Tel'aran'rhiod

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella serie di quattordici romanzi fantasy La Ruota del Tempo dello scrittore statunitense Robert Jordan, il termine Tel'aran'rhiod, che nella lingua antica significa Mondo dei Sogni, indica una dimensione parallela, che è un riflesso del mondo reale. A questa dimensione possono accedere saltuariamente e per brevissimi istanti tutte le persone e gli animali selvaggi, mentre stanno sognando; ma soprattutto vi accedono e vi possono permanere per periodi molto più lunghi alcune persone dotate della capacità di “Camminare nei Sogni”.

Il mondo dei sogni si presenta come una dimensione parallela che riflette del tutto od in buona parte il mondo reale, pur essendo sottoposto ad una continua mutazione: in questo mondo, dentro una atmosfera di permanente ed innaturale luminosità, anche durante la notte, le cose immobili o che si muovono di rado (edifici, mobilia, montagne, foreste) si presentano esattamente come nella realtà, mentre le cose instabili, che si spostano o vengono spostate di frequente (ad esempio porte, finestre, sedie, utensili, foglie sugli alberi, ecc...) continuano a cambiare posizione o ad apparire ed a sparire a seconda di come vengano mosse nel mondo reale, durante la giornata.

Contrariamente alle persone normali, che possono capitare in questa dimensione solo per caso e brevemente, mentre stanno dormendo, quelle dotate del talento rarissimo di “Camminare nei sogni” possono accedervi facilmente di propria volontà. Inoltre essi hanno la capacità di plasmare questa dimensione con la forza della propria volontà. Le persone che hanno questo talento e che si concentrano con la dovuta forza di pensiero, possono infatti viaggiare da un luogo ad un altro in pochi istanti, visitando perciò paesi lontani o potendo spiare un luogo; inoltre possono trasformare completamente la propria e l’altrui apparenza, così da travestirsi o nascondersi, persino rendersi trasparenti per non farsi vedere da qualcun altro; inoltre possono ricreare scenari a proprio completo piacimento; infine permette loro di influenzare le condizioni di vita di una persona che è presente in quel momento, ad esempio proiettando nella sua mente delle impressioni; addirittura si può colpire un avversario che risulta presente in questa dimensione o vi viene attirato, e poiché le ferite inferte in questo mondo, si ripercuotono su quello reale, chi resta ferito o muore in Tel’aran’rhiod, resta ferito o muore anche nella realtà.

L'ultima notevole e conosciuta “Camminatrice nei sogni” tra le Aes Sedai fu Corianin Nedeal, che visse circa 500 anni prima dei fatti narrati nella saga. All’insaputa della Torre Bianca però le Sapienti Aiel per secoli hanno coltivato questa capacità ed hanno sviluppato le tecniche necessarie a padroneggiarla, per questa ragione Egwene al'Vere, che ha scoperto di essere una Camminatrice, si è recata presso di loro nella Desolazione Aiel, così da poterla studiare adeguatamente. Conosciute Camminatrici dei sogni tra le Aiel sono Bair, Amys e Melaine (queste ultime due sono anche notevoli incanalatrici dell’Unico Potere). Tra i Reietti un abile manipolatore dei sogni è Ishamael/Moridin, che durante la saga viene mostrato diverse volte mentre attira o intrappola le persone nei suoi Frammenti di Sogno (dreamshard in lingua originale). Anche le due Reiette Moghedien e Lanfear hanno mostrato di essere delle notevoli manipolatrici del Mondo dei Sogni. La Reietta Mesaana nel Libro XIII cerca di assoggettare la mente di Egwene mentre si trovano nel Mondo dei Sogni, ma è la sua mente a rimanere distrutta. Infine anche chi ha il talento di essere “Fratello dei lupi” come Perrin Aybara risulta avere la capacità di "Camminatore nei sogni".

Oltre che sfruttando il raro talento di "Camminare nei sogni", per entrare in Tel'aran'rhiod, vi sono altre due maniere: con la prima gli incanalatori abbastanza forti nell'Unico Potere, possono aprire dei portali di viaggio, per entrare direttamente in questa dimensione, nella carne, quindi vi entrano non solo in spirito, ma portando con sé l'intero corpo; la seconda maniera per accedervi è attraverso l'uso di appositi ter'angreal, detti intessisogni, però la maggior parte di questi richiede che si incanali Spirito dentro di essi e fanno accedere al Mondo nei Sogni solo in una forma debole, molto evanescente, che non permette di incanalare al massimo della propria potenza. Entrare nel Mondo dei Sogni con il proprio corpo fisico permette di manipolarlo con molta più forza, però questa è una condizione ritenuta molto pericolosa dalle Sapienti Aiel, perché fa perdere la propria umanità. Egwene, studiando come entrare con il proprio corpo in Tel'aran'rhiod così da raggiungere velocemente Salidar, scopre anche le Tessiture per Viaggiare usando saidar.

Nel Libro XIV Perrin Aybara, dopo aver rischiato di morire, impara molto efficacemente la tecnica per riuscire ad entrare od uscire molto velocemente con il corpo fisico, così da affrontare l'Assassino, che ha già questa stessa abilità; essa consiste nel porsi in uno stato intermedio tra il sonno e la veglia, attirando il proprio corpo nel Mondo dei Sogni.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Jordan, R. L'occhio del mondo. ISBN 0-312-85009-3
Jordan, R. La grande caccia. ISBN 0-312-85140-5
Jordan, R. Il Drago Rinato. ISBN 0-312-85248-7
Jordan, R. L'ascesa dell'Ombra. ISBN 0-312-85431-5
Jordan, R. I fuochi del cielo. ISBN 0-312-85427-7
Jordan, R. Il signore del caos. ISBN 0-312-85428-5
Jordan, R. La corona di spade. ISBN 0-312-85767-5
Jordan, R. Il sentiero dei pugnali. ISBN 0-312-85769-1
Jordan, R. Il cuore dell'inverno. ISBN 0-312-86425-6
Jordan, R. Crocevia del crepuscolo. ISBN 0-312-86459-0
Jordan, R. Nuova Primavera. ISBN 0-7653-0629-8
Jordan, R. La lama dei sogni. ISBN 0-312-87307-7
Jordan, R. Sanderson, B. Presagi di tempesta. ISBN 978-1-84149-165-3
Jordan, R. Sanderson, B. Le Torri di Mezzanotte. ISBN 978-88-347-1834-6