Terre Thaemlitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terre Thaemlitz
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica elettronica
Periodo di attività 1993 – in attività
Etichetta Comatonse
Sito web

Terre Thaemlitz, (Terre va pronunciato "Terry") (Minnesota, 1968[1][2][3][4]) è un musicista, scrittore e attivista statunitense. Risiede attualmente a Kawasaki, in Giappone[4].

Dopo aver lavorato come drag queen e successivamente come disc jockey a New York, iniziò a pubblicare musica a proprio nome nel 1993. Durante la proprie carriera, il musicista ha adoperato altri alias quali DJ Sprinkles[1][2] e K-S.H.E.

La musica di Thaemlitz, spesso basata su suoni lenti e campionamenti, presenta influenze che spaziano dall'ambient, alla musica nera, a quella concreta, al "deep listening" di Pauline Oliveros, ed al rumorismo. Secondo le intenzioni del musicista, la sua musica doveva unire le sonorità "accademiche" a quelle "commerciali".[5] Gli album di Thaemlitz presentano spesso, sotto forma di campionamenti, riferimenti alla "nevrosi" della società contemporanea.[1][2]

Parallelamente a quella di musicista, Thaemlitz è stato artefice di iniziative socio-politiche ed ha promosso un ideale modello sociale che ripudia l'identità sessuale (in conformità con questa idea, egli stesso si definisce un "non essenzialista"). Secondo le sue idee, infatti, essa sarebbe all'origine di problematiche quali la discriminazione.[3][4]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album solisti[modifica | modifica sorgente]

  • Tranquilizer (1994)
  • Soil (1995)
  • Die Roboter Rubato (1997)
  • Couture Cosmetique (1997)
  • G.R.R.L. (1997)
  • Means From An End (1998)
  • Love For Sale (1999)
  • Replicas Rubato (1999)
  • Fagjazz (2000)
  • Interstices (2000)
  • Oh, No! It's Rubato (2003)
  • Lovebomb (2003)
  • Trans-Sister Radio (pubblicato in edizione limitata) (2005)
  • Routes Not Roots (attribuito a K-S.H.E) (2011)
  • Terre Thaemlitz presents... You? Again? (2006)
  • Midtown 120 Blues (attribuito a DJ Sprinkles) (2008)
  • Soulnessless (2012)
  • Queerifications & Ruins (2013)

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Web (con Bill Laswell) (1995)
  • Institutional (con Jane Dowe) (1998)
  • Super-Superbonus (con i Zeitkratzer) (2002)
  • Yesterday's Heroes 1979 (con Haco) (2004)
  • Zeitkratzer: Terre Thaemlitz (Electronics 2) (con i Zeitkratzer) (2009)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c The History of Rock Music:Terre Thaemlitz. URL consultato l'8 novembre 2013.
  2. ^ a b c Terre Thaemlitz - AllMusic Biography. URL consultato l'8 novembre 2013.
  3. ^ a b Comatonse - Thaemlitz Profile. URL consultato l'8 novembre 2013.
  4. ^ a b c Comatonse:Thaemlitz Writings. URL consultato l'8 novembre 2013.
  5. ^ Leigh Landy, Understanding the Art of Sound Organization, Massachussets Institute of Technology, 2007, p. 115.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]