Terra di Mezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Terra di Mezzo (disambigua).
Terra di Mezzo
La Terra di Mezzo
La Terra di Mezzo
Nome originale Middle-earth
Tipo Continente
Ideatore John Ronald Reuel Tolkien
Appare in Il Signore degli Anelli
Lo Hobbit
Il Silmarillion
I figli di Húrin
Caratteristiche immaginarie
Pianeta Arda

La Terra di Mezzo è una regione di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli si svolgono interamente nella Terra di Mezzo, così come parte de Il Silmarillion e dei Racconti Incompiuti.

Tolkien preparò diverse mappe della Terra di Mezzo e delle sue regioni, dove le sue storie hanno luogo. Alcune di esse furono pubblicate nel corso della sua vita, tuttavia alcune delle prime non sono state pubblicate fino alla sua morte. Le mappe principali sono quelle pubblicate ne Lo Hobbit, Il Signore degli Anelli, Il Silmarillion e nei Racconti Incompiuti. La maggior parte degli eventi della Prima Era ebbero luogo nel subcontinente Beleriand, che fu successivamente inghiottito dall'oceano alla fine della Prima Era; le Montagne Blu nel margine orientale della mappa del Beleriand sono le stesse che appaiono nell'estremità occidentale della mappa della Terra di Mezzo nella Seconda e Terza Era. Le mappe di Tolkien della Terra di Mezzo, in ogni caso, mostrano solamente una piccola parte di tale regione (la maggior parte delle terre di Rhûn e Harad non sono mostrate sulle mappe) e ci sono altri continenti.

Tolkien scrisse molte volte che la Terra di Mezzo si trova nella nostra Terra. L'ha descritta come un passato immaginario della Terra, non solamente ne Il Signore degli Anelli, ma anche in alcune lettere. Egli collocò la fine della Terza Era circa 6'000 anni prima dei nostri giorni, e i dintorni della Contea in quello che è oggi il nord-occidente dell'Europa (Hobbiville per esempio era posto alla stessa latitudine di Oxford), anche se in risposta alle lettere egli avrebbe anche descritto gli elementi delle storie come una "... realtà secondaria o sub-creata" o una "credenza secondaria". Durante un'intervista del gennaio del 1971, alla domanda se le storie si svolgono in un'epoca differente, egli dichiarò, "No... ad un differente stadio dell'immaginazione, questo sì". Tuttavia, fece cenno al collocamento delle sue storie sulla Terra; parlando di Midgard e Middle-earth, egli disse: "Oh certo, sono lo stesso termine. Molta gente ha commesso un errore nel credere che la Terra di Mezzo fosse una specie di pianeta terra, o una sorta d'altro pianeta fantascientifico. Non è che solamente un vecchio affascinante termine usato per indicare il pianeta in cui viviamo, immaginato circondato dall'oceano." Egli ha continuato a fare riferimenti al suo essere "... un breve episodio della Storia" della Terra più tardi nell'autunno del 1971.

Vicende[modifica | modifica wikitesto]

Le storie di Tolkien narrano della lotta per il controllo del mondo, chiamato Arda, e del continente della Terra di Mezzo: da un lato gli angelici Valar, gli Elfi e i loro alleati fra gli Uomini; dall'altro il demoniaco Melkor o Morgoth (un Vala caduto nel male) e i suoi servitori, per lo più Orchi, Draghi e Uomini schiavizzati. Nelle ere successive, dopo la sconfitta di Morgoth e il suo esilio da Arda il suo posto venne preso dal suo luogotenente Sauron.

I Valar, in seguito alla sconfitta di Morgoth, non presero più parte alle vicende della Terra di Mezzo, ma successivamente mandarono Stregoni o Istari per aiutare nella lotta contro Sauron. Gli Stregoni più importanti furono Gandalf il Grigio e Saruman il Bianco. Gandalf rimase fedele alla sua missione e si è dimostrato cruciale nella battaglia contro Sauron. Saruman, invece, divenne corrotto e cercò di dimostrarsi come un rivale di Sauron per il potere assoluto nella Terra di Mezzo. Altre razze coinvolte nella lotta contro il male furono i Nani, gli Ent ed i famosi Hobbit. Le prime fasi del conflitto sono narrate ne Il Silmarillion, mentre le ultime fasi della lotta contro Sauron sono raccontate ne Lo Hobbit e ne Il Signore degli Anelli.

