Thagomizer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thagomizer su una coda rimontata di Stegosaurus.

Il thagomizer è una formazione ossea composta da un numero variabile da quattro a dieci aculei presente sulla coda di alcuni dinosauri del clade Stegosauria, di cui Stegosaurus stenops è il più rappresentativo. Si ipotizza che questa particolare struttura ossea possa essere stata un'arma di difesa contro i predatori. Il termine, non essendo anatomicamente preciso ma riferendosi più ad una struttura o ad un concetto di difesa, è stato utilizzato anche per altri tipi di coda armata di mazze o punte, in sauropodi, anchilosauridi, gliptodonti, tartarughe del genere Meiolania ecc.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine "thagomizer" è stato coniato da Gary Larson in una striscia del fumetto "The Far Side" del 1982, dove un gruppo di cavernicoli in un'aula assiste ad una lezione in cui il professore spiega che le spine sono state nominate in quel modo "dal defunto Thag Simmons", alludendo ad una sua probabile morte dovuta ad esse. Nonostante la fine di Thag Simmons, comunque, stegosauri e uomini non hanno convissuto nella stessa era. Il termine è stato ripreso inizialmente da un paleontologo del Museo Naturale e delle Scienze di Denver, che l'ha utilizzato per descrivere un fossile alla Società di Paleontologia dei Vertebrati nel 1993[1].

La parola thagomizer da allora è stata adottata come termine anatomico informale, ed è comparsa anche in ambiti scientifici come in alcune esposizioni al Dinosaur National Monument in Utah, nel libro "The complete Dinosaur", e sulla targa accanto all'esposizione dello stegosauro allo Smithsonian Institute, oltre che nel sito internet dello stesso istituto[2].

Paleobiologia[modifica | modifica sorgente]

Vi è stato un dibattito sul fatto che il thagomizer fosse usato solo per ornamento, come sostenuto da una pubblicazione del 1914[3], o utilizzato come arma. Il paleontologo Robert Bakker ha sottolineato come la coda doveva essere molto più flessibile di quella degli altri dinosauri poiché mancava di tendini ossificati, dando così credito all'idea di un suo uso come arma mentre secondo altre interpretazioni le placche degli aculei si sovrappongono a così tante vertebre della coda che il movimento ne sarebbe risultato limitato[4]

Bakker ha anche osservato che lo Stegosaurus avrebbe potuto maneggiare la sua coda facilmente mantenendo fermi i suoi larghi arti posteriori e fornendo la spinta con i suoi corti arti anteriori dotati di potenti muscoli, il che gli avrebbe consententito di ruotare con destrezza per colpire durante l'attacco[5].

Più recentemente, uno studio condotto sulle spine della coda di alcuni fossili ha mostrato un'alta frequenza di danni procurati da traumi, il che supporta la teoria che queste fossero usate in combattimento[6]. Una prova ulteriore di questa idea è il ritrovamento di una vertebra della coda di un Allosaurus con un foro in cui si adatta perfettamente la spina di uno Stegosaurus[7].

Stegosaurus stenops aveva quattro placche dermali, ciascuna di circa 60–90 cm. Le scoperte di un'armatura di stegosauro articolata mostrano che, almeno in alcune specie, queste spine protrudevano orizzontalmente dalla coda, e non verticalmente come spesso raffigurato. Inizialmente, Stegosaurus armatus è stato descritto con otto spine sulla coda, a differenza di S.stenops[8], ma una ricerca più recente ha riesaminato i fossili ed ha concluso che la specie ne possedesse solo quattro[9].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The word: Thagomizer New Scientist 8 luglio 2006
  2. ^ Smithsonian National Museum of Natural History, Department of Paleobiology. Riportata il 03-03-2007.
  3. ^ Gilmore CW, Osteology of the armored Dinosauria in the United States National Museum, with special reference to the genus Stegosaurus in Series: Smithsonian Institution. United States National Museum. Bulletin 89, nº 89, Government Printing Office, Washington, 1914.
  4. ^ Carpenter K, Armor of Stegosaurus stenops, and the taphonomic history of a new specimen from Garden Park Colorado in The Upper Jurassic Morrison Formation: An Interdisciplinary Study. Part 1. Modern Geol, vol. 22, 1998, pp. 127-144.
  5. ^ Bakker RT, The Dinosaur Heresies, william Morrow, New York, 1986.
  6. ^ McWhinney LA, Rothschild BM & Carpenter K, Posttraumatic Chronic Osteomyelitis in Stegosaurus dermal spikes in Carpenter, Kenneth(ed) (a cura di), The Armored Dinosaurs, Indiana University Press, 2001, pp. 141–156, ISBN 0-253-33964-2.
  7. ^ Carpenter K, Sanders F., McWhinney L.& Wood L, Evidence for predator-prey relationships: Examples for Allosaurus and Stegosaurus. in Carpenter, Kenneth(ed) (a cura di), The Carnivorous Dinosaurs, Indiana University Press, 2005, pp. 325–350, ISBN 0-253-34539-1.
  8. ^ Marsh OC, A new order of extinct Reptilia (Stegosauria) from the Jurassic of the Rocky Mountains in American Journal of Science, vol. 3, nº 14, 1877, pp. 513–514.
  9. ^ Carpenter K & Galton PM, Othniel Charles Marsh and the Eight-Spiked Stegosaurus in Carpenter, Kenneth(ed) (a cura di), The Armored Dinosaurs, Indiana University Press, 2001, pp. 76–102, ISBN 0-253-33964-2.
dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri