Territorio dell'Arkansas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa del territorio.

Il territorio dell'Arkansas, originariamente territorio dell'Arkansaw,[1] fu un territorio organizzato degli Stati Uniti che è esistito dal 4 luglio 1819 al 15 giugno 1836, quando fu ammesso nell'Unione come Stato dell'Arkansas.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dell'Arkansas fu creato a partire dal territorio del Missouri, di cui comprendeva la parte a sud di 36° di latitudine nord, compresa tra il Mississippi e il Saint Francis, seguendo poi il confine del territorio del Missouri, confinando a sud (33° di latitudine nord) con la Louisiana; questo includeva parte dell'odierno stato dell'Oklahoma. La parte più occidentale del territorio fu rimossa il 15 novembre 1824, e una seconda parte il 6 maggio 1828, riducendo il territorio all'odierno Arkansas.

Il confine occidentale originario arrivava fino al Red River; vi furono ulteriori negoziati con i Choctaw negli anni Venti del secolo, in cui fu creata la linea successiva, che andava fino a Fort Smith.[2]

Tra il 1819 e il 1821 la capitale fu Arkansas Post, mentre tra il 1821 e il 1836 fu Little Rock, che oggi è la capitale dell'Arkansas.

Governatori[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio ebbe quattro governatori:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'atto che costituiva il territorio, questo fu denominato Arkansaw, ma già l'anno seguente il Congresso, nei suoi atti (Act of April 21, 1820, ch. 48), lo definiva Arkansas; questo rimase il suo nome quando divenne uno Stato dell'Unione.
  2. ^ Mark Stein, How the States got their Shapes, HarperCollins, 2008, pp. 31-32, ISBN 978-0-06-143138-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]