Conflitti per il possesso e il controllo di preziosi o magici artifici sono un tema ricorrente nelle storie. La Prima Era è incentrata sulla ricerca condannata dell'Elfo Fëanor e la maggior parte del suo popolo Noldorin per recuperare tre preziosi gioielli chiamati Silmarilli che Morgoth rubò loro (da qui il titolo Il Silmarillion). La Seconda e Terza Era sono incentrate sulla forgiatura degli Anelli del Potere, e il destino dell'Unico Anello forgiato da Sauron, il quale da al suo portatore il potere di controllare o influenzare coloro che indossano gli altri Anelli del Potere (da qui il titolo Il Signore degli Anelli).

Concezioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'opera originale la Terra di Mezzo è chiamata Middle-earth. Nell'antica mitologia Germanica, il mondo degli Uomini era conosciuto con diversi nomi, come Midgard, Middenheim, Manaheim e Middengeard. Il termine in antico inglese middangeard discende da una primitiva parola germanica ed ha così affini in lingue correlate all'antico inglese come la parola norrena Miðgarðr dalla mitologia norrena, traslitterato in inglese odierno come Midgard.

Il termine "Middle-earth", anche comunemente indicato come "Middle-world", non è stato pertanto inventato da Tolkien. Esso ricorre in Primo Inglese Moderno come evoluzione del termine Medio inglese middel-erde (cfr. tedesco Mittelerde), che si è sviluppato a sua volta, attraverso un processo di etimologia popolare, da middanġeard (la g è morbida). Con il tempo middangeard divenne scritto come middellærd, midden-erde, o middel-erde, indicando che il secondo elemento era stato reinterpretato, in base alla sua somiglianza con la parola "earth". Il cambio di significato non era eccezionale, in ogni caso: middangeard significava propriamente "middle enclosure" recinto nel mezzo invece che "middle-earth" terra nel mezzo. In ogni caso middangeard era stato tradotto come "middle-earth" e Tolkien seguì questo corso.

Uso da parte di Tolkien[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien incontrò la prima volta il termine middangeard in un frammento in Antico Inglese che studiò nel 1914:

Éala éarendel engla beorhtast / ofer middangeard monnum sended.

Salve Earendel, il più brillante degli angeli / sopra la terra-di-mezzo inviato agli uomini.

Questa citazione proviene dal secondo dei resti frammentari del poema Crist di Cynewulf. Il nome Éarendel fu l'ispirazione per il marinaio del legendarium Tolkieniano Eärendil, che salpò dalle lande della Terra di Mezzo per chiedere aiuto ai poteri angelici, i Valar. Il primo poema di Tolkien riguardo a Eärendil, risalente al 1914, lo stesso anno in cui lesse il poema Crist, fa riferimento a "the mid-world's rim" (i margini del mondo-di-mezzo).

Il concetto di middangeard fu considerato da Tolkien essere lo stesso di un particolare significato della parola greca οἰκουμένη - oikoumenē (dal quale deriva la parola ecumenico). In questo utilizzo Tolkien disse che oikoumenē è "il posto abitato degli uomini"; con ciò egli intese che è il mondo fisico in cui un uomo vive la sua vita e il suo destino, in contrasto con i mondi invisibili, come l'Inferno o il Paradiso.

« "La Terra-di-Mezzo non è ... una mia invenzione. È una modernizzazione o un'alterazione ... di un'antica parola che indicava il mondo abitato dagli uomini, l'oikoumene: di mezzo perché si pensava vagamente che fosse posta al centro di mari che la circondavano e (nell'immaginazione nordica) tra i ghiacci del nord e i fuochi del sud. Antico inglese middan-geard, inglese medioevale midden-erd, middle-erd. Molti recensori sembrano pensare che la Terra-di-Mezzo sia su un altro pianeta!" »
(J.R.R. Tolkien - Lettere, n. 211[1])

Il termine Terra di Mezzo non fu, tuttavia, usato nei primi scritti di Tolkien riguardo al mondo da lui creato: scritti datati verso i primi anni del 1920 che furono successivamente pubblicati nei Racconti ritrovati e Racconti perduti (1983-4); il termine non è neppure usato ne Lo Hobbit. Tolkien iniziò ad utilizzare il termine Terra di Mezzo verso la fine del 1930, al posto di "Grandi Terre", "Terre Estere" e "Terre Citeriori" che usò per descrivere queste regioni nei suoi racconti. Questo termine apparve nelle bozze de Il Signore degli Anelli, e la prima apparizione pubblicata del termine Terra di Mezzo nelle opere di Tolkien è nel Prologo di quell'opera: "...Eppure è un fatto che gli Hobbit siano vissuti tranquilli e pacifici nella Terra di Mezzo per anni e anni prima che gli altri popoli si accorgessero della loro presenza".

Uso e malintesi[modifica | modifica wikitesto]

Il termine Terra di Mezzo può anche essere usato come soprannome per l'intera creazione di Tolkien, invece del più appropriato, ma meno conosciuto termine Arda che si riferisce al mondo di Tolkien (inclusi i corpi celesti), ed , che si riferisce all'universo. Si può vedere anche in titoli di libri come La via per la Terra di Mezzo, L'atlante della Terra di Mezzo di Tolkien, ed in particolare la serie The History of Middle-earth (La storia della Terra di Mezzo) i quali ricoprono un'area che va oltre la rigorosa definizione geografica del termine Terra di Mezzo. Tolkien stesso usò il termine in questo modo, a volte.

Una possibile spiegazione è che il termine Arda non è mai stato menzionato ne Il Signore degli Anelli, e solo alla pubblicazione de Il Silmarillion nel 1977 i lettori hanno avuto modo di conoscere la parola.

Per quanto riguarda il termine inglese, "Middle-earth", viene spesso scritto con entrambe le iniziali maiuscole, "Middle-Earth", e il trattino viene a volte incorrettamente omesso, come in "Middle Earth", "Middle earth" e "Middleearth". In italiano, invece, "Terra di Mezzo" compare in alcune traduzioni con i trattini, Terra-di-Mezzo.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel contesto generale del suo legendarium, la Terra di Mezzo di Tolkien era parte del suo mondo creato di Arda (che include le Terre Immortali di Aman e Eressëa, rimosse dal resto del mondo fisico), che era a sua volta parte del più ampio creato chiamato .

Cosmologia della Terra di Mezzo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cosmologia di Arda.

Un modo per comprendere la posizione della Terra di Mezzo nel complesso sistema di Tolkien è quello di immaginare l'intera creazione come una serie di mondi all'interno di altri mondi. Così lo strato esterno è l'intero universo stesso, chiamato da Tolkien . All'interno di Eä ci sono molti mondi misteriosi e sconosciuti, ma gli eventi da lui raccontati hanno luogo nel mondo chiamato "Arda". Arda è quella che noi chiamiamo "Terra", chiamata da Tolkien "Imbar" o "Ambar" (che significa "la Dimora") e il sole, la luna e le stelle che le ruotano attorno. In Arda si trovano i continenti di Aman e della Terra di Mezzo (che erano in realtà due o più continenti), e sono separati dal Grande Mare Belegaer (analogo all'Oceano Atlantico). Nelle sue storie, Tolkien tradusse il nome Terra di Mezzo con Endor (o a volte Endórë) e Ennor nelle lingue elfiche Quenya e Sindarin rispettivamente, a volte riferendosi solamente al continente dove si svolgono le sue storie, con un altro continente a sud, le Terre Oscure.

Il continente occidentale, Aman, era la casa dei Valar e degli elfi chiamati Eldar. Anche un continente orientale disabitato è menzionato, ma non figura nelle storie. L'isola di Númenor era collocata nel Belegaer fra Aman e la Terra di Mezzo, ma fu successivamente inabissata. Negli ultimi anni anche Aman fu rimossa completamente da Arda dal creatore Eru Ilúvatar per impedire agli Uomini di provare a raggiungerla.

All'inizio Ambar era supposto essere un "mondo piatto", in quale i suoi abitanti erano tutti disposti su un lato del mondo. Gli schizzi di Tolkien mostrano un aspetto discoidale del mondo che guarda verso le stelle. Tuttavia, in accorto con i racconti contenuti sia ne Il Silmarillon sia ne Il Signore degli Anelli, quando il re di Númenor chiamato Ar-Pharazôn invase Aman per ottenere l'immortalità dai Valar, essi stabilirono la loro tutela del mondo e Ilúvatar intervenne, distruggendo Númenor, rimuovendo Aman "dalle cerchie del mondo" e rimodellando Ambar nella forma sferica che ha oggi. L'Akallabêth dice che i Númenóreani che sopravvissero alla Caduta navigarono tanto lontano verso Ovest quanto poterono, in cerca della loro antica dimora, ma i loro viaggi li condussero intorno al mondo fino al punto di partenza. Perciò, prima della fine della Seconda Era il passaggio da "Terra piatta" a "Terra sferica" era completato. Nuove terre furono anche create ad ovest, analogamente al Nuovo Mondo.

