Tata Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tata Group
Logo
Stato India India
Tipo public company
Borse valori BSE
Fondazione 1868
Fondata da Jamshedji Tata
Sede principale India Mumbai, Maharashtra, India
Persone chiave Ratan Tata (Presidente)
Settore Conglomerato
Prodotti
Fatturato Green Arrow Up.svg$62,5 miliardi (2008)
Utile netto Green Arrow Up.svg$4 miliardi (2007)
Dipendenti 289.600 (2007)
Slogan «Improving the quality of life of the communities we serve»
Sito web www.tata.com

Tata è uno dei maggiori gruppi industriali indiani con una lunga storia industriale nei più svariati settori produttivi. Il Gruppo Tata fu fondato da Jamshedji Tata e fin dalla fondazione un membro della famiglia Tata è stato quasi sempre alla guida del gruppo. Attualmente il presidente è Ratan Tata che è succeduto a J.R.D. Tata negli anni novanta. Il gruppo è costituito da 93 società in sette settori di attività che impiega circa 220.000 dipendenti. Circa il 65 % della proprietà del gruppo è controllata dalla Fondazione Tata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del gruppo Tata sono da ricercare nel 1874 quando su iniziativa di Jamshedji Tata nasce l'industria tessile Tata. Nel 1902 verrà assorbita la Indian Hotels Company e l'anno successivo nascerà la prima catena di alberghi di lusso indiana. La Tisco, oggi rinominata Tata Steel, fu fondata nel 1907 a Jamshedpur e fu il primo impianto siderurgico indiano ad entrare in produzione nel 1912. Nel 1910 fu fondata la prima di tre società idroelettriche, la Tata Hydro-Electric Power Supply Company e sette anni dopo il gruppo cominciò la produzione di beni di consumo grazie alla Tata Oil Mills Company destinata a produrre sapone, detersivi e gasolio. Nel 1932 la Tata entra nel settore aeronautico con la Tata Airlines e nel 1939 in quello chimico con la Tata Chemicals. La Telco, oggi rinominata Tata Motors, fu fondata nel 1945 per produrre locomotive e altri prodotti meccanici. Negli anni cinquanta nacque la Voltas per la produzione di condizionatori d'aria e impianti di refrigerazione. Nel 1984 la Tata iniziò la produzione di orologi con il marchio Titan stabilendo una join venture con la Tamil Nadu Industrial Development Corporation. Nell'Ottobre 2006 la Tata Steel ha presentato una offerta di 6,4 miliardi di Euro per rilevare la società anglo-olandese Corus. Se l'acquisizione verrà portata a termine la Tata Steel raggiungerà il 5º posto nella siderurgia mondiale.

Attività automobilistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'auto ad aria compressa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Eolo (auto).

Il 7 febbraio 2007 ha annunciato un accordo con il gruppo MDI per costruire sotto licenza una macchina basata sul motore ad aria compressa sviluppato da MDI. Su tutti i modelli si avrà un telefono vivavoce GSM incorporato e un GPS ed, inoltre, una scheda elettronica per l'accensione. La messa in commercio in India è prevista per il 2008.[1]

La Tata Nano[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 il gruppo Tata ha messo in commercio l'automobile Tata Nano un'auto da 1469,29 euro, questa vettura secondo le intenzioni del gruppo rappresenta un tassello fondamentale per la conversione del popolo indiano da due a quattro ruote.[2]

L'acquisizione di Jaguar e Land Rover[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 marzo 2008 le agenzie stampa hanno comunicato l'avvenuta acquisizione dalla casa statunitense Ford dei prestigiosi marchi Jaguar e Land Rover con un esborso per il gruppo di 2,3 miliardi di dollari.[3]

Aziende del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Ingegneria meccanica
  • Tata Motors produce automobili per il mercato indiano di cui detiene una quota considerevole producendo circa 3 milioni di veicoli annualmente. La Tata Indica V2 è stata la prima automobile completamente progettata e prodotta in India. Nel 2004 ha acquisito la Tata Daewoo Commercial Vehicle, ex divisione veicoli commerciali della GM Daewoo, e nel settembre 2005 ha siglato un accordo di collaborazione con la Fiat.
  • Tata Autocomp Systems Ltd (TACO) produce componentistica per l’industria dell’automobile.
  • Tata Projects
  • TCE Consulting Engineers
  • Voltas
  • TAL Manufacturing Solutions
  • Telco Construction Equipment Company
  • TRF
Materiali
  • Tata Steel è la principale industria siderurgica indiana con sede a Mumbai.
  • Tata Advanced Materials
  • Tata Refractories
Energia
  • Tata Power
  • Tata BP Solar India
Chimica
  • Rallis India
  • Tata Chemicals
  • Tata Pigments
Servizi
  • Indian Hotels (gruppo Taj)
  • THDC
  • Tata-AIG General Insurance
  • Tata-AIG Life Insurance
  • Tata Asset Management
  • Tata Financial Services
  • Tata Investment Corporation
  • Tata Share Registry
  • Tata Economic Consultancy Services
  • Tata Quality Management Services
  • Tata Strategic Management Group (TSMG) una delle maggiori società di consulenza asiatiche.
  • Tata Services
Beni di consumo
  • Tata Tea Limited è il secondo produttore al mondo di commercializzato in Europa con il marchio Tetley.
  • Tata McGraw Hill Publishing Company
  • Titan Industries
  • Trent
  • Tata Ceramics
Information Systems e telecomunicazioni
  • Tata Consultancy Services Ltd. (TCS) è la più grande società di software asiatica.
  • Tata Elxsi
  • Nelito Systems
  • SerWizSol
  • Tata Infotech
  • Tata Interactive Systems
  • Tata Technologies
  • Idea Cellular
  • Tata Teleservices
  • VSNL, societa di telecomunicazioni acquisita nel 2002 che ha incorporato nel 2005 la canadese Teleglobe.
  • Tatanet
  • Nelco

Marchi[modifica | modifica wikitesto]

Istituzioni culturali fondate dal gruppo Tata[modifica | modifica wikitesto]

  • Indian Institute of Science di Bangalore
  • Tata Institute of Fundamental Research
  • Tata Management Training Centre di Pune
  • Tata Institute of Social Sciences
  • National Centre for the Performing Arts

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Torna Eolo, l’auto ad aria compressa, Giornale Tecnologico, 23 marzo 2007. URL consultato il 16 settembre 2007.
  2. ^ Ecco la Tata da 1700 Euro, Repubblica.it, 10 gennaio 2008. URL consultato il 19 gennaio 2008.
  3. ^ Articolo de "La Stampa"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]