Tecnica di Six

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lekythos con la tecnica di Six, Cabinet des médailles, Parigi, (De Ridder 493)

La tecnica di Six era una tecnica usata dai primi pittori di vasi attici a figure nere descritti dallo studioso danese Jan Six nel 1888. Essa implica stendere le figure in bianco o rosso su una superficie nera, incidendo poi i dettagli in modo che il nero traspaia attraverso l'incisione. Veniva usata in modo regolare per la decorazione dell'intero vaso, piuttosto che per i dettagli come succedeva per la precedente pratica, circa 530 a.C. L'effetto è simile alla figure rosse. Nicostene, Psiax e il pittore Diosphos furono tra i primi ad usare la tecnica che restò in auge fino alla metà del V sec. quando essa può essere osservata soltanto su un piccolo numero di oinochoe nell'officina del pittore Haimon.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Jan Six. Una rara tecnica del vaso, Rivista per gli studi ellenici 30, pp 323-326

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]