Teleclo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Teleclo
Re di Sparta
In carica IX secolo a.C.?
Predecessore Archelao
Successore Alcamene



Nome completo Τήλεκλος
Morte  ?
Casa reale Agìadi
Padre Archelao
Figli Alcamene

Teleclo (in greco antico Τήλεκλος; Sparta, ... – ...) è stato un re di Sparta della dinastia degli Agìadi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La sua figura è leggendaria. Secondo Pausania[1] ed Erodoto[2] era figlio del predecessore Archelao e padre del successore Alcamene.

Sotto il suo regno, secondo Pausania[3], gli Spartani avrebbero assoggettato molte città vicine. La conquista più notevole fu quella di Amicle, l'ultima fortezza micenea sopravvissuta, che aveva a lungo bloccato l'espansione dei Dori verso sud.

Teleclo è il primo re spartano al quale la tradizione associa vicende storiche. Egli infatti sarebbe stato ucciso dai Messeni durante eventi di cui si tramandano diverse versioni[4] , ma che sembrano riferirsi ad un ricordo dell'inizio della prima guerra messenica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pausania, Descrizione della Grecia, IV, 4, 2-4.
  2. ^ Erodoto, Le storie, VII, 204
  3. ^ Pausania, Descrizione della Grecia, III, 2, 6.
  4. ^ Pausania (IV, 4, 3) riferisce sia una tradizione spartana, secondo la quale gli scontri sarebbero stati causati da Messeni che avrebbero violentato alcune fanciulle spartane, sia una tradizione messenica, secondo la quale Teleclo avrebbe teso un agguato facendo attaccare i Messeni da guerrieri imberbi travestiti da fanciulli.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Predecessore Re Agiade di Sparta Successore
Archelao IX secolo a.C.? Alcamene