Tetrazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La tetrazione è la quarta operazione aritmetica, dopo somma, prodotto e potenza. Le relative operazioni inverse della tetrazione sono la superradice e il superlogaritmo.

La tetrazione è una serie di esponenti:

^{x}a=\underbrace{a^{a^{a^{\cdot^{\cdot}}}}}_{x\ volte}

che si legge "a tetratto x" o "a torre x".

Quando, in una potenza, l'esponente è troppo lungo da scrivere, il numero potrebbe essere riscritto sotto forma di iperpotenza:

53^{24356848165022712132477606520104725518533453128685640844505130879576720609150223301256150373}=53^{53^{53}}=\!^{3}53

La tetrazione è il minimo iper-operatore caratterizzato dalla cosiddetta "convergenza p-adica" (cfr. Numero p-adico). Fissata la base di numerazione, calcolando ^{x}a (con a ed x interi positivi) le ultime n cifre resteranno immutate per ^{x'}a (con x'>x), a partire da un certo valore x=x(n, a).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Ripà, La strana coda della serie n^n^...^n, Trento, UNI Service, 2011. ISBN 978-88-6178-789-6
  • (EN) Constantin A. Rubstov, Giovanni F. Romerio, (2004): Ackermann's function and new arithmetical operations, Web publication

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica