Teoria delle subculture

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nell'ambito delle teorie delle subculture, Cohen compie degli studi che possano colmare i vuoti teorici di Merton. Questo, infatti, non aveva fornito una spiegazione a determinati tipi di devianza, in particolare quella collettiva. Cohen parte dall'osservazione di atti devianti messi in atto da gruppi di persone e giunge alla constatazione che i membri del gruppo condividono una subcultura. Con questa definizione si intende un insieme di norme e valori che orientano un gruppo di persone e che si discostano dalle norme e dai valori della cultura dominante. Perché esiste una subcultura? La formazione della subcultura è legata alla necessità degli esseri umani di mettere in atto delle strategie quando si trovano dinnanzi ad un problema. La subcultura delinquente rappresenta una soluzione collettiva ai problemi di adattamento determinati dall'ineguale distribuzione delle opportunità. Tale problema di adattamento è dovuto all'incapacità di raggiungere una posizione sociale di riguardo (necessità che sperimentano gli individui di qualsiasi classe sociale). Gli individui che condividono tale problema possono collettivamente cercare di risolverlo fissando nuove norme e nuovi criteri di considerazione sociale. Tali norme e criteri saranno dei nuovi valori sottoculturali in contrasto con quelli della cultura dominante.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cohen, Albert K. (1955). Delinquent Boys: The Culture of the Gang, Glencoe. IL: Free Press.
  • Cohen, Albert & Short, James, (1958), "Research in Delinquent Subcultures", Journal of Social Issues, pp20–37.
  • Cohen, P. (1972). Sub-cultural Conflict and Working Class Community. Working Papers in Cultural Studies. No.2. Birmingham: University of Birmingham.
  • Crow, Thomas. (1997). "Substance over style - artist Phil Cohen's Rethinking the Youth Question". ArtForum XXXVI, Oct. pp15–16. [1]
  • Claude Fischer, The Subcultural Theory of Urbanism: A Twentieth Year Assessment in American Journal of Sociology, vol. 101, nº 3, 1995, pp. 543–577, DOI:10.1086/230753.
  • Frazier, Edward Franklin (1931) The Negro Family in Chicago. Revised and abridged edition: 1967. Chicago: The University of Chicago Press.
  • Frazier, Edward Franklin. (1932). The Free Negro Family, Arno Press.
  • Frazier, Edward Franklin. (1949). The Negro in the United States. New York: Macmillan.
  • Frazier, E. Franklin. (1957). The Black Bourgeoisie. Free Press paperback edition: 1997. ISBN 0-684-83241-0
  • Frazier, E. Franklin. (1957). Race and Culture Contacts in the Modern World. New York: Alfred Knopf.
  • Kaminski, Marek M. (2004) Games Prisoners Play. Princeton: Princeton University Press. ISBN 0-691-11721-7
  • Matza, David. (1964). Delinquency and Drift. Reprint edition: 1990.Transaction Press. ISBN 0-88738-804-3
  • Walter Miller, Lower Class Culture as a Generating Milieu of Gang Delinquency in Journal of Social Issues, vol. 14, nº 3, 1958, pp. 5–20, DOI:10.1111/j.1540-4560.1958.tb01413.x.
  • Walter Miller, Implications of Urban Lower-Class Culture For Social Work in The Social Service Review, vol. 33, nº 3, 1959, pp. 219–236, DOI:10.1086/640711.
  • Shaw, Clifford (1930). The Jackroller: A Delinquent Boy's Own Story. Reprint edition: 1966. Chicago: The University of Chicago Press.
  • Thrasher, F.M. (1927). The Gang. Chicago: University of Chicago Press.
  • F.M. Thrasher, Juvenile Delinquency and Crime Prevention in Journal of Educational Sociology, vol. 6, nº 8, 1933, pp. 500–509, DOI:10.2307/2961696, JSTOR 2961696.
sociologia Portale Sociologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sociologia