Tettuccio d'oro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tettuccio d'oro
Goldenes Dachl
Goldenes Dachl (Innsbruck).jpg
Ubicazione
Stato Austria Austria
Land Tirol Wappen.svgTirolo
Località Innsbruck
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1494-96
Inaugurazione 1500
Stile Tardogotico
Uso Museum Goldenes Dachl
Realizzazione
Architetto Niklas Türing il Vecchio
Proprietario Comune di Innsbruck
Proprietario storico Conti del Tirolo
 

Il Tettuccio d'oro, in tedesco Goldenes Dachl, è il simbolo della città austriaca di Innsbruck. Si tratta di un erker tardogotico che sorge sulla facciata del Neuer Hof, l'antico palazzo dei conti del Tirolo, il cui tetto è ricoperto di 2.657 scandole di rame dorate a fuoco[1].

Storia e architettura[modifica | modifica sorgente]

Il Neuer Hof

Il Neuer Hof venne costruito intorno al 1420 per volere di Federico IV d'Asburgo come residenza dei conti del Tirolo. In ricorrenza dell'anno 1500 Massimiliano I d'Asburgo fece aggiungere dall'architetto Niklas Türing il Vecchio il celebre erker, che lo realizzò tra il 1494 e il 1496[2].

L'erker si sviluppa in due volumi sovrapposti sormontati dal celebre tetto dorato. La parte inferiore è incentrata su una finestra tardo-gotica poggiante su una serie di stemmi scolpiti (gli originali sono al Tiroler Landesmuseum) e inquadrata da due alfieri, a fresco, con gli stendardi dell'Austria e del Tirolo. Nella parte superiore sporge un balcone a loggia con rilievi figuranti scene delle Danza della Moresca e affreschi che mostrano la vita di corte con Massimiliano I e le sue due spose, il cancelliere, il giullare. I bei rilievi sono opera di Gregor Türing, mentre gli affreschi si devono a Jörg Kölderer.


Nel 1996 nell'edificio fu costiuito il Museum Maximilianeum e nel 2007 fu riaperto dopo lavori ampliamento e risanamento come Museum Goldenes Dachl (museo tettuccio d'oro).

Dal 2003 nell'edificio si trova un "segretariato permanente" della convenzione delle Alpi.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) Herwig Brätz, Johanna Felmayer: Neues zum Goldenen Dachl. Innsbruck und seine verlorene Geschichte, Ed. Monsenstein und Vannerdat, Münster 2006, ISBN 978-3-86582-344-1.
  • (DE) Johanna Felmayer: "Das Goldene Dachl in Innsbruck. Maximilians Traum vom Goldenen Zeitalter", Ed. Tirol, Reit i. A. 1996, ISBN 3-85361-010-2

Note e referenze[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Austria Guida TCI, 1996.
  2. ^ Austria Guida TCI, 1996.