Tatanka (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tatanka
Tatanka film.jpg
Clemente Russo in una scena del film.
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Germania, Turchia
Anno 2011
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, sportivo
Regia Giuseppe Gagliardi
Soggetto Roberto Saviano
Sceneggiatura Maurizio Braucci
Produttore Galliano Juso, Gianluca Curti
Casa di produzione Margherita Film, Gruppo Minerva International in collaborazione con Rai Cinema
Distribuzione (Italia) Bolero Film
Fotografia Michele Paradisi
Montaggio Simone Manetti
Musiche Peppe Voltarelli
Scenografia Antonio Farina
Interpreti e personaggi

Tatanka è un film del 2011 diretto da Giuseppe Gagliardi, tratto dal racconto di Roberto Saviano Tatanka scatenato incluso ne La bellezza e l'inferno.

Il film ha per protagonista il pugile Clemente Russo, al suo esordio come attore cinematografico.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Michele e Rosario, amici d'infanzia, crescono a Marcianise, paese campano in cui le leggi della camorra prevalgono su quelle dello Stato. Ai due uomini sono riservati però destini diversi: Rosario diviene un boss mentre Michele, dopo essere stato arrestato per un'accusa di omicidio e scarcerato, scopre il mondo della boxe grazie all'allenatore Sabatino.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Prodotto con il contribuito del Ministero dei Beni Culturali, che ha stanziato 1.400.000 euro,[1] il film è stato girato tra Italia, Germania e Turchia. In Italia le riprese sono avvenute in Campania nelle città di Caserta, Bacoli, San Felice a Cancello, Castel Volturno, Maddaloni, Marcianise e Santa Maria Capua Vetere.[2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film è uscito nelle sale cinematografiche italiane il 6 maggio 2011 a cura della Bolero Film.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Dopo la sua partecipazione al film, Clemente Russo, appartenente al Gruppo Sportivo Fiamme Oro, è stato sospeso per un periodo di sei mesi dalla Polizia di Stato. Secondo Il Mattino, Russo è stato punito per via di alcune scene esplicite che possono danneggiare l'immagine della Polizia: il corpo ha smentito il tutto, sostenendo che la sospensione di Russo deriva dalla mancanza di autorizzazione e dei permessi necessari per partecipare al film.[3][4]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ricevuto tre candidature ai Nastri d'argento: migliore attore non protagonista per Giorgio Colangeli, miglior fotografia e miglior sonoro in presa diretta.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sul ring di Saviano, MyMovies. URL consultato il 30-04-2011.
  2. ^ Luoghi delle riprese, IMDb. URL consultato il 30-04-2011.
  3. ^ La polizia mette ko Clemente Russo: sospeso sei mesi per un film, Il Messaggero. URL consultato il 30-04-2011.
  4. ^ Tatanka, Clemente Russo sospeso, essenzialeonline.it. URL consultato il 30-04-2011.
  5. ^ Nastri d'Argento 2011: tutte le candidature, Cinemagazine online. URL consultato il 28-5-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]