Temafloxacina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Temafloxacina
Temafloxacin.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C21H18F3N3O3
Massa molecolare (u) 417.381 g/mol
Codice ATC J01MA05
PubChem 60021
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Indicazioni di sicurezza

La temafloxacina è un antibiotico che appartiene alla classe dei chinoloni di terza generazione. La molecola presentava un ampio spettro d'azione nei confronti dei batteri Gram-negativi e Gram-positivi. Sviluppata e commercializzata dalla società farmaceutica Abbott Laboratories con il nome di Omniflox (negli Usa) e di Temaflox, Temadie e Temabiotic in Italia, fu ritirata per il verificarsi di gravi effetti avversi, in particolare per la cosiddetta "sindrome da temafloxacina".[1][2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La storia commerciale del farmaco fu breve. Approvata nel gennaio 1992 dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, già nei primi mesi di commercializzazione fu oggetto di alcune segnalazioni di insorgenza di anemia emolitica nei pazienti che la assumevano. Tra Aprile e Giugno del 1992 il numero di casi segnalati raggiunse quasi il centinaio. Nella breve fase di commercializzazione si verificarono 3 morti.[3]

Farmacodinamica[modifica | modifica wikitesto]

La temafloxacina agisce inibendo in modo selettivo sia la DNA–girasi (conosciuta anche come topoisomerasi II) che la topoisomerasi IV. Questi due enzimi sono fondamentali per la cellula batterica, in particolare per i processi di duplicazione, trascrizione e riparazione dell'acido deossiribonucleico (DNA) nei batteri. Il blocco di entrambi i meccanismi enzimatici porta alla morte della cellula batterica. Il composto è attivo, fra gli altri, nei confronti di Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae, Legionella pneumophila, Chlamydia trachomatis, Mycobacterium avium complex e diversi batteri anaerobi, incluso Bacteroides fragilis.[4][5]

Farmacocinetica[modifica | modifica wikitesto]

A seguito di somministrazione per via orale il composto risulta ben assorbito dal tratto gastrointestinale. La biodisponibilità orale è superiore al 90% ma viene ridotta dalla contemporanea assunzione di medicamenti antiacidi.[6] La temafloxacina si distribuisce nei diversi fluidi e tessuti biologici, in particolare nei tessuti respiratori, nelle secrezioni nasali, nelle tonsille, nella prostata e a livello osseo. In questi distretti le concentrazioni raggiunte sono pari o superiori a quelle sieriche.[7]L'emivita della temafloxacina si aggira intorno alle 8 ore. La penetrazione nel sistema nervoso centrale è invece meno marcata.[5] L'eliminazione dall'organismo avviene prevalentemente attraverso la filtrazione glomerulare.[8][9][10]

Usi clinici[modifica | modifica wikitesto]

La temafloxacina veniva utilizzata nel trattamento di infezioni da Gram negativi, in particolare nelle infezioni delle basse vie respiratorie (polmoniti acquisite in comunità, riacutizzazioni di bronchite cronica),[11] della cute e dei tessuti molli,[12] della prostata e delle vie urinarie (uretriti gonococciche e non gonococciche).[5][13]

Dosi terapeutiche[modifica | modifica wikitesto]

Nei soggetti adulti la dose consigliata era pari a 400 mg, in monosomministrazione giornaliera, per un periodo di trattamento di 10 giorni.

Effetti collaterali e indesiderati[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli effetti collaterali più frequenti dolore, sensazione di freddo, diminuzione dell’emoglobina, insufficienza renale acuta, epatopatia e coagulopatia.

La sindrome da temafloxacina[modifica | modifica wikitesto]

I pazienti che sviluppavano la sindrome da temafloxacina a seguito dell'assunzione del fluorchinolone tipicamente manifestavano rialzo febbrile, brivido e ittero, in media a distanza di circa 7 giorni dall'inizio del trattamento. Questi stessi soggetti presentavano anche un iniziale e moderato grado di emolisi, che si rifletteva nel calo delle concentrazioni medie di emoglobina. Nei 95 pazienti che furono oggetto di rivalutazione dopo le segnalazioni spontanee durante i primi mesi di commercializzazione, in 54 casi si registrò una disfunzione renale di nuova insorgenza (57% del totale). Fra questi 54 soggetti ben 34 (63%) furono costretti a sottoporsi a dialisi. Il 35% dei pazienti sviluppò coagulopatia (per un totale di 33 casi) mentre poco più della metà dei soggetti (precisamente il 51%, pari a 48 pazienti) presentavano anche disfunzione epatica.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il ministro: sequestrate tre farmaci, Corriere.it, 9 giugno 1992. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  2. ^ Comunicato - Revoca di autorizzazioni all'immissione in commercio di specialita' medicinali per uso umano (GU Serie Generale n.153 del 1-7-1992), Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  3. ^ Recalling the Omniflox (Temafloxacin) Tablets, Food and Drug Administration. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  4. ^ Jacobs MR, Evaluation of the bactericidal activity of temafloxacin in Am. J. Med., vol. 91, 6A, Dicembre 1991, pp. 31S–34S, PMID 1662893.
  5. ^ a b c Pankey GA, Temafloxacin: an overview in Am. J. Med., vol. 91, 6A, Dicembre 1991, pp. 166S–172S, PMID 1662889.
  6. ^ Granneman GR, Stephan U, Birner B, Sörgel F, Mukherjee D, Effect of antacid medication on the pharmacokinetics of temafloxacin in Clinical Pharmacokinetics, 22 Suppl 1, 1992, pp. 83–9, PMID 1319875.
  7. ^ Sörgel F, Penetration of temafloxacin into body tissues and fluids in Clin Pharmacokinet, 22 Suppl 1, 1992, pp. 57–63, PMID 1319872.
  8. ^ Granneman GR, Carpentier P, Morrison PJ, Pernet AG, Pharmacokinetics of temafloxacin in humans after multiple oral doses in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 36, nº 2, Febbraio 1992, pp. 378–86, PMC 188445, PMID 1318680. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  9. ^ Granneman GR, Braeckman R, Kraut J, Shupien S, Craft JC, Temafloxacin pharmacokinetics in subjects with normal and impaired renal function in Antimicrob. Agents Chemother., vol. 35, nº 11, Novembre 1991, pp. 2345–51, PMC 245383, PMID 1666497. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  10. ^ Dudley MN, A review of the pharmacokinetic profile of temafloxacin in J. Antimicrob. Chemother., 28 Suppl C, Dicembre 1991, pp. 55–64, PMID 1664830. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  11. ^ Wise R, Comparative penetration of selected fluoroquinolones into respiratory tract fluids and tissues in Am. J. Med., vol. 91, 6A, Dicembre 1991, pp. 67S–70S, PMID 1662897.
  12. ^ Gentry LO, Review of quinolones in the treatment of infections of the skin and skin structure in J. Antimicrob. Chemother., 28 Suppl C, Dicembre 1991, pp. 97–110, PMID 1787128. URL consultato il 17 ottobre 2014.
  13. ^ Symonds WT, Nix DE, Lomefloxacin and temafloxacin: two new fluoroquinolone antimicrobials in Clin Pharm, vol. 11, nº 9, Settembre 1992, pp. 753–66, PMID 1325892.
  14. ^ Blum MD, Graham DJ, McCloskey CA, Temafloxacin syndrome: review of 95 cases in Clin. Infect. Dis., vol. 18, nº 6, Giugno 1994, pp. 946–50, PMID 8086558. URL consultato il 17 ottobre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Microbiologia medica: Clinica.José Ángel García-Rodríguez, Juan J. Picazo, Juan J. Picazo de la Garza, Elsevier España, 1996. ISBN 9788481741728