Qualche anno dopo la pubblicazione de Il Signore degli Anelli, in una nota associata all'unica storia narrativa "Athrabeth Finrod ah Andreth" (la quale è detto avvenuta nel Beleriand durante la Guerra dei Gioielli), Tolkien equiparò Arda al Sistema Solare; perché Arda da questo punto consisteva in più di un corpo celeste (Valinor divenne un altro pianeta e il Sole e la Luna divennero corpi celesti nel loro stesso posto e non oggetti orbitanti attorno alla Terra).

L'Inizio dei Giorni[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien scrisse che la Terra di Mezzo o Endor originariamente era conforme ad un ampio schema simmetrico che fu corrotto da Melkor. I vari conflitti con Melkor (nonché l'azione dei Valar in un'occasione) hanno portato la Terra ad essere deformata.

Originariamente, Arda iniziò come un singolo mondo piatto e i Valar crearono Due Lampade per illuminarlo, Illuin e Ormal. Il Vala Aulë forgiò grandi torri, Helcar nell'estremo nord, e Ringil nel profondo sud. Illuin fu posta sopra Helcar e Ormal sopra Ringil. Nel mezzo, dove la luce delle lampade si incontrava, i Valar vennero ad abitare nell'isola di Almaren nel mezzo di un Grande Lago. Una volta osservata dallo spazio, la geografia di Arda era quindi simmetrica. Quando Melkor distrusse le Lampade dei Valar, due grandi mari interni (Helcar e Ringil) e due mari maggiori (Belegaer e il Mare Orientale) furono creati, ma Almaren e il suo lago furono distrutti.

I Valar lasciarono la Terra di Mezzo e giunsero all'appena formato continente di Aman nell'ovest, dove crearono la loro dimora chiamata Valinor. Per scoraggiare Melkor dall'attaccare Aman, egli spinsero il continente della Terra di Mezzo ad est, ampliando così il Belegaer al suo centro ed innalzando cinque maggiori catene montuose nella Terra di Mezzo che presero una distribuzione relativamente simmetrica, chiamate Montagne Blu, Rosse, Grigie e Gialle e le Montagne del Vento. Questo, tuttavia, deturpò la simmetria della configurazione dei continenti e dei loro mari intermedi.

Molti secoli dopo che Valinor fu fondata, Melkor innalzò le Montagne Nebbiose per ostacolare il cammino del Vala Oromë in questo egli dava la caccia alle bestie di Melkor durante il periodo oscuro della Terra di Mezzo precedente il risveglio degli Elfi.

Ulteriori modifiche si verificarono quando i Valar assalirono Utumno, qualche anno dopo il Risveglio degli Elfi. Il nord-ovest della Terra di Mezzo, in particolari le regioni ad ovest delle Montagne Blu (chiamate Beleriand) dove Melkor incontrò la schiera dei Valar, furono "molto rotte". Belegaer, il mare fra la Terra di Mezzo e Aman si accentuò ulteriormente, creando varie altre baie, una delle quali era la Baia di Balar, la confluenza del Sirion. Le terre montuose del Dorthonion e le montagne presso Hithlum furono anch'esse un risultato delle battaglie.

Nella regione centrale della Terra di Mezzo, un Grande Golfo (del Belegaer) fu formato (il precursore della successiva Baia di Belfalas). Nel lontano sud, il Mare Interno di Ringil si espanse grandemente e separò la parte meridionale del consinente dalla terraferma, formando infatti le Terre Oscure (Hyarmenor) e il Mare Interno, unendo da uno stretto i precedentemente separati Belegaer con i Mari Orientali.

La Prima Era[modifica | modifica wikitesto]

Come raccontato ne Il Silmarillion, la maggior parte degli eventi della prima era ebbero luogo nelle lande del Beleriand e dei suoi dintorni. Tolkien collocò entro i confini del Beleriand il regno Elfico celato del Doriath, governato da Re Thingol, e Gondolin, fondata da Turgon. Importante fu anche la fortezza di Nargothrond, fondata dall'Elfo Finrod Felagund. Nelle Montagne Blu ad est vi erano i grandi palazzi dei Nani, Belegost e Nogrod. Il Beleriand era diviso in parte orientale ed occidentale dal grande fiume Sirion. Nel Beleriand Orientale si trovava il fiume Gelion con i suoi sette tributari, definito il regno degli Elfi Verdi di Ossiriand. A nord del Beleriand si trovavano le regioni di Nevrast, Hithlum e Dor-lómin e le Montagne di Ferro dove Morgoth (Melkor) eresse la fortezza di Angband. Le violenti lotte durante la Guerra d'Ira fra le Schiere dei Valar e le armate di Melkor alla fine della Prima Era portarono alla distruzione di Angband, e modificarono la configurazione della Terra di Mezzo così che la maggior parte del Beleriand sprofondò sotto il mare.

Anche le Pelóri furono innalzate agli inizi della Prima Era, insieme alle Isole Incantate, per rendere Valinor sostanzialmente irraggiungibile eccetto che per il fortificato Calacirya.

La Seconda e Terza Era[modifica | modifica wikitesto]

Nella Seconda e Terza era, durante la quale Tolkien collocò gli eventi dell'Akallabêth, de lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli, le regioni Occidentali della Terra di Mezzo comprendevano le terre di Eriador, Gondor, le Montagne Nebbiose e le valli del grande fiume Anduin. L'Eriador era delimitato dagli Ered Luin o Montagne Blu ad ovest, le quali confinavano con il mare e i Porti Grigi, chiamati anche Mithlond. Ad est dell'Eriador si trovavano le Montagne Nebbiose, che andavano dall'estremo nord fino a Isengard, dimora dello stregone Saruman, nel sud. Nelle Montagne Nebbiose si trovava il grande palazzo Nanico di Khazad-dûm o Moria. All'interno di Eriador si trovava originariamente il Regno di Arnor, fondato dagli Uomini che erano fuggiti alla distruzione di Númenor. Questo fu successivamente diviso nei regni di Arthedain, Cardolan e Rhudaur. Questi regni erano da troppo tempo passati alla storia al tempo de Il Signore degli Anelli. L'Eriador comprendeva anche La Contea, patria degli Hobbit, e il vicino insediamenti di Brea. Granburrone o Imladris, la casa del Mezzoelfo Elrond si trovava anch'essa in Eriador, prossima ai versanti occidentali delle Montagne Nebbiose.

Ad est delle Montagne si trovava la terra chiamata Rhovanion e il grande fiume Anduin. Sul suo lato occidentale, tra l'Anduin e le Montagne Nebbiose, si trovava il Regno Elfico di Lothlórien, dimora della Dama Elfica Galadriel, e la Foresta di Fangorn, dimora degli Ent. Ad est del fiume si trovava la grande foresta di Bosco Atro (precedentemente chiamata Boscoverde), ed oltre vi era la Montagna Solitaria o Erebor, dimora del drago Smaug, la città di Dale, Dorwinion e i Colli Ferrosi. A sud-est delle Montagne Nebbiose si estendeva il regno di Rohan, abitato dagli alleati di Gondor, e più a sud vi era il Regno di Gondor, fondato come Arnor dagli Uomini fuggiti dalla distruzione dell'isola di Númenor. Ad est di Gondor, e circondata da alte montagne, si trovava Mordor, dimora di Sauron nella sua fortezza di Barad-dûr.

A sud di Gondor si trovavano le terre di Harad e Khand, e il porto di Umbar. Nel lontano Est al di là del Rhovanion vi era il Mare di Rhûn, e sul suo versante orientale si trovava il popolo degli Esterling. Gli abitanti di quelle terre erano tradizionalmente ostili a Gondor, e alleati di Sauron ai tempi de Il Signore degli Anelli.

Mappe della Terra di Mezzo[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien non concluse mai la geografia per il mondo associato a Lo Hobbit e a Il Signore degli Anelli. In The Shaping of Middle-earth, volume IV della History of Middle-earth, Christopher Tolkien pubblicò svariate mappe notevoli sia dell'originario mondo piatto sia del mondo sferico, che suo padre creò nell'ultima parte degli anni 1930. Karen Wynn Fonstad trasse spunto da queste mappe per sviluppare dettagliate, tuttavia non canoniche, "mappe del mondo intero" che riflettono un mondo coerente con gli anni storici raffigurati ne Il Silmarillion, Lo Hobbit, e Il Signore degli Anelli.

Fiumi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fiumi della Terra di Mezzo.

Due sono i principali fiumi della Terra di Mezzo: il Sirion nel Beleriand e l'Anduin che scorre verso Gondor. Tutta la Terra di Mezzo è comunque ricca di corsi d'acqua.

Catene Montuose[modifica | modifica wikitesto]

Montagne[modifica | modifica wikitesto]

Regni[modifica | modifica wikitesto]

Altri luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Popoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (Lettere, n. 211)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien