Terremoto dell'Iran del 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dati scossa del 16 aprile 2013 nella regione di Sistan e Baluchistan
Localizzazione della scossa del 16 aprile secondo l'USGS
Localizzazione della scossa del 16 aprile secondo l'USGS
Data 16 aprile 2013
Ora 10:44:20 (UTC)
Magnitudo momento 7.8[1]
Profondità 82,0 km
Epicentro Sistan e Baluchistan, Iran
28°11′N 62°05′E / 28.183333°N 62.083333°E28.183333; 62.083333 (Terremoto del Sistan e Baluchistan 2013)
Nazioni colpite Iran Iran, Afghanistan Afghanistan, Pakistan Pakistan
Intensità Mercalli VIII Mercalli
Tsunami no
Vittime 35: 1 in Iran, (in attesa di conferme) e 34 in Pakistan (in attesa di conferme)[2]

feriti : -- dispersi : --

Con terremoto dell'Iran del 2013 s'identifica un evento sismico costituito da una serie di scosse localizzate in una vasta area geografica che comprende il territorio meridionale dell'Iran manifestatosi a partire dalla seconda settimana dell'aprile 2013; le regioni colpite maggiormente sono quelle di Bushehr e quella di Sistan e Baluchistan.

Dettagli[modifica | modifica sorgente]

Gli epicentri delle due scosse principali: a sinistra la scossa del 9 aprile a Khvormuj ( Bushehr); a destra la scossa del 16 aprile a Khash (Sistan e Baluchistan).

Tale sciame sismico si è concentrato in due scosse principali, una il 9 aprile di magnitudo MI 6,3 con epicentro nei pressi di Bushehr[3], la seconda il 16 aprile di magnitudo MI 7,8 con epicentro nei pressi di Khash al confine col Pakistan; quest'ultima è stata estremamente energetica[4]. Il numero complessivo provvisorio dei morti è superiore ai 70, i primissimi dati parlano di 72 morti fra Iran e Pakistan, distribuiti fra la scossa del 9 e quella del 16. Oltre che in Pakistan, pesantemente colpito dal terremoto, le scosse, soprattutto quella del 16 aprile, sono state avvertite distintamente in tutti i paesi confinanti con l'Iran, anche oltre il Golfo Persico come, per esempio negli Emirati Arabi Uniti, ma anche più in oriente come in India.[4] Nonostante la prima delle due scosse si sia manifestata pericolosamente vicina a una centrale nucleare, quest'ultima non ha ricevuto danni; e, salvo nelle aree direttamente interessate, l'attenzione, sia da parte del governo sia da parte della stampa internazionale, si è subito spostata su quella del 16 aprile, decisamente più distruttiva.

Contesto sismico dell'Iran[modifica | modifica sorgente]

Lo stato mediorientale era già stato colpito, negli ultimi dieci anni, da altri terremoti disastrosi: quello di Hosseinabad del 2010, e quello catastrofico di Bam che ha raso al suolo gran parte della città danneggiando gravemente il patrimonio UNESCO al suo interno, e ha causato circa 30.000 vittime su una popolazione di 90.000.[5] Erano quarant'anni che in Iran non si manifestava una scossa di tale potenza come quella del 2013[6], paragonabile a quella avvenuta nel 1978 con epicentro a Tabas e aveva causato 15.000 morti.[7].

Cause del terremoto[modifica | modifica sorgente]

I confini delle placche interessate dal terremoto
Dati scossa del 9 Aprile 2013 nei pressi di Bushehr
Localizzazione del sciame sismico del 9 aprile
Localizzazione del sciame sismico del 9 aprile
Data 9 aprile 2013
Ora 16:22 (UTC+4:30)
Magnitudo momento 6,3
Profondità 10 km
Epicentro Khvormuj
Nazioni colpite Iran Iran
Vittime 37

feriti : 850

L'Iran si trova proprio al confine fra due placche tettoniche molto attive, la placca arabica (sollecitata costantemente da quella africana) e quella euroasiatica; i movimenti di queste due sono inoltre contrastati da quella indiana, che chiude il territorio iraniano in una situazione di elevata sismicità. Lo sciame sismico che ha invaso lo stato mediorientale è quindi stato causato dalla pressione della placca arabica contro quella euroasiatica: il loro punto di separazione, e quindi di attrito, è proprio lo stretto di Hormuz che bagna le coste meridionali dell'Iran, tale scontro crea un fenomeno di subduzione, quindi il terremoto.[8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) M7.8 - Iran-Pakistan Border Region USGS
  2. ^ BBC News "Major earthquake strikes south-east Iran". URL consultato il 17 aprile 2013.
  3. ^ corriere.it "Iran, terremoto a Bushehr. URL consultato il 17 aprile 2013.
  4. ^ a b ansa.it potente scossa di terremoto in Iran. URL consultato il 17 aprile 2013.
  5. ^ repubblica.it dati vittime terremoto di Bam. URL consultato il 17 aprile 2013.
  6. ^ ilmessaggero: articolo sul terremoto. URL consultato il 17 aprile 2013.
  7. ^ tabella dati terremoti. URL consultato il 17 aprile 2013.
  8. ^ (EN) La transizione della subduzione tra Makran e la Zagros: recenti progressi nella sua struttura e Attività. URL consultato il 17 aprile 2013. (documento .pdf)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]