Taybeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Taybeh
città
الطيبة
Taybeh – Veduta
Dati amministrativi
Stato Palestina Palestina
Governatorato Ramallah e al-Bireh
Sindaco Canaan Khoury
Territorio
Coordinate 31°57′16.9″N 35°18′00.84″E / 31.954694°N 35.300233°E31.954694; 35.300233 (Taybeh)Coordinate: 31°57′16.9″N 35°18′00.84″E / 31.954694°N 35.300233°E31.954694; 35.300233 (Taybeh)
Abitanti 1 452 (2007)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Palestina
Taybeh
Sito istituzionale

Taybeh ( in arabo: الطيبة‎), è una città della Cisgiordania che dista 30 km a Nord-Est di Gerusalemme. La città ha la peculiarità di essere l'unica città interamente cristiana della regione.[1] Sono presenti sia una comunità cattolica, che una comunità ortodossa.[2]

Storia[modifica | modifica sorgente]

È stato dimostrato come la città sia menzionata nella Bibbia con il nome di Ofrah. Il significato del nome non era di buon auspicio, visto la forte assonanza con il termine arabo afrit (demone). Sotto il regno di Saladino, il nome fu cambiato in Ephraim e successivamente in quello attuale (traducibile in buon nome).[2]

Avvenimenti biblici[modifica | modifica sorgente]

Nel vangelo di Giovanni viene narrato come Gesù avesse soggiornato in questa città per diversi mesi.[3][4]

Persone legate a Taybeh[modifica | modifica sorgente]

Il monaco francese Charles de Foucauld ha trascorso un periodo di preghiera in questa città.[3]

La tradizione birraia[modifica | modifica sorgente]

Nella città ha sede la Taybeh Brewery, l'unica birra prodotta in palestina.[5]

A seguito delle difficoltà riscontrate nel superare i controlli israeliani, per esportare tale prodotto, la società ha aperto uno stabilimento anche in Belgio.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.corrieredelsud.it
  2. ^ a b Sito ufficiale
  3. ^ a b www.taybehmunicipality.org
  4. ^ Il nome di Ephraim viene citato nel vangelo di Giovanni al capitolo 11, versetto 54 [1]
  5. ^ Sito ufficiale della Taybehbeer
  6. ^ www.corriere.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]