Thalassoma trilobatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Thalassoma trilobatum
Thalassoma trilobatum by NPS.jpg RyuguBR.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Ordine Perciformes
Famiglia Labridae
Sottofamiglia Corinae
Genere Thalassoma
Specie T. trilobatum
Nomenclatura binomiale
Thalassoma trilobatum
(Lacépède, 1801)

Thalassoma trilobatum (Lacepède, 1801) è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Labridae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questo pesce è diffuso nell'oceano Indo-Pacifico, dalle coste africane orientali fino all'Isola di Pasqua e di Tonga. Abita barriere coralline e fondali rocciosi, non oltre i -10 m di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il corpo è allungato, piuttosto compresso ai fianchi, con testa a punta, il muso provvisto di un becco coriaceo. Il profilo dorsale e quello ventrale sono simmetrici e tondeggianti. Il peduncolo caudale è ampio e robusto, così come la coda, a delta. La pinna dorsale è retta nella parte anteriore da grossi raggi; è lunga e speculare alla pinna anale, che parte dalla metà della lunghezza dell'intero pesce. Le pettorali sono trapezoidali, con vertice allungato.
La livrea dell'adulto presenta testa bruno dorata e fianchi rossastri, decorati da due fasce composte da tante macchie verticali verdazzurre allineate. Il ventre è verdastro. Le pinne dorsale e anale hanno radice verde, sviluppo giallo ocra e bordo azzurro. La coda è ocra raggiata d'azzurro. Le altre pinne sono azzurrognole. Gli esemplari giovanili invece hanno un fondo bruno chiaro con ventre bianco azzurro e macchie rossastre. Le pinne hanno la medesima colorazione degli adulti, ma più sbiadite.
Raggiunge una lunghezza massima di 30 cm.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

T. trilobatum si nutre di invertebrati (granchi, molluschi e ofiure).

Pesca[modifica | modifica sorgente]

È commestibile, ma non riscuote molto successo commerciale.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

È pescato per la vendita in acquariofilia, ma non è particolarmente ricercato. Più diffuso negli acquari pubblici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Cabanban, A. & Pollard, D, Thalassoma trilobatum in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci