Tel Be'er Sheva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 31°14′43.03″N 34°50′27.6″E / 31.245287°N 34.841°E31.245287; 34.841

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Tell di Megiddo, Hazor e Be'er Sheva
(EN) Biblical Tells – Megiddo, Hazor, Beer Sheba
Tel Be'er Sheva Overview 2007041.JPG
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iii) (iv) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2005
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Il Tel Be'er Sheva (ebraico: תל באר שבע) è un sito archeologico situato nel sud di Israele. Si crede che siano i resti della città biblica di Be'er Sheva.[1] La città moderna di Be'er Sheva si trova a nord del tell. La città beduina di Tel as-Sabi si trova ad est.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La città viene citata numerose volte nel Tanakh, spesso per descrivere l'estensione della terra di Israele come "da Be'er Sheva a Dan". Ad esempio si veda il Libro dei Giudici (20:1-3) ed il 1 Samuele (3:19-21). Il nome deriva dal termine ebraico Be'er che significa pozzo, e Sheva che indica il numero sette, o "stipulare un giuramento".

I reperti archeologici indicano che il sito venne usato dal Calcolitico, circa dal 4000 a.C., fino al XVI secolo. Questo è dovuto probabilmente alla ricchezza d'acqua del sottosuolo, come dimostrato dai numerosi pozzi presenti nell'area. Lo stesso insediamento è databile ai primi israeliti, attorno al X secolo a.C.

Le strade dell'antica Be'er Sheva formano una griglia, con aree separate per usi amministrativi, militari, commerciali e residenziali. La città fu il primo insediamento della regione. È anche famosa per l'elaborato sistema idrico e le grandi cisterne, scavate nella roccia su cui la città si fonda.

Un grande altare cornuto è stato riportato alla luce nel sito. Venne ricostruito con pietre squadrate, usate anche per la costruzione degli edifici. Questo altare dimostra l'esistenza di un tempio o comunque di un centro culturale che probabilmente venne smantellato durante la riforma di Re Ezechia (1 Libro dei Re 18:4).

Il sito venne studiato dagli archeologi Yohanan Aharoni e Ze'ev Herzog della Tel Aviv University.

La parte scavata della città fa ora parte del Parco nazionale del Tel Be'er Sheva.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Questa conclusione venne elaborata da Yohanan Aharoni, che scavò il sito nel 1969-1976.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità