The Burning Plain - Il confine della solitudine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Burning Plain - Il confine della solitudine
The Burning Plain.jpg
Titoli di testa
Titolo originale The Burning Plain
Lingua originale inglese, spagnolo
Paese di produzione USA
Anno 2008
Durata 107 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Guillermo Arriaga
Sceneggiatura Guillermo Arriaga
Casa di produzione 2929 Productions, Costa Films, Parkes/MacDonald Productions
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Robert Elswit, John Toll
Montaggio Craig Wood
Musiche Omar Rodríguez-López, Hans Zimmer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Burning Plain - Il confine della solitudine (The Burning Plain) è un film del 2008 scritto e diretto da Guillermo Arriaga, al suo esordio alla regia.

Il film è stato presentato in concorso alla 65ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e distribuito in anteprima mondiale in Italia dal 7 novembre 2008.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In questo film vengono affrontate alcune misteriose connessioni, tra alcuni personaggi, spazio-temporalmente separati.

La prima protagonista è una fredda responsabile di un ristorante di classe a Portland, Sylvia, che, per mettere a posto una sua vita emotiva e cancellare un peccato del suo passato, va a letto ogni sera con un uomo diverso. Poi c'è Mariana, una ragazzina sedicenne che ha una relazione con Santiago, entrambi rimasti orfani in un rogo, mentre la madre di lei ed il padre di lui stavano amoreggiando in un caravan nel Nuovo Messico. Poi Maria, una bambina messicana che vive con il padre Santiago, un pilota di aerei leggeri, fino al giorno in cui egli ha un incidente d'aereo, al quale sopravviverà. Maria cercherà di dedicarsi al perdono e all’amore, provando a rendere partecipi di questi sentimenti anche i suoi genitori. Infine Gina, una madre di quattro figli che lasciata parzialmente sola dal marito, trova una consolazione in una nuova relazione con Nick, dopo aver lottato disperatamente contro un tumore al seno.

La relazione tra Nick e Gina viene scoperta da Mariana, figlia di Gina che, acceccata dalla rabbia e dalla gelosia, manomette i strumenti del gas bruciando il caravan dove stavano amoreggiando. Da qui Santiago, figlio di Nick, inizia a frequentare Mariana e si innamorano ed hanno anche dei rapporti sessuali; la loro relazione viene scoperta dalle rispettive famiglie che subito si mettono contro i ragazzi, ma questo trovano la forza di ribellarsi fuggendo in Messico e iniziando una vita insieme; Mariana rimane incinta di una bimba, ma lei non vorrebbe tenerla; così dopo aver dato alla luce la figlia, Maria, abbandona Santiago e la bimba e cambia il suo nome in Sylvia.

Più di un decennio dopo, Carlos, amico del papà di Maria, va a cercare, Sylvia la madre della bambina. Sia Sylvia che Maria non hanno intenzione di conoscersi; poi Sylvia capisce gli errori commessi nel passato e la va a conoscere ricongiungendosi alla bambina.

Sylvia va in ospedale dove c'è Santiago addormentato; al suo capezzale, gli confessa i suoi peccati nel caso non dovesse mai più risvegliarsi. Poco più tardi, il medico confessa che Santiago è fuori pericolo e Maria corre da lui seguita da Sylvia che finalmente potrà ricongiungersi a lui.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle location del film sono: Depoe Bay, in Oregon, USA; sempre in Oregon a Portland e a Las Cruces, nel Nuovo Messico.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Burning Plain - Il confine della solitudine, antoniogenna.net. URL consultato il 9 marzo 2014.
  2. ^ Scheda del sito italiano aggiornato su Charlize Theron. URL consultato il 9 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema