Tenente generale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tenente Generale)
Distintivo per controspallina di generale di corpo d'armata dell'Esercito Italiano
Spallina da tenente generale dell'US Army

Il grado di tenente generale, denominato in passato luogotenente generale[1], nelle forze armate italiane si è alternato nel tempo all'interno della nomenclatura dei gradi militari con il grado di generale di corpo d'armata, immediatamente superiore a quello di generale di divisione, ed è distinto da tre stelle poste sopra una greca d'argento; quest'ultimo è il colore delle insegne di tutti gli ufficiali generali. In molti eserciti al mondo questo grado designa comunque, con insegne diverse, un generale superiore a quello di divisione. Nell'Esercito italiano, il grado di tenente generale è sempre stato utilizzato per gli Ufficiali Generali dei corpi tecnici pari grado dei generali di corpo d'armata delle Armi combattenti.

Nelle forze armate statunitensi che prevedono questo grado (U.S. Army, USMC e USAF) un tenente generale (Lieutenant General) è anche chiamato "generale a tre stelle", a causa delle tre stelle che campeggiano sull'uniforme.

Per buona parte della prima metà del XIX secolo questo grado, come quello di full General, esistette solo sulla carta. Fino alla guerra di secessione americana, il solo ufficiale che sia mai stato promosso a titolo onorario a tale grado fu Winfield Scott, nel 1855. George Washington fu elencato come tenente generale dell'Armata Continentale dopo la sua morte dal momento che mostrava sulla divisa una spallina con tre stelle ma il titolo di cui attualmente è accreditato fu quello di generale e comandante in capo. La prima promozione a pieno titolo a tenente generale fu quella di Ulysses S. Grant, elevato a questo grado e a quello di comandante generale delle forze armate statunitensi nel 1864.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Enciclopedia Sapere.it, lemma luogotenènte.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]