Tempio di Mussenden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Panoramica del Tempio. Ben visibile anche il panorama che offre sull'Oceano Atlantico e sullo sbocco del Lough Swilly, oltre che la pregevole spiaggia di Downhill.

Il Tempio di Mussenden (Mussenden Temple in inglese) è un piccolo monumento a pianta circolare situato nella tenuta di Downhill, vicino al centro abitato di Castlerock, nella contea nordirlandese di Londonderry.

La particolarità principale del tempio è la sua posizione: è, infatti, situato sulla zona nord-occidentale della contea, che corrisponde al tratto costiero formato da scogliere di basalto, risultando isolato dal resto della tenuta a picco sull'Oceano Atlantico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tempio di Mussenden. Dettaglio del tempio con l'entrata e l'iscrizione.

Costruito nel 1785, fa parte della grande tenuta di Frederick Augustus Hervey, Vescovo di Derry e 4° Conte di Bristol. Originariamente adibito a biblioteca, l'ispirazione della pianta circolare deriva direttamente dal Tempio di Vesta della Villa Gregoriana di Tivoli[1], mentre il nome deriva dal cugino di Hervey, Frideswide Mussenden, alla cui memoria è dedicato.

Col passare degli anni, l'erosione della scogliera che si affaccia accanto a Downhill ha portato il Tempio di Mussenden sempre più vicino all'orlo del precipizio, a tal punto da comprometterne la sicurezza e da allarmare la National Trust britannica, che nel 1997 ha condotto dei lavori per stabilizzare il terreno circostante.

Sull'edificio c'è un'iscrizione che recita:

« "Tis pleasant, safely to behold from shore,

The rolling ship, and hear the tempest roar" »

una frase del libro II del De Rerum Natura di Lucrezio tradotta in inglese da John Dryden[2][3].

Oggi parte delle proprietà della National Trust insieme alla Downhill Estate & Mussenden Temple, i territori circostanti e la relativa manor house (Downhill Castle) sono aperti al pubblico tutto l'anno gratuitamente, dall'alba al tramonto. Lo stesso tempio è aperto in certi giorni, e l'entrata è libera, ma a volte è adibito per occasioni particolari come matrimoni o cerimonie. Dal tempio si possono godere ampie vedute delle spiagge di Downhill e Benone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeremy Black, Italy and the Grand Tour, 2003, p. 198. ISBN 0-300-09977-0
  2. ^ Linda Stewart, At Benone Strand, it is Downhill all the way, 30 novembre 2009. URL consultato il 30 aprile 2010. (Cfr. (EN) Google libri)
  3. ^ Il Libro secondo del De rerum natura su Wikisource.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]