Tempio di Minerva (Assisi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tempio di Minerva
Fronte esastilo del tempio
Fronte esastilo del tempio
Stato Italia Italia
Regione Umbria Umbria
Località Assisi-Stemma.png Assisi
Religione cattolica
Titolare Santa Maria sopra Minerva
Diocesi Diocesi di Assisi
Consacrazione 1539
Stile architettonico arte augustea
Inizio costruzione I secolo a.C.;
rimaneggiato in stile barocco nel XVII secolo
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Assisi, la Basilica di San Francesco e altri siti francescani
(EN) Assisi, the Basilica of San Francesco and Other Franciscan Sites
Assisi 2.JPG
Tipo Culturali
Criterio (i) (ii) (iii) (iv) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2000
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il cosiddetto tempio di Minerva, di arte augustea, sorge ad Assisi (Asisium), in piazza del Comune, dedicato probabilmente ad Ercole ed eretto nel 30 a.C.. Fu trasformato in chiesa di Santa Maria sopra Minerva nel Cinquecento, con il relativo campanile, chiamato "Torre del Popolo". Risulta essere tra i templi romani meglio conservati del mondo antico.

L'edificio appartiene alla tipologia del tempio prostilo corinzio "in antis" (con pronao delimitato lateralmente dal prolungamento delle pareti della cella), con colonne scanalate poggianti su alti plinti quadrangolari, trabeazione e frontone.

Il nome deriva da un'interpretazione posteriore, dovuta al ritrovamento di una statua femminile; è stata invece rinvenuta una lapide votiva dedicata ad Ercole.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il tempio fu edificato per volere di due dei quattuorviri (massimi magistrati cittadini), Gneo Cestio e Tito Cesio Prisco, che furono anche i finanziatori del progetto.

Nell'alto medioevo, la cella fu trasformata nella Chiesa di San Donato, poi degradata a "casalino", per passare poi all'ordine benedettino che vi ricavò abitazioni e botteghe. [1] Nel XIII secolo fu adattata a sede del comune, che destinò il piano inferiore a sede carceraria, deputando quello superiore ad aula del consiglio cittadino.

Nel 1539 il papa Paolo III volle far trasformare il suo interno in chiesa cattolica dedicata alla Vergine. L'edificio venne quindi rimaneggiato poi in stile barocco nel XVII secolo.[2]

Durante il suo viaggio in Italia, il poeta Goethe giunse ad Assisi e vi volle visitare soltanto il tempio di Minerva.[3]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Piazza del Comune (Assisi).

Il tempio conserva la facciata originale che in origine si affacciava su una piazza identificata come la piazza del foro romano, spiccando su un podio rialzato. Restano sei colonne con basi attiche, fusti scanalati e capitelli corinzi, poggiate su piedistalli che interrompono la scalinata di accesso. Si conserva anche la trabeazione con il fregio, che in antico recava un'iscrizione con lettere di bronzo, delle quali restano i fori di fissaggio, e con la cornice con mensole e il frontone, di dimensioni proporzionalmente ridotte.

La cella è andata completamente distrutta durante la costruzione della chiesa nel XVI secolo.[4]

Recentemente è stato riscoperto un breve tratto del tempio vicino all'altare, con un arco murato. Il piccolo tratto non è più stato coperto ed è tuttora visibile. Sono emerse inoltre parte dell'antica pavimentazione romana e il grande muro di terrazzamento posteriore. Dal cortile dell'edificio attiguo risulta visibile il fianco sinistro dell'edificio templare e, al fondo, il muro di sostegno del terrapieno.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.touringclub.com/chiesa/umbria/perugia/tempio-di-minerva-o-s-maria-sopra-minerva.aspx
  2. ^ AA.VV., Umbria, p. 297
  3. ^ Goethe, p.45
  4. ^ AA.VV., Umbria, p. 298
  5. ^ CIL XI, 5388; CIL XI, 5457

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., Umbria, Touring Club Italiano 1999.
  • J.W. Goethe, Viaggio in Italia, Milano 2006.
  • L. Santini, Assisi, Narni-Terni 1992.
  • G. Troiano-A. Pompei, Guida illustrata di Assisi, Terni 1989.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]