Teudelapio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Teodelapio" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Teodelapio (disambigua).

Teudelapio o Teodelapio (lat. Teudelapius[1]; ... – 650 circa) è stato un duca longobardo, duca di Spoleto nella prima metà del VII secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei figli di Faroaldo, primo duca di Spoleto. A Faroaldo era succeduto Ariulfo; la morte di quest'ultimo, avvenuta tra il 601 e il 602, fece sorgere una contesa tra Teodelapio e suo fratello. Uscitone vincitore, Teodelapio si assicurò la successione a Faroaldo[2] e resse il ducato per oltre mezzo secolo, fino alla morte, che gli occorse in una data variamente collocata, a seconda delle fonti, tra il 650 e il 653. Il suo regno appare peraltro privo di eventi degni di rilievo. Teodelapio dovette godere di ampia o completa indipendenza dall'indebolita autorità regale longobarda, che attraversava a quel tempo un periodo di crisi. A succedergli fu Atto[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anche Theudelapius o Theudelaupus (cfr. Lida Capo, Commento a Paolo Diacono, Storia dei Longobardi, p. 634)
  2. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, IV, 16
  3. ^ Paolo Diacono, Historia Langobardorum, IV, 50

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Letteratura storiografica
  • Lidia Capo, Commento in Paolo Diacono, Storia dei Longobardi, Milano, Lorenzo Valla/Mondadori, 1992, ISBN 88-04-33010-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Spoleto Successore
Ariulfo 602 - 652 circa Atto