Terezín

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la voce sul campo di concentramento, vedi campo di concentramento di Theresienstadt.
Terezín
Città
Terezín – Stemma Terezín – Bandiera
Terezín – Veduta
Localizzazione
Stato Rep. Ceca Rep. Ceca
Regione Flag of Usti nad Labem Region.svg Ústí nad Labem
Distretto Litoměřice
Amministrazione
Sindaco Růžena Čechová
Territorio
Coordinate 50°30′39″N 14°09′02″E / 50.510833°N 14.150556°E50.510833; 14.150556 (Terezín)Coordinate: 50°30′39″N 14°09′02″E / 50.510833°N 14.150556°E50.510833; 14.150556 (Terezín)
Superficie 13,54[1] km²
Abitanti 3 064[2] (1º gennaio 2011)
Densità 226,29 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 411 55
Fuso orario UTC+1
Codice ČSÚ 565717
Targa LT
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
Terezín
Posizione di Terezín nel distretto
Posizione di Terezín nel distretto
Sito istituzionale

Terezín (in tedesco Theresienstadt) è una città della Repubblica Ceca facente parte del distretto di Litoměřice, nella regione di Ústí nad Labem, a circa sessanta km a nord di Praga.

Nacque alla fine del XVIII secolo come città-fortezza, con due poli tra loro distinti: la "grande fortezza" e la "piccola fortezza". La "piccola fortezza" per lungo tempo funzionò come prigione; anche il nazionalista serbo Gavrilo Princip vi fu detenuto, e vi morì nel 1918. La "grande fortezza" è nota soprattutto perché durante la seconda guerra mondiale fu trasformata dai nazisti nel campo di concentramento di Theresienstadt (oggi aperto a museo).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dall'edificazione alla fine del XIX secolo[modifica | modifica sorgente]

Nel tardo XVIII secolo l'imperatore d'Austria Giuseppe II d'Asburgo-Lorena fece progettare una città fortezza al centro della Boemia, dandole il nome di Theresienstadt (città di Teresa) in onore dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria (Terezín in ceco).[3] La città fortezza fu costruita sotto la supervisione dell'architetto militare veronese generale conte Clemente Pellegrini.

Planimetria della fortezza di Terezin del 1869

La costruzione iniziò nel 1780 e terminò dieci anni dopo. Si trattava di una città militare, edificata con lo scopo di proteggere Praga dai possibili attacchi prussiani provenienti da nord e parte del sistema di fortificazione antiprussiano.[3]

La città fortezza fu edificata all'altezza della divisione in due rami dell'Ohře (in tedesco Eger), affluente dell'Elba. Presso il ramo più a ovest venne costruita la fortezza più imponente (grande fortezza); presso il ramo più a est la fortezza più piccola (piccola fortezza); le due fortezze distavano tra loro circa un chilometro.

L'estensione della fortezza copriva 3.89 km². Le fortificazioni furono progettate nella tradizione di Sébastien Le Prestre de Vauban. In tempo di pace potevano ospitare 5.655 soldati, mentre in tempo di guerra fino a circa 11.000 unità, e i terreni contigui potevano essere allagati per scoraggiare gli attacchi ed agevolare la difesa.

Le fortezze non svolsero mai la funzione per cui erano state inizialmente progettate, pur rimanendo un presidio strategico importante. Nel 1882 Theresienstadt fu abbandonata in quanto sede di guarnigione e la piccola fortezza trasformata in carcere di sicurezza per prigionieri militari e politici oppositori della monarchia asburgica.[3]

Prima Guerra Mondiale[modifica | modifica sorgente]

La cella in cui Gavrilo Princip venne rinchiuso.

Durante la Prima guerra mondiale la piccola fortezza fu utilizzata come campo di concentramento. Molte migliaia di deportati dalla Russia vi vennero rinchiusi dall'impero Austro-Ungarico. Anche Gavrilo Princip, l'assassino dell'arciduca erede al trono e della moglie, morì in queste celle nel 1918 a causa della tubercolosi.

Seconda Guerra Mondiale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi campo di concentramento di Theresienstadt.
La nota scritta Arbeit macht frei sopra l'ingresso del campo

Durante la seconda guerra mondiale la Gestapo utilizzò la grande fortezza di Terezin, più conosciuta con il nome tedesco di Theresienstadt, come campo di concentramento.

Circa 144.000 ebrei ed ebree furono imprigionati/e qui, ne morirono 33.000, la maggior parte a causa delle inumane condizioni (fame, malattie, e un'epidemia di tifo esantematico verso la fine della guerra). Tra gli altri, anche la prima donna ordinata rabbino, Regina Jonas, fu tenuta qui prigioniera, prima di essere deportata ad Auschwitz.

Circa 88.000 delle persone prigioniere furono deportate verso il campo di concentramento di Auschwitz ed altri campi di sterminio. Alla fine della guerra le persone sopravvissute furono 17.247.

Anche la "piccola fortezza" (in ceco: Malá pevnost, in tedesco: Kleine festung), venne utilizzata dalla Gestapo, a partire dal 1940, come prigione (la più grande dell'intero protettorato di Boemia e Moravia). Circa 90.000 persone furono imprigionate qui, 2.600 delle quali morirono.

Il 9 maggio 1945 le forze sovietiche liberarono la città dall'occupazione nazista.

Dopo la guerra[modifica | modifica sorgente]

Cimitero ebraico a Theresienstadt

Dopo la guerra Terezin è rimasta un insediamento militare fino al 1996. L'uscita di scena delle forze militari ha avuto un impatto negativo sull'economia locale. Terezín sta ancora cercando di superare il proprio passato militare per usufruire al meglio dell'attuale condizione di città libera.

Nel 2002 la città è stata oggetto di un forte allagamento[4].

La sussistenza economica si basa oggi sulla produzione di armi, la produzione manifatturiera, l'agricoltura e il turismo legato alla visita sia della piccola fortezza che dell'ex-campo di concentramento nella fortezza grande, ancora in ottime condizioni.

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (XLS). URL consultato il 19 maggio 2012.
  2. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (PDF). URL consultato il 19 maggio 2012.
  3. ^ a b c Opuscolo Del Ghetto di Terezín, di "Monumento di Terezín", trad. Sebastiano Capurso
  4. ^ Fonte: Terezin.cz

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Repubblica Ceca Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Repubblica Ceca