Tehching Hsieh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Tehching Hsieh exhibition at MoMA, 2009

Tehching (Sam) Hsieh (謝德慶; Nanjhou , Pingtung County, Taiwan, 1950) è un artista performativo statunitense.

Vita e opere[modifica | modifica sorgente]

Emigrato negli Stati Uniti, visse a New York come immigrato irregolare per 14 anni (venne regolarizzato nel 1988). A partire dal 1978 iniziò a sperimentare una pratica performativa caratterizzata dalla drastica modificazione di importanti aspetti della sua propria vita quotidiana in base a dei restringimenti o limitazioni autoimposte. Questa serie di sperimentazioni venne organizzata in una serie di cinque cicli di un anno, one-year-performance (tra il 1978 e il 1986). Prima di iniziare a realizzare qualsiasi lavoro faceva firmare ad un avvocato un documento (uno statement).

Nel 1978 si costruì una cella nel suo studio e si rinchiuse all’interno per un anno, senza leggere, guardare la tv, ecc. Un anno passato a far niente, un anno buttato.

Due anni dopo eseguì una nuova performance per la quale si procurò una macchina i ticket (come quelle degli uffici) e ogni ora, per un anno, dovette timbrare il cartellino, e subito dopo averlo timbrato se ne doveva andare dallo studio.

Nel 1981 decise di stare per un anno all’esterno, cioè senza mai entrare da qualche parte. In realtà fece una piccola eccezione di una notte poiché finì in questura per aver picchiato dei teppisti che lo avevano minacciato.

Nel 1983 coinvolge un'altra artista, Linda Montano, e decisero di legarsi con una corda più o meno di 2,5m intorno alla vita. La particolarità di questo esperimento fu che non poterono toccarsi per tutta la durata, ovvero un anno.

Con queste opere vuole amplificare il senso di costrizione che circonda noi tutti, ce lo fa capire utilizzando magari dei gesti quotidiani, gesti banali ma attorno ai quali ruota la nostra vita. Esprime l’impossibilità di vivere al di fuori di questa banalità.

Hsieh nel 1985 realizza un'altra sua performance dove per un anno si astiene dall’arte, cioè non facendone più, non pensandone, non entrando in musei… Concluse così il suo operato.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 96342753