Odeo di Erode Attico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Teatro di Erode Attico)

Coordinate: 37°58′15″N 23°43′28″E / 37.970833°N 23.724444°E37.970833; 23.724444

Odeo di Erode Attico
Ωδείο Ηρώδου του Αττικού
Odeo di Erode Attico
Odeo di Erode Attico
Civiltà Antica Grecia
Utilizzo teatro coperto
Epoca II secolo (161 - prima del 174)
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Atene
Amministrazione
Patrimonio Acropoli di Atene
sito web
Particolare dell'Odeo
Herbert von Karajan e l'Orchestra filarmonica di Vienna al teatro di Erode Attico (1939)

L'odeo di Erode Attico (in greco Ωδείο Ηρώδου του Αττικού) è un piccolo teatro in pietra situato sul pendio meridionale dell'Acropoli di Atene, originariamente coperto e pensato per esecuzioni musicali. Costruito a partire dal 161 e completato prima del 174, fu fatto erigere dal ricchissimo politico e sofista greco Erode Attico in memoria della moglie Appia Annia Regilla.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Originariamente si trattava di un anfiteatro in pendenza, la cui scena misurava 35 m di larghezza, con un muro frontale in pietra e il pavimento in legno. Era protetto da una copertura in legno. Veniva utilizzato come luogo di ritrovo per concerti musicali. I gradini, disposti su 32 file, potevano contenere 5000 persone.

Storia[modifica | modifica sorgente]

È una delle varie opere commemorative che Erode Attico fece costruire per ricordare la moglie Regilla, uccisa da un liberto forse per suo stesso ordine. Si trattava di un teatro coperto per ospitare esecuzioni musicali. I lavori durarono una decina di anni, perché questo odéon era già terminato nel 174, quando Pausania lo vide e lo descrisse nella sua Guida.[1] In molti mattoni dell'imponente costruzione si trovano incise le lettere ΘHΡ, a significare forse «Teatro di Erode e Regilla»,[2] ma potrebbero essere semplicemente i marchi di fabbrica degli artigiani.[3]

Il teatro fu distrutto nel 267, in seguito all'invasione degli Eruli.

Negli anni cinquanta vennero restaurati l'uditorio e l'"orchestra" (l'attuale palcoscenico), utilizzando marmo bianco e cipollino. Da allora il teatro è sempre stato uno dei maggiori auditorium del Festival Ateniese, che si svolge ogni anno da giugno a settembre. L'Odéon ha ospitato Maria Callas, Maurice Bejart, Mikis Theodorakis, Dionysis Savvopoulos e molti altri importanti artisti. Nel settembre 1993, il teatro è stato scena del concerto Yanni Live at the Acropolis, ad opera del pianista e compositore greco Yannis Hrysomallis. Altra memorabile performance fu data, nel 1984, dalla cantante Greca Nana Mouskouri, di ritorno sulle scene del proprio Paese dopo vent'anni di assenza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pausania, Guida della Grecia, 7, 20, 6.
  2. ^ K. Pittakis, Peri theatrou Hrodou tou Attikou, 1858, pp. 1707-1714.
  3. ^ S. B. Pomeroy, cit., p. 144.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]