Teatro Bol'šoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il teatro scomparso a San Pietroburgo, vedi Teatro Bol'šoj Kamennyj.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Teatro Bol'šoj
Большой театр
Moscow Bolshoi Theatre 2011.JPG
Facciata
Ubicazione
Stato Russia Russia
Località Mosca
Indirizzo Mosca
Realizzazione
Architetto Andrej Michajlov, Giuseppe Bove
www.bolshoi.ru

Coordinate: 55°45′37″N 37°37′07″E / 55.760278°N 37.618611°E55.760278; 37.618611

Il Teatro Bol'šoj (traslitterato anche Bolshoi, in russo: Большой театр?, Bol'šoj Teatr, IPA: [bʌlʲ'ʃɔj tʲɪ'atr], ovvero Il Grande Teatro, nome ufficiale Госуда́рственный академи́ческий Большой театр России, Gosudarstvennyj akademičeskij Bol'šoj teatr Rossii, ovvero "Gran Teatro nazionale accademico di Russia") è uno storico centro teatrale di Mosca, in cui vengono allestiti balletti, opere e spettacoli teatrali: il teatro è associato ad una compagnia di danza, il Bol'šoj Ballet.

Il Teatro Bol'šoj è uno dei più celebri e blasonati templi del balletto classico mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Veduta del teatro nei primi dell'Ottocento

Il teatro sorge nello stesso luogo dove sorgeva il teatro Petrovsky che era stato inaugurato nel 1780 e che fu incendiato nel 1805. Nel 1819 fu bandito un concorso per il progetto del nuovo teatro; la competizione fu vinta da Andrei Mikhailov. Tuttavia il suo progetto fu ritenuto essere troppo costoso, di conseguenza il governatore di Mosca Dmitrij Vladimirovič Golicyn incaricò l'architetto Giuseppe Bove di modificarlo. I lavori del nuovo progetto cominciarono nel 1820 ed il nuovo Gran (Bol'šoj) Teatro Petrovsky fu inaugurato il 18 gennaio 1825 con il balletto Cendrillon di Fernando Sor.

Fino a circa il 1840 il teatro presentava unicamente opere russe. Nel 1853 un incendio causò gravi danni alla struttura, che fu riaperta nel 1856. L'interno fu realizzato su disegno dell'architetto italo-russo Alberto Cavos (1853-1856).

L'edificio storico del teatro è stato chiuso per restauri dal 2005 con l'obiettivo di riportare la struttura agli antichi splendori precomunisti. Durante l'epoca di Stalin infatti erano stati eliminati i lampadari, gli stucchi e tutto quanto potesse evocare il lusso del periodo zarista. Inoltre il teatro fu trasformato anche in sede di riunioni e congressi di partito con strutture che ne avevano compromesso l'acustica. La cerimonia di inaugurazione è fissata per il 28 ottobre 2011.[1]

Il teatro è raffigurato sulla banconota da 100 rubli.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Architettura[modifica | modifica sorgente]

L'interno del teatro

Il Teatro Bol'šoj è situato nel centro di Mosca, non lontano dal Cremlino.

L'edificio, in un severo stile neoclassico, è preceduto da un'arioso pronao sorretto da un'unica fila di colonne con capitelli compositi. Sulla copertura a spioventi del pronao, si trova una scultura bronzea raffigurante una quadriga, opera dello scultore Peter Clodt von Jürgensburg.

All'interno, si trova la grande sala, con cinque ordini di palchetti. Sopra l'ingresso, vi è il palco reale, con elaborata struttura lignea scolpita e dorata.

Organo a canne[modifica | modifica sorgente]

L'organo a canne del teatro è stato costruito nel 2012 dalla ditta organaria tedesca Glatter-Götz Orgelbau.

Lo strumento, a trasmissione integralmente elettrica, ha due tastiere di 58 note ciascuna ed una pedaliera di 30. La sua disposizione fonica è la seguente:

Prima tastiera - Hauptwerk
Gedackt 16'
Principal 8'
Flûte harmonique 8'
Salicional 8'
Gedackt 8'
Oktave 4'
Spitzflöte 4'
Mixtur IV-V
Kornet V
Trompete 8'
Seconda tastiera - Schwellwerk
Geigenprinzipal 8'
Rohrflöte 8'
Gambe 8'
Voix coelestis 8'
Prinzipal 4'
Traversflöte 4'
Nasat 2.2/3'
Oktave 2'
Terz 1.3/5'
Mixture III
Englisch Horn 8'
Oboe 8'
Pedal
Subbass 32'
Prinzipalbass 16'
Subbass 16'
Oktavbass 8'
Gedacktbass 8'
Prinzipal 4'
Posaune 16'
Trompete 8'

Direttori d'orchestra[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dal sito ufficiale del teatro.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]