Théodore Cogniard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Charles-Théodore Cogniard (Parigi, 30 aprile 1806Versailles, 13 maggio 1872) è stato un drammaturgo francese, fratello dell'autore Jean-Hippolyte (1807-1882).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Charles-Théodore assieme a Jean-Hippolyte ha formato una fertile coppia di autori drammatici e di direttori del teatro francese.[1]

Ha esordito giovanissimo e ha firmato un numero ragguardevole (circa 200) di testi teatrali, nell'arco di un quarantennio di attività gratificata dal successo.

Le sue opere preferite sono state vaudevilles a sfondo moraleggiante, fééries fantasiose, operette, realizzate in modo da soddisfare le esigenze di un pubblico parigino di gusto romantico non troppo esigente.

Guidò il théâtre de la Porte Saint-Martin dal 1840 al 1845, lasciando a Hippolyte la direzione del Théâtre du Vaudeville oltre al Théâtre des Variétés dal 1854 al 1869.

Tra le operette firmate da Cogniard si possono citare:

  • La Belle Hélène
  • Barbe-Bleue
  • La Grande-Duchesse de Gérolstein
  • La Périchole

Gli altri testi teatrali degni di una menzione furono invece:

  • La Cocarde tricolore
  • La Révolte des modistes
  • Les Deux Borgnes
  • L'Agnès de Belleville
  • Bobêche et Galimafré
  • La Fille de l'air
  • Les Enfants du délire
  • 'Le Naufrage de la Méduse
  • 'Les Mille et une nuits
  • La Biche aux bois
  • Le Royaume du calembourg
  • La Poudre de perlimpinpin
  • Les Bibelots du diable
  • La Grande Marée
  • Les Bêtises d'hier

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag.350