That's Amore - Due improbabili seduttori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
That's Amore - Due improbabili seduttori
Titolo originale Grumpier Old Men
Paese di produzione USA
Anno 1995
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Howard Deutch
Soggetto Mark Steven Johnson
Sceneggiatura Mark Steven Johnson
Fotografia Tak Fujimoto
Montaggio Maryann Brandon Seth Flaum Billy Weber
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« John: "Ehi, fa un freddo cane qui fuori!"
Max: Prendi questi fiammiferi e datti fuoco, ti scalderai!" »
(Jack Lemmon chiede aiuto a Walter Matthau, dopo che la moglie lo ha chiuso fuori di casa)

That's Amore - Due improbabili seduttori è un film diretto dal regista Howard Deutch. È il seguito del film Due irresistibili brontoloni del 1993, e vi compaiono tutti gli interpreti della precedente pellicola, a cominciare da Jack Lemmon e Walter Matthau, a cui si va ad aggiungere Sophia Loren.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Siamo nel bel mezzo dell'estate e le giornate trascorrono come al solito tranquille(!) nel paesino di Wabasha, nel Minnesota. John e Ariel sono sposati e vivono insieme, nella casa di fianco all'ancora scapolo Max. Nonostante i due si siano riappacificati alla fine del precedente film, trovano il modo di stuzzicarsi a vicenda e provoarsi reciproci dispetti; l'antipatia si rispecchia anche negli animali domestici comprati dai due, il gatto di John e il bulldog di Max. Il passatempo preferito dai due rimane la pesca, che praticano sul lago vicino al paese, che non è più ghiacciato e su cui rispecchia un sole accecante. Max usa la barca, mentre John preferisce sedersi su una scalcinata poltrona a riva, facendo compagnia al padre 95enne, interpretato da Burgess Meredith.

Un bel giorno i due rivali notano fermento attorno al vecchio negozio sul lago dell'amico Chuck, che nel frattempo è passato a miglior vita un paio di anni prima, e che nessuno aveva più rilevato. Scoprono con rabbia, che è arrivata da Napoli una splendida donna di mezza età, Maria Sofia Coletta (Sophia Loren), assieme all'anziana madre, ha comprato il negozio ed ha deciso di allestirvi una graziosa trattoria di cucina all'italiana. I due sono però ancora attaccati al vecchio negozio, unico ricordo del loro amico scomparso e tentano in ogni modo di sabotare la buona riuscita del progetto, e per fare questo accettano un compromesso e uniscono le loro forze. Maria è esasperata dai continui guai combinati dai due e sta per rinunciare alla trattoria.

In un tranquillo pomeriggio sul lago, cullato dal vento che soffia tra i canneti, accade un fatto triste: mentre John e il quasi centenario padre stanno pescando il padre stesso si spegne nel sonno. L'anziana madre di Maria si era nel frattempo affezionata al vecchio si sente quasi in colpa. I due avevano passato una focosa(!) notte nello stesso letto giorni prima.

Rendendosi conto di averla fatta grossa Max e John cessano gli atti di vandalismo. Max si invaghisce perdutamente della donna, e alla fine del film la sposa, rischiando però di non arrivare in orario alla cerimonia, perché impegnato con John in una imprevista battuta di pesca per catturare uno dei pesci più grossi del lago, a cui i due danno la caccia invano da anni, riescono a catturarlo ma decidono poi in un momento di bontà di liberarlo e lasciargli trascorrere la vecchiaia in tranquillità.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Le riprese del film incominciarono 6 mesi dopo il primo capitolo.
  • Infatti l'ambientazione è estiva, totalmente opposta a quella di Due irresistibili brontoloni, che venne girato a 20 °C sottozero e con frequenti bufere di neve.
  • Il film fu l'ultimo interpretato da Burgess Meredith, già sofferente del morbo di Alzheimer, che morirà nel 1997.
  • Ann Morgan Guilbert che interpreta la madre di Sophia Loren e la Loren stessa hanno, nella realtà, solamente 6 anni di differenza.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema