Tempest (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tempest
Tempest.png
Immagine di gioco
Sviluppo Atari
Pubblicazione Atari
Ideazione Dave Theurer
Data di pubblicazione 1981
Genere Sparatutto a schermata fissa
Modalità di gioco giocatore singolo, multiplayer (2 giocatori alternati)
Piattaforma Arcade, Atari ST, Amstrad CPC, ZX Spectrum
Specifiche arcade
Schermo Orientamento:verticale
Tipo: vettoriale
Dimensioni: 19"
Periferica di input trackball, 2 pulsanti

Tempest è un videogioco sparatutto con grafica vettoriale di Atari, uscito nel 1981 in versione arcade. Originariamente ideato e programmato da David Theurer come una versione in prima persona di Space Invaders, è stato un titolo piuttosto popolare; si tratta del primo videogioco dotato di scelta della difficoltà (determinata dalla selezione di uno dei 5 livelli disponibili, ognuno diviso in diversi sotto livelli), oltre che ad essere uno dei primi a sfruttare la tecnologia "QuadraScan" di Atari, che permetteva l'uso di più colori su schermo contemporaneamente: giochi come Battlezone ottenevano la policromia grazie alla sorvapposizione di pellicole colorate. Esistono tre seguiti: Tempest 2000, Tempest 3000 e TxK.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

In Tempest si utilizza una piccola astronave, situata sul bordo di una struttura a tubo; dal fondo della struttura salgono diversi tipi di nemici, che devono essere distrutti prima che riescano a raggiungerci (e a distruggerci a loro volta): quando tutti sono eliminati, la nave scende nel tubo e va al livello successivo (un tubo di forma differente). È possibile eliminare i nemici anche se arrivano sul bordo grazie al "super zapper", un'arma che distrugge tutto quello che appare su schermo ma che può essere utilizzata solo 2 volte per livello, e che si ricarica una volta terminato.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Lo statunitense Duncan Brown, proprietario di una sala giochi, modificò il gioco originale per farne una versione più difficile, chiamata Tempest Tubes. Sebbene ebbe molto successo, questa versione non fu mai riconosciuta da Atari, fino a quando la incluse nella compilation Arcade Games Pack #1, come modalità alternativa all'originale.

Esiste un port ufficiale per Atari ST, e altri per Amstrad CPC e ZX Spectrum. Erano state previste conversioni per Atari 2600[1] e Atari 5200[2], ma mai state pubblicate ed esistite solo a livello di prototipo.

Nel corso degli anni sono stati realizzati altri port inclusi in alcune compilation:

Nel dicembre 2007 è stata rilasciata una versione per Xbox 360 attraverso Xbox Live Arcade, dotata di una modalità originale e una versione con grafica migliorata.

Non ufficiali[modifica | modifica sorgente]

  • Nei primi mesi del 2000, Clay Cowgill rilasciò Tempest Multigame un kit arcade che, tramite un menù a video, permetteva di giocare su un singolo cabinato il Tempest originale, Tempest Tube e due prototipi.
  • Nell'Aprile 2003, la Apocalypse Inc. pubblicò Tsunami 2010 un clone di Tempest 3000 per Windows.
  • Nel 2006, Thorsten Kuphaldt ha rilasciato Typhoon 2001, un eccellente clone di Tempest 2000, gratuito e basato sulle librerie Open GL, per i sistemi operativi Windows e Linux. Del gioco vengono distribuiti, per entrambi i sistemi operativi, i soli binari (niente sorgenti).

Tempest in altri media[modifica | modifica sorgente]

Nella sigla del telefilm I ragazzi del computer si vede Jeremy che gioca con gli amici alla versione arcade di Tempest in una sala giochi.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tempest per Atari 2600 su Atari Protos.com
  2. ^ Tempest per Atari 5200 su Atari Protos.com
  3. ^ Sigla del telefilm "I ragazzi del computer", YouTube. URL consultato il 15/02/20122.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi