Tat'jana Petrovna Nikolaeva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tat'jana Petrovna Nikolaeva (cir. rus. Татьяна Петровна Николаева; Bežica (Oblast' di Brjansk), 4 maggio 1924San Francisco, 22 novembre 1993) fu una pianista e compositrice sovietica, attiva anche a lungo come insegnante di pianoforte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nikolaeva iniziò lo studio del pianoforte all'età di tre anni, successivamente entrò al Conservatorio di Mosca, dove studiò con Aleksandr Gol'denvejzer ed Evgenij Golubev, diplomandosi nel 1948.

Nel 1950 salì alla ribalta grazie al primo premio nel concorso pianistico internazionale di Lipsia nell'ambito delle celebrazioni per il bicentenario della morte di Bach. Inoltre, fatto che si rivelò in seguito ancor più importante, al concorso conobbe Dmitrij Šostakovič, con il quale mantenne un'amicizia duratura, che tra l'altro ispirò i 24 preludi e fughe del compositore, dedicati alla pianista.

Nel 1959 la Nikolaeva divenne insegnante al Conservatorio di Mosca, ottenendo in seguito la cattedra nel 1965. Sono oltre 50 le incisioni registrate durante la sua carriera, principalmente opere per strumenti a tastiera di Bach, tra cui l'Arte della Fuga, e di Beethoven, ma la sua fama nel mondo occidentale si diffuse quando l'artista era già avanti negli anni. Con la fine dell'URSS numerosi furono gli inviti e le richieste per tour internazionali e concerti che la videro presente in Europa e in America.

La sua terza incisione dei 24 preludi e fughe vinse il premio Gramophone award del 1991 per la categoria strumentale. Il 13 novembre 1993, suonando la stessa opera in un concerto a San Francisco, Tat'jana Nikolaeva fu colpita da un'emorragia cerebrale che le impedì di portare a termine l'esecuzione. Morì nove giorni più tardi, il 22 novembre.[1]

Uno dei suoi ultimi allievi è Nikolaj Luganskij, che studiò con la Nikolaeva dal 1985 e spesso suonò con lei in concerto brani per due pianoforti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Short Biographies - Tatiana Nikolayeva (Piano, Arranger)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 113529537 LCCN: n86871160