Teodoro Lechi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teodoro Lechi

Teodoro Lechi (Brescia, 16 gennaio 1778Milano, 2 maggio 1866) è stato un generale italiano, giacobino e consigliere militare di Carlo Alberto.

Quattordicesimo figlio di Fausto Lechi e fratello minore del più celebre Giuseppe, Teodoro si arruola nella Legione Bresciana il 18 marzo del 1797, allo scoppio della rivoluzione cittadina. Si schiera immediatamente a fianco di Napoleone, ed entra a far parte della Nuova Guardia Presidenziale della Repubblica Italiana che di lì a poco diventerà Guardia Reale. Nel 1803 è promosso al grado di Colonnello.

Trascorre quasi due anni (1803-1805) a Parigi, dove riceve un adeguato addestramento militare. Tornato in Lombardia, diventa comandante dei Granatieri della Guardia Reale del nuovo Viceré Eugenio di Beauharnais. Nello stesso anno è nominato Scudiero del Re d'Italia e riceve in consegna da Napoleone le aquile e gli stendardi della Guardia. Con il Principe Eugenio, Lechi combatte ad Austerlitz (1805), in Veneto, in Dalmazia, in Albania, in Ungheria venendo promosso Generale di brigata nel 1809. Dopo la battaglia di Wagram (dicembre 1809) è nominato Barone dell'Impero. Il 10 febbraio 1812 parte per la Campagna di Russia, partecipando a tutti gli scontri, compresi quelli della ritirata.

Nel 1813 e 1814 prende parte anche alla guerra contro l'Austria, pur consapevole del tramonto dell'epoca napoleonica, al comando della IV Divisione dell'Armata d'Italia. Il 27 aprile del 1814, dopo la firma dell'armistizio da parte di Eugenio di Beauharnais, è protagonista di un rito alquanto singolare: per fedeltà alla propria Guardia, brucia gli stendardi e le aquile (tranne una, che conserverà gelosamente per oltre trent'anni), e ne mangia le ceneri insieme ai propri ufficiali.

Ed è proprio in occasione delle Cinque giornate di Milano che, ormai settantaduenne, Teodoro Lechi torna in azione: il 28 marzo del 1848 assume il comando della Guardia Civica e successivamente quello dei Corpi Volontari Lombardi. Uomo d'esperienza, consiglia al ministro della guerra Antonio Franzini di utilizzare le linee ferroviarie per trasportare le truppe ed assaltare Verona: suggerimento che non viene accolto e che probabilmente avrebbe cambiato le sorti della prima guerra di indipendenza.

Al termine della guerra si ritira in Piemonte, dove viene nominato Generale d'Armata da Carlo Alberto: per riconoscenza, il veterano ex giacobino consegna al Re di Sardegna l'unica aquila sottratta al rituale del 1814.

Nel 1859 fa ritorno a Milano, dove muore, nel 1866 all'età di ottantotto anni.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
Commendatore dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona Ferrea
Medaglia di Sant'Elena - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Sant'Elena
Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859 - nastrino per uniforme ordinaria Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Medaglia Mauriziana al merito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 227085600

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie