Temporale di neve

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In meteorologia il temporale di neve (da non confondere con la grandine) è un fenomeno atmosferico che consiste in una precipitazione nevosa accompagnata da scariche elettriche; è estremamente raro in quanto la sua occorrenza si ha con una combinazioni di fattori o coincidenze difficilmente verificabili insieme. Tale fenomeno è infatti rarissimo in Europa (dove la stagione dei temporali solitamente è l'estate), mentre è più probabile negli Stati Uniti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esso si verifica quando correnti di aria mite-umida (leggermente sotto gli 0 °C) si scontrano con correnti di aria molto gelida con l'effetto di produrre una forte precipitazione al suolo in breve tempo.

In Italia temporali di neve possono verificarsi sulle Alpi e sugli Appennini, mentre in Europa sono più frequenti a nord della catena alpina.

Tuoni e lampi nel corso di una nevicata sono rari, ma non completamente assenti. I temporali con tuoni e fulmini, infatti, sono un fenomeno atmosferico che si manifesta per lo più nei mesi estivi, perché in inverno non esistono le condizioni che stanno alla base della loro formazione. Durante la stagione fredda, il Sole rimane più basso all'orizzonte e le giornate sono più corte; in questo modo il suolo di norma non si scalda abbastanza da creare nell'atmosfera sovrastante le condizioni di instabilità necessarie per lo sviluppo dei temporali. Può accadere però che si produca instabilità atmosferica se arriva aria molto fredda dalle aree polari. Questa, incontrando l'aria più calda che si trova, per esempio, a sud delle Alpi la innalza di quota. Si creano così cumulonembi con forti correnti verticali, si può innescare un temporale con neve al posto della pioggia. Questi temporali di neve, corredati da lampi e tuoni, sono più frequenti nei paesi del Nord Europa e in alcune aree degli Stati Uniti e del Giappone, più esposti alle discese di aria fredda polare. E si verificano più facilmente in autunno e in primavera. È difficile assistervi; non solo perché sono rari ma anche perché la neve attutisce i tuoni, che quindi non si sentono a più di 2-3 km dal punto in cui scaturisce il fulmine.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]