Tefilat HaDerech

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Soldato IDF in preghiera prima di partire

Tefilat HaDerech, la Preghiera del Viaggiatore o Preghiera del Viandante in italiano, è una preghiera che si recita prima di viaggiare, per un tragitto buono e sicuro, recitata dagli ebrei quando viaggiano per via aerea, marittima e anche durante i viaggi lunghi in automobile o treno.[1] È recitata al momento della partenza e detta preferibilmente stando in piedi ma non obbligatoriamente.[2] Spesso la preghiera viene incisa su una hamsa che può anche contenere la Shema o Birkat HaBayit in sua vece.

Ne esistono differenti versioni.

Testo ebraico[modifica | modifica wikitesto]

« יְהִי רָצוֹן מִלְפָנֶיךָ ה' אֱ-לֹהֵינוּ וֵא-לֹהֵי אֲבוֹתֵינוּ, שֶתּוֹלִיכֵנוּ לְשָלוֹם וְתַצְעִידֵנוּ לְשָלוֹם. וְתִסְמְכֵנוּ לְשָלוֹם. וְתַדְרִיכֵנוּ לְשָלוֹם. וְתַגִיעֵנוּ לִמְחוֹז חֶפְצֵנוּ לְחַיִּים וּלְשִֹמְחָה וּלְשָלוֹם וְתַצִּילֵנוּ מִכַּף כָּל אוֹיֵב וְאוֹרֵב וְלִסְטִים וְחַיּוֹת רָעוֹת בַדֶּרֶךְ וּמִכָּל מִינֵי פּוּרְעָנִיּוֹת הַמִתְרַגְּשוֹת לָבוֹא לָעוֹלָם וְתִשְלַח בְּרָכָה בְּכָל מַעֲשֵֹה יָדֵינוּ, וְתִתְּנֵנוּ לְחֵן וּלְחֶסֶד וּלְרַחֲמִים בְעֵינֶיךָ וּבְעֵינֵי כָל רוֹאֵינוּ וְתִשְמַע קוֹל תַּחֲנוּנֵינוּ. כִּי אֵ-ל שוֹמֵעַ תְּפִלָּה וְתַחֲנוּן אָתָּה: בָּרוּךְ אַתָּה ה', שוֹמֵעַ תְּפִלָּה. »

Traslitterazione[modifica | modifica wikitesto]

Y'hi ratzon milfanekha A-donai E-loheinu ve-lohei avoteinu she-tolikhenu l'shalom v'tatz'idenu l'shalom v'tadrikhenu l'shalom, v'tagi'enu limhoz heftzenu l'hayim ul-simha ul-shalom. V'tatzilenu mi-kaf kol oyev v'orev v'listim v'hayot ra'ot ba-derekh, u-mi-kol minei pur'aniyot ha-mitrag'shot la-vo la-olam. V'tishlah b'rakha b'khol ma'a'se yadeinu v'tit'nenu l'hen ul-hesed ul-rahamim b'einekha uv-einei khol ro'einu. V'tishma kol tahanuneinu ki E-l sho'me'a t'fila v'tahanun ata. Barukh ata A-donai sho'me'a t'fila.

Traduzione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Sia la Tua volontà, SIGNORE, nostro Dio e Dio dei nostri avi, di guidarci alla pace, di guidare i nostri passi verso la pace, e farci raggiungere la nostra desiderata destinazione per la vita, la felicità e la pace. Salvaci dalle mani del nemico, dagli agguati lungo la via e da tutte le punizioni della terra. Benedici il nostro lavoro e concedici grazia, bontà e misericordia ai Tuoi occhi e agli occhi di tutti coloro che ci incontrano. Ascolta la nostra umile supplica perché Tu sei Dio e ascolti le nostre richieste in preghiera. Sii benedetto Tu, o SIGNORE, che ascolti le preghiere.

Legge ebraica[modifica | modifica wikitesto]

Dal Kitzur Shulchan Aruch:

Kitzur Shulchan Aruch 68:1[3]

Tefilat HaDerech - la preghiera del viaggiatore - non può essere recitata prima di lasciare i confini della città, definiti come 70 e ⅔ Amot (~350 metri / ~0.2 miglia) dopo l'ultima abitazione ma secondo un'altra opinione deve essere recitata preferibilmente sull'uscio di casa.

Preferibilmente dovrebbe essere recitata un "Miel" (~1 km / ~0.6 miglia) dopo i confini della città.

Quando il viaggiatore pernotta durante un viaggio di diversi giorni la Tefilat HaDerech viene detta ogni volta prima di partire il giorno dopo.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo