Terzo Nefi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Book of Mormon 1830 edition reprint.jpg
Libri del Libro di Mormon

Terzo Nefi è l'undicesimo libro del Libro di Mormon. È suddiviso in 30 capitoli e fu scritto dal Nefi figlio di Helaman.

Narrazione[modifica | modifica wikitesto]

Vi si narra dei segni che apparvero in occasione della nascita di Cristo. Nel frattempo il popolo dei Nefiti era caduto in potere dei predoni Gadianton, che in seguito furono sconfitti, mentre i Lamaniti convertiti riacquistarono il colore chiaro della pelle. I Nefiti attraversarono periodi di prosperità e di disordini. Nel 34 d.C. terremoti e oscurità di tre giorni annunciarono la morte sulla croce di Gesù. Poco tempo dopo Cristo risorto apparve ai Nefiti e rimase con loro tre giorni. Scelse dodici discepoli e predicò alle genti sopravvissute gli insegnamenti che aveva rivolto al popolo in Palestina (discorso della montagna, discorso delle Beatitudini, ecc.). Chiarì il corretto significato del battezzare, della comunione e della preghiera. Tre dei dodici discepoli chiesero e ottennero da Gesù di poter rimanere sulla terra fino al giorno della sua seconda venuta per poter continuare a predicare il vangelo. Inoltre, Gesù Cristo predisse che sarebbe giunta, in prossimità della sua seconda venuta, una seconda rivelazione, rivolta ai gentili che avrebbero abitato la terra americana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]