Tetrax tetrax

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Otarda minore
Tetrax male 1.JPG
Esemplare maschio di otarda minore
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neognathae
Ordine Otidiformes
Famiglia Otididae
Genere Tetrax
Forster, 1817
Specie T. tetrax
Nomenclatura binomiale
Tetrax tetrax
Linnaeus, 1758
Nomi comuni

Gallina prataiola

Areale
Tetrax tetrax map.svg
Areale europeo dell'otarda minore

L'otarda minore (Tetrax tetrax Linnaeus, 1758), nota in Italia con il nome di gallina prataiola, è un grosso uccello della famiglia delle otarde, unico membro del genere Tetrax. Nidifica in Europa meridionale e centrale ed in Asia occidentale e centrale. Gli uccelli che vivono in Europa meridionale sono soprattutto stanziali, ma le altre popolazioni migrano più a sud in inverno.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nonostante sia la più piccola otarda paleartica, l'otarda minore raggiunge ugualmente le dimensioni di un fagiano, con una lunghezza di 42-45 centimetri ed un'apertura alare di 89-90 centimetri. L'esemplare adulto può pesare tra gli 800 ed i 1000 grammi. In volo, le lunghe ali sono caratterizzate dalla presenza di una larga banda trasversale di colore bianco. La testa è piccola mentre gli occhi sono grandi e di colore marron-giallo. Le zampe sono lunghe e di colore giallo ed i piedi presentano solo tre dita[2].

Il maschio riproduttivo ha il dorso bruno macchiettato di nero ed il ventre bianco, con la testa grigia ed il collo nero bordato sopra e sotto di bianco. Durante l'inverno la tipica colorazione del maschio si perde e testa, collo, petto e fianchi assumono un colore bruno come quello del dorso[2].

La femmina ed i maschi non riproduttivi sono privi della caratteristica colorazione del collo e la femmina presenta il ventre più scuro del maschio. Le otarde immature assomigliano alle femmine. Entrambi i sessi sono solitamente silenziosi, sebbene il maschio possa emettere un distintivo soffio che risuona come un «prrt».

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

In tutto l'areale il numero di esemplari di questa specie sta diminuendo a causa della distruzione dell'habitat. Per nidificare questi uccelli sono soliti spostarsi verso nord, raggiungendo occasionalmente la Polonia[3]. In Gran Bretagna è una visitatrice solamente occasionale, nonostante nidifichi in Francia ed in Spagna. In Italia nidifica soprattutto in Sardegna ed in Puglia, sul Gargano e nel Salento orientale, in habitat costituiti da aree agricole, ma non troppo antropizzati, ad altitudini comprese tra 0 e 500 metri. È presente inoltre nei Balcani, nell'Europa orientale, in Asia occidentale ed in Africa settentrionale[4].

In Sardegna è presente la terza popolazione d'Europa, dopo quella spagnola e francese, con un numero di esemplari stimato in circa 2000 individui. Per preservare la specie il WWF ha acquistato, grazie ad un progetto della Comunità europea, un'area di circa 90 ettari in provincia di Sassari creando un'oasi naturale cui è stato dato il nome di Oasi delle Steppe Sarde[5].

L'habitat di questo uccello è costituito da praterie aperte, steppe e da aree agricole indisturbate, con vegetazione erbacea abbastanza alta da celarne la presenza. Cammina con un lento passo maestoso e se disturbata, piuttosto che volare, tende a correre. È una specie gregaria, soprattutto d'inverno.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è onnivora e si nutre di semi, erbe, insetti ed altri piccoli animaletti[6].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Come altre otarde, il maschio di otarda minore esegue una parata di corteggiamento gonfiando il piumaggio del collo e del capo, piegandosi sulle zampe per poi saltare in aria. Le femmine depongono tra le 3 e le 5 uova in piccole buche nel terreno. La cova ha la durata di circa venti giorni durante i quali il maschio monta di guardia nei pressi del nido. La femmina, qualora venga scoperta, al fine di tutelare la covata spicca un volo basso fingendo di essere ferita. I piccoli sono ricoperti da un fitto e fine piumaggio di colore bianco con delle macchiette brune e sono in grado di abbandonare il nido poco dopo la schiusa[6].

Conservazione[modifica | modifica sorgente]

La specie, secondo la IUCN Red List, è attualmente prossima alla minaccia per via della progressiva perdita del proprio habitat naturale[1].

A livello nazionale è inserita nell'elenco dell'Allegato I alla Legge Regionale 29 luglio 1998, n. 23 della Sardegna come specie tutelata e pertanto ne è vietata l'uccisione, la cattura o il disturbo[7]. A livello internazionale è invece inserita nell'appendice II della Convenzione di Berna[8]. È inoltre inserita nell'Allegato I della Direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici[9].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

L'otarda minore ha due sottospecie:

  • Tetrax tetrax tetrax
  • Tetrax tetrax orientalis

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2004, Tetrax tetrax in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b Marco Giuseppe Delitala, op. cit., p.117
  3. ^ Tomek T.; Bocheński Z., op. cit.
  4. ^ Marco Giuseppe Delitala, op. cit., p.118
  5. ^ Steppe sarde. URL consultato il 19 dicembre 2009.
  6. ^ a b Marco Giuseppe Delitala, op. cit., p.119
  7. ^ Norme per la protezione della fauna selvatica e per l'esercizio della caccia in Sardegna.. URL consultato il 19 dicembre 2009.
  8. ^ Convenzione per la conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa. URL consultato il 19 dicembre 2009.
  9. ^ Direttiva 79/409/CEE per la conservazione degli uccelli selvatici. URL consultato il 19 dicembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli