Terra di Marie Byrd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Terra di Marie Byrd.

La Terra di Marie Byrd è una delle regioni della parte occidentale dell'Antartico, situata ad est della Ross Ice Shelf e del Mare di Ross, e a sud dell'oceano Pacifico. Si estende tra i 158° ovest e 103° 24' ovest. Il nome venne assegnato dall'ammiraglio Richard Evelyn Byrd nel 1929 in onore della moglie alla parte nord-occidentale della regione.[1]

È la più grande regione non rivendicata della Terra, con una superficie di 1.610.000 km², fino al 1961 anno di entrata in vigore del trattato antartico la terra di Marie Byrd veniva tradizionalmente considerata un possedimento degli Stati Uniti in virtù della nazionalità dello scopritore. Negli atlanti e nelle carte politiche dell'Antartide precedenti il 1961 la terra di Marie Byrd incastonata fra il Territorio antartico britannico e la Terra di Ross completava la divisione politica del Continente antartico non lasciando quindi territori senza sovranità. Il trattato antartico ha comunque sospeso le rivendicazioni e gli stessi Stati Uniti non hanno mai di fatto rivendicato il territorio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Terra di Mary Bird, Geographic Names Information System. U.S. Geological Survey, accesso 16-03-2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]