Teodoro Prodromo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Teodoro Prodromo, in greco Θεόδωρος Πρόδρομος (1115 (circa) – 1160), è stato un poeta bizantino, che contribuì ad introdurre in letteratura il volgare.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vissuto sotto il regno di Giovanni II Comneno e Manuele I Comneno Comneno. Fu educato alla scuola di Michele Italico, ma ebbe sempre difficoltà a guadagnarsi il pane quotidiano. Da questo derivano i frequenti lamenti che riempiono i suoi scritti che hanno contribuito a creare attorno a lui la leggenda del ptocoprodromo ("Prodromo il mendicante"), a cui fecero eco numerose poesie in lingua volgare, che la critica attribuisce a poeti successivi che hanno sovrapposto alla sua figura quella della caricatura di un "poeta mendicante" in serie difficoltà economiche. Solo per un breve periodo poté vivere agiatamente grazie alla protezione di Manuele Comneno nel monastero di San Giorgio di Mangani. Ma in seguito questo beneficio terminò e il poeta morì in povertà presso un altro monastero dove era conosciuto con il nome di Fra' Ilario.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Teodoro Prodromo scrisse un poema epico burlesco parodizzando la Batracomiomachia erroneamente attribuita ad Omero: la Galaeomyomachia (o Catomiomachia), creata con la struttura della commedia e ispirata alle favole esopiche, narrante l'innata inimicizia tra felino e roditore. Scrisse anche un romanzo bizantino in versi, Gli amori di Rodante e Dosicle.

Edizioni, traduzioni, commenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli amori di Rodante e Dosicle sono pubblicati in Il romanzo bizantino del XII secolo, a cura di Fabrizio Conca, UTET, Torino, 1994.
  • Epitalamio per le nozze di Giovanni Comneno e.... Taronita, dal codice marciano 22., classe 11., secolo 13. con traduzione italiana in versi e note storiche e filologiche di C. Castellani, Fratelli Visentini, Venezia, 1890.
  • (LA) Theodori Prodromi philosophi Rhodanthes et Dosiclis amorum libri 9. Graecè & Latinè. Interprete Gilb. Gaulmino Molinensi, Parisiis, apud Tussanum Du Bray, 1625
  • Giuditta Podestà, Teodoro Prodromo e la sua satira nella Bisanzio del XII secolo, «Studium», LX, 1964, pp. 24-34.
  • (ES) Versos del gramático señor Teodoro Pródromo El pobre; o Poemas Ptocroprodrómicos. Estudio preliminar, texto griego, traducción, notas y comentarios de José M. Egea. Granada: Centro de Estudios Bizantinos,. Neogriegos y Chipriotas, 2001.
  • (ES) La catomiomaquia. Edición, Traducción, Introducción y Notas del Académico Francisco Antonio García Romero, 2003.
  • (ES) Rodante y Dosicles, trad. J. A. Moreno Jurado, Madrid, Ediciones Clásicas, 1996.
  • Fabrizio Conca, Osservazioni al testo del romanzo di Teodoro Prodromo in Storia, poesie pensiero nel mondo antico. Studi in onore di Marcello Gigante, Napoli, Bibliopolis 1994, pp.137-147.
  • Charles Diehl, Figure bizantine, introduzione di Silvia Ronchey, 2007 (1927 originale), Einaudi, ISBN 978-88-06-19077-4

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100213249 LCCN: n80008542