The Book of Taliesyn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Book of Taliesyn
Artista Deep Purple
Tipo album Studio
Pubblicazione 11 dicembre 1968
Durata 65 min : 19 s
Dischi 1
Tracce 7
Genere Hard rock
Rock progressivo
Rock psichedelico
Etichetta Harvest Records (Regno Unito)
Tetragrammaton (USA)
Produttore Derek Lawrence
Registrazione agosto 1968
Note /
Deep Purple - cronologia
Album precedente
(1968)
Album successivo
(1969)

The Book of Taliesyn è il secondo album in studio dei Deep Purple.

Le tappe forzate dei tour minano il lavoro in studio e per questo il secondo album dei Deep Purple mantiene come il suo predecessore il bilanciamento tra cover e brani inediti. Come su Shades of Deep Purple è presente una cover dei Beatles, in questo caso We Can Work It Out. Nelle tracce bonus della versione rimasterizzata è presente Hey Bop a Re Bop, una canzone priva di senso che verrà rielaborata intitolandola The Painter; la troveremo nel successivo album Deep Purple. Al loro secondo lavoro non è comunque ancora ben chiara la direzione che verrà intrapresa dal gruppo successivamente, in quanto proseguirono con questo album un filone di rock psichedelico/progressivo. L'hard rock, che diverrà vero e proprio marchio di fabbrica, verrà maturato negli album successivi. L'album non ottiene lo stesso successo del primo e comincia a crearsi il clima che porterà all'allontanamento di Evans e Simper. Il brano Anthem, grande successo dell'album, è stato inciso dal complesso italiano Le macchie Rosse con il titolo Il vento della notte, fatto ascoltare ai Deep Purple, i quali hanno espresso un giudizio molto positivo tramite lettera letta in diretta nella famosa trasmissione radiofonica Per voi giovani condotta da Paolo Giaccio e Mario Luzzatto Fegiz in occasione dell'assegnazione del "Premio Campidoglio" conferito al gruppo Le Macchie Rosse come terzo migliore complesso dell'anno dopo i Pannafredda e i Formula Tre. Anthem è stato anche inciso in italiano dal cantante Delfo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Listen, Learn, Read On (Blackmore, Evans, Lord, Paice) - 4:05
  2. Wring That Neck (titolo originale Hard Road negli USA) (Blackmore, Lord, Paice, Simper) - 5:13
  3. Kentucky Woman (Neil Diamond) - 4:44
  4. Exposition (Blackmore, Simper, Lord, Paice) / We Can Work It Out (Lennon/McCartney)
  5. Shield (Blackmore, Evans, Lord) - 6:06
  6. Anthem (Evans, Lord) - 6:31dato
  7. River Deep, Mountain High (Jeff Barry, Ellie Greenwich, Phil Spector) - 10:12

Bonustrack dell'edizione CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Oh No No No (Leander, Russell) studio outtake - 4:25
  2. It's All Over (autore sconosciuto) BBC Top Gear Session - 4:14
  3. Hey Bop a Re Bop (Blackmore, Evans, Lord, Paice) BBC Top Gear Session - 3:31
  4. Wring That Neck (Blackmore, Lord, Paice, Simper) BBC Top Gear Session - 4:42
  5. Playground (Blackmore, Lord, Paice, Simper) instrumental studio outtake - 4:29

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock