The Concert for Bangladesh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Concert for Bangladesh
Artista George Harrison
Featuring Ringo Starr, Ravi Shankar, Leon Russell, Billy Preston, Eric Clapton, Bob Dylan
Tipo album Live
Pubblicazione 20 dicembre 1971
Durata 1 h : 42 min : 57 s
Dischi 3
Tracce 19
Genere Pop
Rock
Etichetta Apple Records/Sony Music
Produttore George Harrison/Phil Spector
Registrazione 1 agosto 1971
George Harrison - cronologia
Album precedente
(1970)

The Concert for Bangladesh è un triplo album ricavato dal concerto di beneficenza per il Bangladesh, tenutosi al Madison Square Garden di New York il 1º agosto 1971. Benché sia accreditato a "George Harrison and Friends", per l'impegno profuso e il forte coinvolgimento, viene a ragione considerato il quarto album della carriera solista di George Harrison.

L'album[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Essendo stato messo al corrente dall'amico Ravi Shankar a proposito della gravità delle condizioni delle popolazioni del Bangladesh, George Harrison organizzò in fretta un evento senza precedenti: un concerto di beneficenza con la partecipazione di varie rock star. L'impegno profuso da Harrison nell'organizzazione in prima persona dell'evento fu enorme e frenetico.

Dopo i rifiuti di Paul McCartney (per questioni legate al management dei componenti dei Beatles) e di John Lennon (per il rifiuto da parte di Harrison di un'esibizione in coppia con la moglie Yoko Ono), le star partecipanti furono: George Harrison, Ringo Starr, Ravi Shankar, Leon Russell, Billy Preston, Eric Clapton e Bob Dylan. Riguardo a quest'ultimo (all'epoca in condizioni quasi d'esilio[non chiaro]) la partecipazione fu in bilico fino all'ultimo, e solo l'amicizia con Harrison riuscì a dissipare le sue paure.

Il concerto, l'album e il film ricavato, furono un enorme successo. Bob Geldof ha dichiarato che il concerto per il Bangladesh fu il pioniere dei concerti di beneficenza, compreso il Live Aid da lui organizzato.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel tempo molti altri personaggi hanno elogiato il ruolo di George Harrison in questo progetto umanitario, primo tra tutti Kofi Annan, ex segretario generale delle Nazioni Unite.

L'album vinse un Grammy Award nel 1973 come miglior album dell'anno.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Curly Brackets.svg

Tutte le canzoni sono interpretate da George Harrison, tranne dove indicato.

LP 1

Lato A

  1. George Harrison/Ravi Shankar introduction - 5:19
  2. Bangla Dhun (Ravi Shankar) - 16:40

Lato B

  1. Wah-Wah - 3:30
  2. My Sweet Lord - 4:36
  3. Awaiting on You All - 3:00
  4. That's The Way God Planned It (Billy Preston) - 4:20

LP 2

Lato C

  1. It Don't Come Easy (Ringo Starr) - 2:38
  2. Beware of Darkness - 3:26 (George Harrison e Leon Russell)
  3. Band introduction - 2:39
  4. While My Guitar Gently Weeps - 4:53

Lato D

  1. Medley: Jumpin' Jack Flash/Young Blood (Leon Russell, Leon Russell e Don Preston)- 9:27
  2. Here Comes the Sun - 2:59

LP 3

Lato E

  1. A Hard Rain's A-Gonna Fall (Bob Dylan) - 5:44
  2. It Takes a Lot to Laugh, It Takes a Train to Cry (Bob Dylan) - 3:07
  3. Blowin' in the Wind (Bob Dylan) - 4:07
  4. Mr. Tambourine Man (Bob Dylan) - 4:45
  5. Just Like a Woman (Bob Dylan) - 4:49

Lato F

  1. Something - 3:42
  2. Bangla-Desh - 4:55

Ristampa del 2005[modifica | modifica sorgente]

La ristampa contiene un artwork differente (ora c'è George Harrison in copertina), divide l'album in 2 cd e contiene un inedito: Love Minus Zero/No Limit, eseguita da Bob Dylan durante il concerto pomeridiano. Alla ristampa su CD si accompagna la pubblicazione del film su DVD, in versione normale e limitata.

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Artisti principali

The Band

  • Jesse Ed Davis – chitarra ritmica
  • Tom Evans – chitarra acustica
  • Pete Ham – chitarra acustica
  • Mike Gibbins – tambourine
  • Jim Keltner – batteria
  • Joey Molland – chitarra acustica
  • Don Preston – chitarre, armonie vocali
  • Carl Radle – basso
  • Klaus Voormann – basso

The Hollywood Horns

  • Jim Horn, Allan Beutler, Chuck Findley, Jackie Kelso, Lou McCreary, Ollie Mitchell - sassofono, tromba

Coriste

  • Don Nix, Jo Green, Jeanie Greene, Marlin Greene, Dolores Hall, Claudia Linnear - armonie vocali, cori

Crediti

Note[modifica | modifica sorgente]


Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock