Team Hoyt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Team Hoyt alla maratona di Boston nel 2008

Il Team Hoyt è un team di Holland (nel Massachusetts) ed è composto da Dick Hoyt (1 giugno 1940[1]) e suo figlio Rick Hoyt (10 gennaio 1962). Insieme gareggiano in varie discipline sportive quali il triathlon e la maratona. Rick soffre di paralisi cerebrale infantile e per questo, durante le competizioni, Dick lo trascina adagiato in un canotto nelle gare di nuoto, lo trasporta su una bicicletta con una apposita seduta anteriore nelle sessioni di ciclismo e lo spinge su una sedia a rotelle sportiva nelle gare di corsa. Il Team Hoyt è stato inserito nella Hall of Fame dell'Ironman nel 2008.[2] Nel 2013 alla cerimonia degli ESPYS sono stati premiati da ESPN, dopo un tributo in standing ovation da parte di tutta la sala, con il premio Jim Valvano Award for Perseverance.[3]

La nascita di Rick e la sua infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Team Hoyt a Wellesley, il 16 aprile 2012

Rick, al momento della nascita, è rimasto colpito da paralisi cerebrale infantile dopo che il suo cordone ombelicale gli si è avvolto al collo procurandogli un'asfissia cerebrale con conseguenti danni cerebrali.[4][5] I medici comunicarono ai genitori che probabilmente il figlio avrebbe condotto una vita in stato vegetativo.[5] Essi però, notando che Rick li seguiva con gli occhi per tutta la stanza, non persero la speranza e accompagnarono Rick ogni settimana al Children's Hospital di Boston dove incontrarono un medico che li incoraggiò a trattare Rick come un qualsiasi altro bambino.[5] La madre di Rick, Judy, trascorse diverse ore al giorno per insegnare l'alfabeto al figlio attraverso un particolare metodo. In un breve lasso di tempo Rick imparò l'alfabeto.[4]

Nel 1972, all'età di 11 anni, Rick venne dotato di un computer interattivo sviluppato dagli ingegneri della Tufts University e costato 5 000 dollari.[6] Questo dispositivo permise di comunicare impartendo le istruzioni con i movimenti della testa. La prima frase che disse con questo dispositivo fu Go Bruins! (Forza Bruins!) riferita alla squadra di hockey su ghiaccio NHL di Boston. Questo espediente fece notare alla famiglia la sua forte passione sportiva ma, soprattutto, divenne palese che Rick era intelligente.[7] Con questo dispositivo di comunicazione Rick è stato in grado di frequentare la scuola pubblica per la prima volta e, continuando gli studi, si laureò presso la Boston University nel 1993 con una laurea in special education. In seguito ha lavorato al Boston College in un laboratorio di ricerca dove si sviluppano sistemi per aiutare le persone disabili nella comunicazione e in altri compiti.[8][9]

La prima corsa e la nascita del team[modifica | modifica wikitesto]

A quel tempo Dick era ufficiale della Guardia Nazionale degli Stati Uniti d'America. Un giorno padre e figlio parteciparono ad una corsa di beneficenza di 5 miglia per un compagno di classe di Rick che si era paralizzato giocando a lacrosse. Dopo la gara Rick disse al padre "Papà quando corriamo insieme non mi sento più un disabile". Nel 1977 Dick, che non ha mai corso in vita sua, inizia ad allenarsi con sacchi di pietre sulle spalle e poco dopo si forma il Team Hoyt che ancora oggi gareggia in tutto il mondo.[10] Insieme hanno completato più di 1000 competizioni sportive tra cui maratone, triathlon (6 dei quali sono competizioni Ironman) e duathlon.[11] Inoltre, nel 1992, attraversarono gli Stati Uniti d'America in 45 giorni, completando un totale 3735 miglia tra bicicletta e corsa.[11][12]

La maratona di Boston[modifica | modifica wikitesto]

La maratona di Boston ha da sempre rappresentato per Dick la migliore competizione e la più simbolica, tant'è che nel 2009 è stata proprio quest'ultima a segnare la millesima corsa del Team Hoyt. Il sogno Dick Hoyt era spingere Rick nella maratona di Boston all'età di 70 anni, coronato nel 2011.[13][5][14][7]

L'8 aprile 2013 gli è stata dedicata una statua di bronzo posta nei pressi della partenza della maratona di Boston, a Hopkinton.[15]

Il team Hoyts non ha finito la maratona di Boston nel 2013 a causa dell'attentato. La coppia aveva ancora da percorrere circa un miglio quando due bombe sono esplose nei pressi del traguardo; tutti i corridori sono stati quindi fermati. Un passante con un SUV ha dato loro un passaggio per l'hotel Sheraton dove la coppia si è temporaneamente separata.[16]

Il 21 aprile 2014, il team Hoyt ha completato l'edizione del 2014 della maratona di Boston, nonostante avessero già annunciato che sarebbe stata l'ultima.[17]

Lista delle competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Distanza Quantità
Triathlon 240
Ironman 7
Half Ironman 7
Duathlon 22
Maratona (Maratona di Boston) 68 (27)
20 miglia 8
18,6 miglia 8
Mezza maratona 92
20 km 1
10 miglia 37
15 km 8
Falmouth 7.1 miglia 32
11 km 2
10 km 214
5 miglia 154
8 km 4
7 km 1
4 miglia 18
5 km 133

Totale eventi (al 23 aprile 2014): 1108[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kathy Boyer e Todd Civin, Team Hoyt Dusts Off An Old Friend As They Prepare For Boston su sportsthenandnow.com, 3 aprile 2010. URL consultato il 18 marzo 2015.
  2. ^ (EN) Charlie Breitrose, Triathlon duo visits Camp Arrowhead in Natick in The MetroWest Daily News, 17 luglio 2010. URL consultato il 18 marzo 2015.
  3. ^ (EN) ESPYS to honor the Hoyts, ESPN Boston, 6 giugno 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  4. ^ a b (EN) Sam Nall, It's Only a Mountain: Dick and Rick Hoyt, Men of Iron, Southern Heritage Press, gennaio 2002, ISBN 0-941072-51-7.
  5. ^ a b c d (EN) Liz Hayes, Team Hoyt in Sixty Minutes Australia, Nine MSN. URL consultato il 18 marzo 2015.
  6. ^ (EN) Rick Reilly, Strongest Dad in the World, Sports Illustrated. (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2009).
  7. ^ a b (EN) Joe Henderson, Odds Overcome in Tampa Tribune (Tampa), 10 febbraio 2008. (archiviato dall'url originale il 23 novembre 2010).
  8. ^ Stefano Olivari, Team Hoyt, la squadra dei sogni su blog.guerinsportivo.it, 24 marzo 2011. URL consultato il 18 marzo 2015.
  9. ^ (EN) Tristan Loo, The Power of a Father's Unconditional Love: Rick and Dick Hoyt in Self Improvement Association, 8 novembre 2009. (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2009).
  10. ^ (EN) John Brant, Inspiration in Boston: Team Hoyt Starts Again in Runner's World, 9 aprile 2007. URL consultato il 18 marzo 2015.
  11. ^ a b c (EN) Racing History su TeamHoyt.com. (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  12. ^ (EN) Hoyts Forced to Miss Marathon in Boston Globe, 29 marzo 2007. URL consultato il 18 marzo 2015.
  13. ^ Dario Nardone, Team Hoyt ancora una volta al traguardo della Boston Marathon su fcz.it, 21 aprile 2011. URL consultato il 18 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Gary Smith, The Wheels of Life in Sports Illustrated, 18 aprile 2011, pp. 56-68.
  15. ^ (EN) Associated Press, Dad, son honored with statue at Marathon start in Boston Herald, 9 aprile 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  16. ^ (EN) Team Hoyt – Rick and Dick Hoyt – stopped 1 mile short of Boston Marathon finish line; inundated with support from public su MassLive.com, 9 aprile 2013. URL consultato il 18 marzo 2015.
  17. ^ (EN) Team Hoyt -- father and son Dick and Rick Hoyt -- finish final Boston Marathon in Associated Press (Boston), 21 aprile 2014. URL consultato il 18 marzo 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]