Testo unico delle imposte sui redditi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TUIR
Titolo esteso Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi
Tipo Decreto del presidente della Repubblica
Stato Italiano
Legislatura IX Legislatura
Proponente
Schieramento
Date fondamentali
Promulgazione 22 dicembre 1986
A firma di Francesco Cossiga
Testo
Link al testo Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi su normattiva.it

Il Testo unico delle imposte sui redditi (abbreviato TUIR) è una legge della Repubblica Italiana in materia di fisco introdotto nell'ordinamento col d.P.R. n. 917 del 22 dicembre 1986.[1]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima parte il legislatore individua il presupposto, i soggetti passivi, la base imponibile e il metodo di calcolo dell'IRPEF.

A seguito della riforma attuata col d.lgs. 12 dicembre 2003 n. 344 ("Riforma dell'imposizione sul reddito delle società, a norma dell'articolo 4 della legge 7 aprile 2003, n. 80"), è stato novato il titolo II del TUIR riguardante l'Imposta sul reddito delle persone giuridiche (cosiddetta IRPEG) con l'introduzione dell'Imposta sul reddito delle società (cosiddetta IRES).[2]

Il testo unico consta di tre titoli:

  • il primo è dedicato alla disciplina dell'Imposta sul reddito delle persone fisiche (cosiddetta IRPEF);
  • il secondo alla disciplina dell'Imposta sul reddito delle società;
  • il terzo alla trattazione delle disposizioni comuni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Decreto del presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, in materia di "Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi"