Telescopio Wolter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Telescopi Wolter di tipo I, II, e III

Il telescopio Wolter è un telescopio per raggi X che usa ottiche con piccoli angoli di incidenza. Questa configurazione nasce dal comportamento dei raggi X i quali possono essere deviati e concentrati solo con piccoli angoli, diversamente da come avviene per la luce visibile.

I raggi X possono essere deviati per angoli sino a 2° circa. Nel 1952, Hans Wolter delineò 3 possibili configurazioni usando degli specchi finemente lavorati[1][2].

Esistono quindi tre configurazioni chiamate Telescopio Wolter di tipo I, II, e III. Sostanzialmente vengono utilizzati una serie di specchi parabolici e iperbolici diversamente combinati, per concentrare i raggi X in un unico fuoco. Ogni configurazione mostra diversi vantaggi e svantaggi[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wolter, H., Glancing Incidence Mirror Systems as Imaging Optics for X-rays in Ann. Physik, vol. 10, 1952, p. 94.
  2. ^ Wolter, H., A Generalized Schwarschild Mirror Systems For Use at Glancing Incidence for X-ray Imaging in Ann. Physik, vol. 10, 1952, p. 286.
  3. ^ Rob Petre, X-ray Imaging Systems.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica