Teatro Nazionale della Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teatro Nazionale della Grecia
Athens National Theatre front.jpg
La facciata del teatro in Agiou Konstantinou Street
Ubicazione
Stato Grecia Grecia
Località Atene
Realizzazione
Costruzione 1880
Architetto Ernst Ziller
Sito ufficiale

Il Teatro Nazionale della Grecia è situato ad Atene.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il teatro venne fondato nel 1880 con un fondo istituito da re Giorgio I ed Efstratios Rallis, per realizzare una sede permanente per un teatro nazionale nella capitale. Le fondamenta per questo nuovo progetto sono state gettate sulla strada dedicata ad Agiou Konstantinou e l'edificio è stato progettato dal famoso architetto sassone noto per molti altri edifici pubblici di Atene, Ernst Ziller. Nonostante i problemi, l'edificio venne finito in tempo, completato nel 1890 e nel 1900 Vlachos Angelos è stato nominato direttore. È stato costruito tra il 1895 e il 1901. Il Teatro Nazionale ha cominciato ad espandere la propria attività e nel 1901 venne aperta una scuola di teatro. Lo stesso anno, il Teatro Reale ha aperto le sue porte al pubblico con un monologo tratto da Dimitris Verardakis e due commedie greche, tra le quali la La morte di Pericle. Dopo la prima rappresentazione il teatro cominciò ad espandersi crescendo in popolarità tra le classi medio-alte della Grecia e vennero messe in scena più produzioni. Uno dei più famosi del periodo è stata Orestea di Eschilo, messo in scena in prosa da Yorgos Sotiriadis. Questa produzione ha suscitato un lungo conflitto sulla linguistica, fino ad arrivare a quando un professore classicista, Yorgos Mistrioti, ha convinto i suoi studenti, del corso di filosofia dell'Università di Atene, a marciare verso il teatro nel tentativo di fermarne l'esecuzione. Gli eventi che seguirono provocarono un morto e dieci feriti l'8 novembre 1903. La "Royal Theatre" occupò lo storico edificio neoclassico in via Agiou Konstantinou dal 1901 al 1908, ma fallì e fu costretto a chiudere. Nel 1913, dopo l'assassinio di Re Giorgio I di Grecia, il Teatro Reale venne lasciato in eredità al figlio, il principe Nicola di Grecia e Danimarca, che era un pittore e drammaturgo. Il teatro entra in un periodo di declino, tanto che ha ospitato compagnie teatrali straniere, fino al 1932. È rimasto chiuso finché non se ne decise la riapertura tramite ad una legge del Parlamento firmata dal ministro dell'istruzione, Giorgos Papandreou, il 30 maggio 1932. Dal 1932 l'edificio è stato sede del Teatro Centrale della Nazionale. Nel 2009 venne terminata la completa ristrutturazione dell'edificio.

Il Teatro dei bambini[modifica | modifica sorgente]

Il teatro è situato nel seminterrato del Palazzo Sikiarideio. Venne progettato come una music hall, ma venne presto trasformato in un cinema. Venne rilevato dal Ministero della Cultura nel 1987. Dal 1993 il Teatro Nazionale si è occupato di mettere in scena delle produzioni per bambini in questa sede.

Scuola di recitazione[modifica | modifica sorgente]

La scuola di recitazione o Drama school venne fondata nel 1930, da quando iniziò ad operare in tandem con il Teatro Nazionale della Grecia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Coordinate: 37°59′05″N 23°43′31″E / 37.984722°N 23.725278°E37.984722; 23.725278