjuring in Movie Web, 24 gennaio 2012. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  26. ^ a b (EN) Steven Davies, 'The Warren Files' Scares Up Shanley Caswell and Hayley McFarland in horror-asylum.com, 9 febbraio 2012. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  27. ^ a b Filippo Brunamonti, The Conjuring, non entrate in quella casa: che paura il film-fenomeno dell'estate in la Repubblica, 26 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  28. ^ (EN) Q&A with 'The Conjuring' star Vera Farmiga in philstar.com, 5 agosto 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  29. ^ (EN) Mark Deming, Vera Farmiga Tells How ‘The Conjuring’ Is Still Keeping Her Up at Night in Yahoo! Movies, 20 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  30. ^ a b c d (EN) Steve 'Frosty' Weintraub, Vera Farmiga and Paranormal Investigator Lorraine Warren Talk THE CONJURING, the Nature of Evil, Their Relationship, and More in Collider, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  31. ^ a b (EN) Dave Trumbore, Patrick Wilson Talks THE CONJURING, Working with James Wan, Characterizing the Warrens, a Possible Franchise, Meeting Lorraine Warren and Skepticism in Collider, 26 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  32. ^ a b c d (EN) Dave Trumbore, Lili Taylor Talks THE CONJURING, Getting into Character, Her Stages of Possession, Scaring Her On-Screen Daughters and Her Favorite Horror Films in Collider, 26 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  33. ^ a b (EN) Dave Trumbore, Ron Livingston Talks THE CONJURING, Why He Got Involved, Meeting His Real-Life Counterpart, Building Chemistry with His Film Family and the Immersive Set in Collider, 26 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  34. ^ a b Black, op. cit., p. 1
  35. ^ (EN) Amy Kaufman, 'The Conjuring' to scare off pricey 'R.I.P.D.' on crowded weekend in Los Angeles Times, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  36. ^ (EN) Major New Line Cinema feature film 'The Conjuring' auditions in North Carolina, featurefilmauditions.com. URL consultato il 29 agosto 2013.
  37. ^ (EN) 'The Warren Files' cast and crew shoots in Wilmington area, Storify. URL consultato il 29 agosto 2013.
  38. ^ (EN) Filming locations for The Conjuring, Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2013.
  39. ^ (EN) Brian Tucker, ‘The Warren Files' takes UNCW campus back in time, Star News Online, 19 marzo 2012. URL consultato il 29 agosto 2013.
  40. ^ a b Black, op. cit., p. 5
  41. ^ a b c d (EN) Full cast and crew for The Conjuring, Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2013.
  42. ^ a b c d e f g h i j k l m Black, op. cit., pp. 10-13
  43. ^ a b c d e Black, op. cit., pp. 14-15
  44. ^ a b (EN) Steve 'Frosty' Weintraub, Director James Wan Talks THE CONJURING, Deleted Scenes, Test Screenings, FAST AND FURIOUS 7, and INSIDIOUS 2 in Collider, 21 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  45. ^ (EN) Mikey Clarke, Film Review: The Conjuring (15) in Esp Magazine, 12 agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  46. ^ (EN) Ken Nelson, Interview With THE CONJURING’s Jack-Of-All-Trades Joseph Bishara – Part 2 in Geek Room, 19 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  47. ^ (EN) Ken Nelson, Interview With THE CONJURING’s Jack-Of-All-Trades Joseph Bishara -Part 1 in Geek Room, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  48. ^ a b (EN) Mike Todd, Joseph Bishara on The Conjuring in ASCAP, 19 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  49. ^ (EN) ‘The Conjuring' Soundtrack Details in Film Music Reporter, 19 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  50. ^ Soundtracks for The Conjuring, Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2013.
  51. ^ (EN) Marc Graser, Andrew Stewart, 'Conjuring' test screenings scare up B.O. potential in Variety, 14 ottobre 2012. URL consultato il 29 agosto 2013.
  52. ^ (EN) The Conjuring, comingsoon.net. URL consultato il 29 agosto 2013.
  53. ^ (EN) ‘The Conjuring' To Debut At LA Film Fest in Deadline, 10 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  54. ^ L'evocazione - The Conjuring, comingsoon.it. URL consultato il 29 agosto 2013.
  55. ^ Release Info for The Conjuring, Internet Movie Database. URL consultato il 29 agosto 2013.
  56. ^ The Conjuring - Worldwide Release Dates, Warner Bros.. URL consultato il 29 agosto 2013.
  57. ^ a b (EN) Patrick Kevin Day, ‘The Conjuring': Director James Wan channels real-life scares in Los Angeles Times, 3 aprile 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  58. ^ (DE) Conjuring - Die Heimsuchung, filmstarts.de. URL consultato il 12 agosto 2013.
  59. ^ (ES) El expediente Warren: The Conjuring, El País. URL consultato il 12 agosto 2013.
  60. ^ (EN) The Conjuring, British Board of Film Classification, 23 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  61. ^ Nulla osta n. 107593, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Direzione generale per il cinema), 1º agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  62. ^ (EN) Scott Mendelson, Friday Box Office: 'The Conjuring' Scares Up Huge $17 Million in Forbes, 20 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  63. ^ (EN) Ray Subers, Weekend Report: 'Conjuring' Haunts First With Record Opening in Box Office Mojo, 21 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  64. ^ a b c (EN) Chris Tookey, The Conjuring: Watch this and you'll never play hide and seek again! in Daily Mail, 1º agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  65. ^ a b (EN) Justin Chang, Film Review: ‘The Conjuring' in Variety, 22 giugno 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  66. ^ (EN) Richard Roeper, ‘The Conjuring' bends the cliches of the scary movie in Chicago Sun-Times, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  67. ^ (EN) Claudia Puig, 'The Conjuring' weaves an unearthly spell in USA Today, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  68. ^ (EN) Rene Rodriguez, 'The Conjuring' (R) in Miami Herald, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  69. ^ (EN) Peter Travers, The Conjuring in Rolling Stone, 19 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  70. ^ (EN) Bruce Diones, The Conjuring in The New Yorker, luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  71. ^ (EN) Eric Kohn, Review: James Wan's 'The Conjuring' Is Filled With Scares, But What's the Point? in IndieWire, 17 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  72. ^ (EN) Ed Gonzalez, The Conjuring: Film Review in Slant Magazine, 11 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  73. ^ (EN) Robbie Collin, The Conjuring, review in The Daily Telegraph, 1º agosto 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  74. ^ (ES) Federico Marín Bellón, Crítica de «Expediente Warren. The Conjuring» (★★★★): Terror duradero in Hoy Cinema, ABC, 19 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  75. ^ (ES) Susana Peral, Crítica de “Expediente Warren: The Conjuring”. Una realidad Terrorífica in Cineralia, 20 luglio 2013. URL consultato l'11 agosto 2013 (archiviato il 2 ottobre 2013).
  76. ^ Maurizio Porro, L'evocazione in Corriere della Sera, 27 agosto 2013. URL consultato il 2 settembre 2013 (archiviato il 1º settembre 2013).
  77. ^ a b (EN) Kristy Puchko, Lili Taylor Plagued By Poltergeists In The Conjuring Trailer in Cinema Blend, 27 febbraio 2013. URL consultato il 29 aprile 2013.
  78. ^ (EN) Clark Collis, 'The Conjuring': First look at 'Insidious' director James Wan's new horror movie -- EXCLUSIVE in Entertainment Weekly, 16 novembre 2012. URL consultato il 29 agosto 2013.
  79. ^ (EN) More Horrors of WonderCon 2013: Hannibal, Hemlock Grove, Pacific Rim, The Conjuring, Mortal Instruments, and More in Dread Central, 16 marzo 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  80. ^ L'evocazione - The Conjuring: il trailer italiano del film di James Wan, comingsoon.it, 2 aprile 2013. URL consultato il 29 aprile 2013.
  81. ^ (EN) Russ Fischer, New ‘The Conjuring' Trailer: The Real Family Speaks in slashfilm.com, 27 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  82. ^ (EN) H. Shaw-Williams, ‘The Conjuring' Trailer #3: The Real Perron Family Tell Their Story in Screen Runt, luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  83. ^ (EN) The Devil's Hour Focus Of New 'The Conjuring' Featurette; Scare Prank Viral, Bloody Disgusting, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  84. ^ (EN) Awards for The Conjuring, Internet Movie Database. URL consultato il 30 giugno 2014.
  85. ^ a b (EN) Brian Gallagher, The Conjuring Blu-ray and DVD Debut October 22nd in Movie Web, 12 settembre 2013. URL consultato il 13 settembre 2013.
  86. ^ (EN) Andrew O'Hehir, “The Conjuring”: Right-wing, woman-hating and really scary in Salon.com, 18 luglio 2013. URL consultato il 29 agosto 2013.
  87. ^ a b c d e f (EN) The Conjuring - Connections, Internet Movie Database. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  88. ^ (EN) Movie Review: The Conjuring in Geeks of Doom, 19 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  89. ^ (EN) The Conjuring (2013), Culture Crypt. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  90. ^ (EN) (BD Review) 'The Conjuring' Will Rattle You To Your Core!, Bloody Disgusting, 22 giugno 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  91. ^ (EN) Sheridan Passell, The Conjuring 2 – Sequel Plans in movie-moron.com, 22 luglio 2013. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  92. ^ a b (EN) Borys Kit, 'Conjuring 2' Gets a Release Date in The Hollywood Reporter, 25 febbraio 2014. URL consultato il 26 febbraio 2014.
  93. ^ (EN) Nick Venable, The Conjuring's Annabelle Doll Is Getting A Spinoff Because That's How Hollywood Rolls in Cinema Blend, 9 novembre 2013. URL consultato il 30 giugno 2014.
  94. ^ (EN) Dave McNary, Alfre Woodard Materializes in Horror-Thriller ‘Annabelle’ (EXCLUSIVE) in Variety, 30 gennaio 2014. URL consultato il 30 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema
Questa è una voce di qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce di qualità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 2 ottobre 2013vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti altri suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Criteri di ammissione  ·  Segnalazioni  ·  Voci di qualità in altre lingue