Team Canada (TNA)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scott D'Amore (ritratto di spalle)
Tyson Dux

Nel mondo del wrestling, la definizione Team Canada si riferisce al nome di una stable tag team formata da Scott D'Amore (già fondatore e proprietario della Border City Wrestling) e composta da vari atleti canadesi che, dal 2004 al 2006, ha combattuto presso la Total Nonstop Action Wrestling (TNA).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 e con lo scopo di partecipare al torneo America's X-Cup il promoter Scott D'Amore fonda il Team Canada, una stable heel che, oltre ad ispirarsi al nazionalismo delle nazionali sportive, aveva la gimmick di proporre la propria nazione di appartenenza (il Canada) come se fosse superiore a tutti gli altri paesi del mondo e specialmente degli Stati Uniti. Spesso, prima di salire sul ring tutti i suoi membri portavano la bandiera canadese attaccata ad un Bastone da hockey su ghiaccio e sempre venivano introdotti con la stessa musica d'ingresso (una versione acustica dell'inno canadese che nelle prima note veniva introdotta da una chitarra elettrica).

Partecipazione ai tornei America's X-Cup e World X-Cup 2004[modifica | modifica wikitesto]

La prima formazione del team prevedeva la presenza di Teddy Hart (capitano), Jack Evans, Johnny Devine e Petey Williams ma, e con lo scopo di aumentarne le possibilità di vittoria, il Team Canada, si presentò alla competizione successiva con delle modifiche e due nuovi membri (Bobby Roode ed Eric Young) vennero aggregati al gruppo. Petey Williams ne diventò il capitano ed ai due nuovi arrivati furono dati i posti di Jack Evans e di Teddy Hart (il vecchio capitano). La nuova formazione raggiunse la finale ma perse il titolo contro i membri del Team USA (Jerry Lynn, Chris Sabin, Christopher Daniels ed Elix Skipper).

Competizioni e tornei in TNA-NWA (2004-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Al termine dell'America's X-Cup, il Team Canada non solo fu l'unico a sopravvivere agli eventi ma ebbe ben tre componenti tra i vincitori dei titoli della federazione: Petey Williams, il primo Agosto 2004, vinse il TNA X Division Championship ed il 12 ottobre Bobby Roode ed Erick Young conquistarono l'NWA World Tag Team Championship. Nel Maggio 2005 l'inforunato Johnny Devine lasciò temporaneamente il posto ad A-1 (Alastair Ralphs) che, a causa del suo ampio torace fu soprannominato "The Muscle Man".

Gli America's Most Wanted, alleanza con Planet Jarrett ed i fued con il Team 3D e 3Live Kru[modifica | modifica wikitesto]

A-1 (Alastair Ralph), in compagnia della sua valletta

Tra la fine del 2004 e buona parte del 2005, due membri del Team Canada (Bobby Roode ed Eric Young) affrontano diverse volte (e spesso senza successo) gli America's Most Wanted (Chris Harris e James Storm) ed anche nel corso del NWA World Tag Team Championship disputatosi nell'Aprile del 2005, perdono la possibilità di riconquistare quel titolo che avevano già vinto nel corso dell'America's X-Cup.

In seguito all'aiuto fornito da Scott D'Amore a Jeff Jarrett, al quale permise la disputa di un match presso la BCW (la sua federazione di wrestling) per aiutarlo a riconquistare l'NWA World Heavyweight Championship, nel Settembre 2005 il Team Canada si allea con Planet Jarrett, una stable heel formata dallo stesso Jarrett ed opposta al Team 3D. L'allineamento si consolida nella puntata di iMPACT! del 15 ottobre dove, vestiti di nero e con le mazze da hockey dello stesso colore, partecipano al funerale della carriera del Team 3D.

Nel Genesis del 13 novembre, quando il wrestler canadese Christian Cage fa il suo debutto in TNA, Scott D'Amore (porgendogli una maglietta del Team) gli offre la possibilità di aggregarsi al suo gruppo ed in seguito Cage, che lascia intravedere di aver indossato quella maglietta sotto la giacca, dapprima abbraccia D'Amore ma poi lo colpisce tradendolo ed infine aiuta il Team 3D nell'intento di stendere Jarrett su un tavolo.

In numerose occasioni il Team Canada aiuterà invece gli America's Most Wanted, un incrocio ironico quest'ultimo visti i numerosi incontri disputati in precedenza tra (Chris Harris e James Storm) ed i due membri del Team (Bobby Roode ed Eric Young).

Nel corso dello stesso anno il Team Canada ebbe un feud con il team 3Live Kru che, dopo l'intorduzione di Kip James, sconfissero nel corso del Turning Point svoltosi l'11 dicembre. Per il Team Canada i lottatori vincenti furono Petey Williams, Eric Young, Bobby Roode ed A-1 mentre i perdenti del team rivale (nell'evento definitosi 4Live Kru), furono B.G. James, Konnan, Ron Killings e Kip James. La vittoria del team canadese sopraggiunse quando Konnan, in disaccordo con James, colpisce quest'ultimo con una sedia.

In seguito alla vittoria ed alla disfatta del team rivale il gruppo di D'Amore incomincia un lungo fued con il Team 3D e che vede i canadesi sconfiggerli in un Six-Sides of Steel per poi distendere le bandiere canadesi sulle loro facce ma, nel corso del Lockdown del 2006 saranno proprio i membri del Team 3D (Brother Ray e Brother Devon) a vincere il titolo in un "Anthem Cage Match".

Partecipazione al torneo World X-Cup 2006[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 il Team Canada partecipa al World X-Cup dove, Bobby Roode ed A-1, considerati come non appartenenti al gruppo degli atleti dell'X-Division, lasciano posto a Petey Williams ed Eric Young i quali s'accingono ad affrontare il torneo insieme al reduce dagli infortuni Johnny Devine ed al nuovo arrivato Tyson Dux. Ma i quattro, nonostante i primi successi favoriti anche dalle incomprensioni del primo team avversario (il Team USA), perdono comunque i due match successivi e vengono eliminati: nel primo round vengono sconfitti da Alex Shelley e Sonjay Dutt, mentre nel secondo Petey Williams viene sconfitto dal capitano del Team Japan (Jushin Liger).

La fortuna sembra però tornare durante il Sacrifice del 2006 dove, in "Global Turmoil" main event, Petey Williams vince contro Puma nella finale che vede il Team USA in cima alla classifica del World X-Cup e, in seguito a questo evento, lo stesso capitano affronta Chris Sabin nel corso di una puntata di iMPACT! ed il Team Usa, per la seconda volta nella storia, vince il titolo in palio.

Alla fine del torneo Jonny Devine lascia il Team Canada per riapparire, lo stesso giorno in cui avvenne lo scioglimento del gruppo, come membro del team "Paparazzi Productions" e del tutto interessato a favorire l'intervento di D'Amore in soccorso di Young e Williams; a loro volta impegnati in un combattimento.

Scioglimento[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 giugno 2006, durante un episodio di iMPACT!, il manager direttore Jim Cornette annuncia lo scioglimento del Team Canada ma gli accorda, in seguito, la possibilità di disputare un "all-or-nothing 8-man tag team match" contro Rhino, il Team 3D e Jay Lethal e la possibilità di non essere sciolti qualora avessero vinto il match.

Il Team Canada cessa di esistere il 13 luglio quando, nello svolgimento del match accordato, Jay Lethal schiema A-1.

Durante il Victory Road avvenuto il 19 luglio 2006 D'Amore da l'addio a quattro dei cinque membri saliti sul ring (A-1, Johnny Devine, il capitano del Team Petey Williams e Tyson Dux) ed incolpa David Young di essere stato la vera causa dello scioglimento.

Partecipazione al torneo World X-Cup 2008[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scioglimento del Team da parte di Cornette, al Team Canada non fu permesso di partecipare all'edizione del 2008 ma Tyson Dux, che fece parte del Team nell'edizione precedente, vi poté comunque partecipare come membro del Team International.

Reunion e disfatta 2009[modifica | modifica wikitesto]

Jack Evans

Nella puntata di iMPACT! trasmessa il 19 febbraio i telecronisti Mike Tenay e Don West commentano l'accadere di una reunion del Team Canada quando, accompagnati dalla stessa musica d'ingresso, vedono entrare in scena due atleti canadesi vestiti di una giacca rossa e bianca ed i due, Eric Young e Petey Williams, una volta saliti sul ring sfidano con una "Off the Wagon Challenge" Robert Roode e James Storm (i Beer Money, Inc.) al tempo detentori del titolo di coppia.

La stipulazione del match accordata (un tag team match Title vs Career), prevede che "qualora sia lo sfidante a perdere, quest'ultimo lascia la federazione" e, per ironia della sorte, fu proprio un ex membro del Team Canada (Robert Roode) a sconfiggere Petey Williams obbligandolo così a lasciare la TNA.

Membri della stable (2004, 2005, 2006)[modifica | modifica wikitesto]

Risultati e punteggi[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Note Classifica Punti Capitano
America's X Cup 2004 / / Teddy Hart
World X Cup 2004 secondi 4 Petey Williams
World X Cup 2006 secondi 5 Petey Williams

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Formazioni dei team partecipanti all'America X Cup Tournament 2004[modifica | modifica wikitesto]

  • Team Britain
    • Regno Unito James Mason (Capitano)
    • Regno Unito Robbie Dynamite
    • Regno Unito Xtreme Dean Allmark
    • Regno Unito Frankie Sloan

Il vincitore è il Team Mexico, il quale fu l'unico a sconfiggere tutti gli altri tre team. L'evento non prudusse nessuna classifica.

Formazioni dei team partecipanti al World X Cup Tournament 2004[modifica | modifica wikitesto]

  • Team Mexico
    • Messico Héctor Garza (Capitano)
    • Messico Abismo Negro
    • Messico Heavy Metal
    • Messico Mr. Águila
  • Team Japan
    • Giappone NOSAWA (Capitano)
    • Giappone Ryuji Hijikata
    • Giappone Mitsu Hirai Jr.
    • Giappone Taichi Ishikari

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Team Punti
Primi Stati Uniti Team TNA 7
Secondi Canada Team Canada 4
Terzi Messico Team Mexico 3
Quarti Giappone Team Japan 2

Formazioni dei team partecipanti al World X Cup Tournament 2006[modifica | modifica wikitesto]

  • Team Mexico

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Team Punti
Primi Stati Uniti Team TNA 6
Secondi Canada Team Canada 5
Terzi Messico Team Mexico 4
Quarti Giappone Team Japan 3

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling