Terminator (serie di film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Quello di Terminator è un ciclo di film di fantascienza composto da quattro pellicole, prodotte dal 1984 al 2009. Nella saga i Terminator sono cyborg, androidi o semplici robot, ideati dall'intelligenza artificiale Skynet, un supercomputer che, acquisita autocoscienza, si pone come obiettivo la distruzione del genere umano.

La serie di film è indissolubilmente legata a Arnold Schwarzenegger, che è stato il primo e più famoso interprete di un Terminator.

Il regista di Terminator e Terminator 2 è James Cameron, Terminator 3 è diretto da Jonathan Mostow mentre Terminator Salvation vede la regia di McG.

I film[modifica | modifica sorgente]

Era il 1984 quando nelle sale uscì Terminator (ambientato nello stesso anno), secondo film commerciale diretto da James Cameron. Oltre a divenire ben presto un film di notevole successo, contribuì anche alla definitiva consacrazione al grande pubblico di Arnold Schwarzenegger, attore già noto per aver interpretato due anni prima Conan il barbaro nell'omonimo film di John Milius.

Il sequel Terminator 2 - Il giorno del giudizio, uscito nel 1991 (e ambientato però nel 1994), fu subito pubblicizzato come il film più costoso della storia del cinema, con un budget dichiarato di 100 milioni di dollari (in realtà 94[1], ne incassò poi oltre 500[2]). Conseguenza curiosa di questa mossa pubblicitaria fu il nascere a Hollywood della moda di pubblicizzare come il "film più costoso della storia del cinema" ogni nuovo kolossal il cui costo superasse quello di qualunque altro film precedente[senza fonte]. Da un punto di vista tecnologico Terminator 2 contribuì in modo rivoluzionario allo sviluppo della grafica computerizzata e in modo particolare all'utilizzo di un effetto digitale chiamato morphing.

Nelle intenzioni di Cameron, che era l'inventore del cyborg, la storia si sarebbe dovuta concludere con il T-800 che si distruggeva nella vasca di acciaio fuso. I produttori invece erano intenzionati a far tornare il T-800 ancora una volta in azione, a costo di affidare la direzione del film a un altro regista. Così Schwarzenegger, prima di candidarsi come governatore della California, tornò ad indossarne i panni nel 2003, con Terminator 3 - Le macchine ribelli (ambientato nel 2004), mentre la regia passò da Cameron a Jonathan Mostow. Al contrario di ciò che molti si sarebbero potuti aspettare, Cameron apprezzò pubblicamente il risultato ottenuto da Mostow.

Nel 2009 uscì il quarto episodio Terminator Salvation diretto da McG e ambientato in un futuro post apocalittico in cui gli umani combattono contro le macchine comandate da Skynet. Il film contiene numerosi riferimenti alla serie TV Terminator: The Sarah Connor Chronicles.

È stata inoltre annunciata da James Middleton, uno dei produttori della serie The Sarah Connor Chronicles, la realizzazione di una trasposizione anime a cortometraggi (come Animatrix). Il progetto è attualmente chiamato Termination.[3]

Interpreti e personaggi[modifica | modifica sorgente]

Terminator (1984)[modifica | modifica sorgente]

Il primo film è interpretato da Linda Hamilton e Michael Biehn, che vestono rispettivamente i panni di Sarah Connor e di Kyle Reese, i quali vengono inseguiti da un terminator modello T-800/101 interpretato da Arnold Schwarzenegger. Il terminator torna indietro nel tempo per uccidere Sarah Connor prima che metta al mondo John Connor, leader della resistenza contro le macchine. A sua volta Kyle Reese, soldato della resistenza, viene inviato indietro nel tempo per proteggere Sarah dal terminator.

Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991)[modifica | modifica sorgente]

Il secondo episodio vede il ritorno di Schwarzenegger (nel ruolo di un T-800/101 catturato dalla resistenza e riprogrammato dal John Connor del futuro, per proteggere la sua controparte del presente) e di Linda Hamilton, mentre Michael Biehn è presente solo come cameo in un sogno di Sarah (in una scena eliminata presente nella versione Director's Cut del film). In Terminator 2 vengono introdotti Edward Furlong (nel ruolo di John Connor) e Robert Patrick (nel ruolo del T-1000, un cyborg programmato per uccidere John). Nel film riappare anche Earl Boen nel ruolo del Dott. Peter Silberman, medico psichiatra che si prende cura di Sarah Connor.

Terminator 3 - Le macchine ribelli (2003)[modifica | modifica sorgente]

In Terminator 3 abbiamo il ritorno di Schwarzenegger, che interpreta un T-850/101 (il T-850 è una versione potenziata del T-800) catturato e riprogrammato per assicurarsi la sopravvivenza di John Connor e della sua futura moglie Kate Brewster. Oltre a Schwarzenegger, l'unico altro attore ad essere apparso nei film precedenti è Earl Boen, in un cameo in cui interpreta nuovamente il Dr. Silberman. In questo film il ruolo di Connor venne dato a Nick Stahl a causa dei problemi di tossicodipendenza di Furlong. Claire Danes interpreta Kate Brewster, futura moglie di John nonché suo braccio destro. Kristanna Loken interpreta la T-X, sofisticatissimo androide programmato per uccidere John Connor e Kate Brewster, nonché altri obiettivi secondari. Non è presente Linda Hamilton la quale, visto il ruolo marginale che avrebbe dovuto occupare nell'economia della pellicola, rifiutò la parte, costringendo gli sceneggiatori ad "uccidere" Sarah Connor, facendola morire di leucemia nel 1997, sette anni prima dell'ambientazione del film stesso.

Terminator Salvation (2009)[modifica | modifica sorgente]

Nel quarto film il cast è stato completamente rinnovato.

Verso la fine del film appare un prototipo del T-800/101, interpretato da Roland Kickinger ma dotato del volto di Schwarzenegger (ricostruito digitalmente).

Il tema di fondo[modifica | modifica sorgente]

Il tema trattato è quello della guerra tra gli uomini e le macchine, quelle stesse macchine che l'uomo ha costruito per difendersi ai tempi della guerra fredda. Alla guida di tali macchine c'è Skynet, un'intelligenza artificiale che, raggiunta l'autocoscienza, il 29 agosto 1997 ha scatenato una disastrosa guerra nucleare, dimezzando la popolazione umana. Questo tema è tipico degli anni ottanta, quando l'era informatica muoveva i primi rapidi passi nella società civile mentre la guerra fredda, che sarebbe terminata in contemporanea con la realizzazione del secondo capitolo, era motivo di forti preoccupazioni.

Budget[modifica | modifica sorgente]

  • Terminator: 6,4 milioni di $[4]
  • Terminator 2 - Il giorno del giudizio: 94 milioni di $[5]
  • Terminator 3 - Le macchine ribelli: 170 milioni di $[6]
  • Terminator Salvation 200 milioni di $[7]

Parodie[modifica | modifica sorgente]

Nel programma Mai Dire Grande Fratello Show è stata fatta la parodia della saga (si tratta però generalmente di una parodia di Terminator 2 e 3), intitolata Terminenzio, nella quale il futuro capo della resistenza umana, Gioconno Conno, viene intercettato da due cyborg provenienti dal futuro: T-9, la cui missione è quella di proteggerlo, e T-10, che vuole eliminarlo.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Terminator 2: Judgment Day (1991) - IMDb
  2. ^ TERMINATOR 2 - IL GIORNO DEL GIUDIZIO (TERMINATOR 2 - JUDGMENT DAY) :: SCHWARZENEGGER.IT :: Arnold Schwarzenegger Italian Fan Site
  3. ^ Lycos
  4. ^ The Terminator (1984) - Box Office Mojo
  5. ^ Terminator 2: Judgment Day (1991) - IMDb
  6. ^ The candid candidate - Entertainment News, V Features, Media - Variety
  7. ^ Terminator Salvation (2009) - Box Office Mojo

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]