Tempio di Bulguksa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 35°46′N 129°20′E / 35.766667°N 129.333333°E35.766667; 129.333333

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Tempio sotterraneo di Seokguram e Tempio di Bulguksa
(EN) Seokguram Grotto and Bulguksa Temple
경주 불국사 청운교 및 백운교.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1995
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Tempio di Bulguksa (in coreano: 불국사 in hangul, 佛國寺 in hanja) è un complesso di templi buddhista che si trova nella provincia di North Gyeongsang, in Corea del Sud. Esso è uno dei principali luoghi di interesse storico del paese e nel 1995 è stato inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO insieme al Tempio sotterraneo di Seokguram, che si trova 4 chilometri a est del complesso principale, considerato un capolavoro dell'arte del periodo del regno Silla.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Da antiche registrazioni si può far risalire al 528 la costruzione in quest'area di un primo piccolo tempio, mentre il tempio che si può ammirare oggi venne eretto nel 751 durante il regno di Gyeongdeok, iniziato dal suo Primo Ministro per placare gli spiriti dei suoi genitori. La costruzione venne ultimata dopo la sua morte, nel 774, e venne battezzata col nome di Bulguksa, cioè "Tempio della terra di Buddha".

Il tempio venne restaurato durante la Dinastia Chosun. Durante l'invasione giapponese del 1592 gli edifici in legno vennero completamente distrutti per mezzo del fuoco. Dopo il 1604 si iniziò la ricostruzione del complesso, seguita da circa 40 rinnovamenti fino al 1805. Durante la nuova occupazione nipponica del XX secolo, i giapponesi intrapresero un altro restauro, ma non si hanno documenti scritti che riportino l'entità dei lavori svolti; inoltre, alcuni dei tesori che erano conservati nel tempio sparirono durante quel periodo di tempo (1910 - 1945).

Dopo la seconda guerra mondiale e la successiva guerra di Corea, un nuovo parziale restauro venne condotto nel 1966. Per ordine del presidente Park Chung Hee, fra il 1969 e il 1973 vennero condotti approfonditi scavi e studi archeologici, oltre ad un ulteriore restauro che ha dato a Bulguksa l'aspetto odierno. Le strutture in pietra non sono andate distrutte durante tutti questi avvenimenti e risalgono all'epoca del regno Silla.

Strutture[modifica | modifica sorgente]

Il tempio si trova sulle pendici del monte Tohamsan, vicino alla città di Gyeongju. L'entrata al complesso, Sokgyemun, è costituita da una scalinata e da un ponte che portano all'interno della struttura. Questa scalinata è composta da 33 gradini, corrispondenti ai 33 passi necessari verso l'illuminazione. La parte inferiore, Cheongungyo (ponte della nuvola blu), è lunga 6,3 metri ed è composta di 17 gradini; la parte superiore, Baegungyo (ponte della nuvola bianca), è lunga 5,4 metri ed è composta di 16 gradini. Alla fine della scalinata vi è la porta chiamata Jahamun.

Del complesso fanno parte due pagode: Seokgatap e Dabotap. La prima è una pagoda di 3 piani, alta 8,2 metri e costruita in pietra, in stile tipicamente coreano, risalente all'VIII secolo. La seconda ha una struttura con moltissime decorazioni, è alta 10,4 metri e la sua immagine è riportata sulle monete da 10 won.

La sala principale è detta Daeung Jeon ("sala della grande illuminazione"), costruita nel 681, al di fuori della quale si trovano le due pagode citate precedentemente. Dietro questa sala si trova la Munseol Jeon ("sala del silenzio"), che deve il suo nome alla credenza che gli insegnamenti di Buddha non possano essere insegnati con le sole parole. Questa sala dovrebbe risalire al 670.

Oltre a queste strutture, nel complesso si trovano numerose altre sale, statue (perlopiù rappresentanti figure di Buddha) e lanterne, che fanno del complesso di templi di Bolguksa uno dei luoghi storici più importanti della Corea del Sud, meta turistica di moltissime persone ogni anno.

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità