Taste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Taste
Paese d'origine Irlanda Irlanda
Genere Blues rock
Periodo di attività 1966-1970
Album pubblicati 10

Taste era il nome del trio formato da Rory Gallagher chitarrista irlandese (1948-1995), Richard Mc Craken (basso) e John Wilson (batteria).

Il gruppo incise tre LP in studio, Taste (1969), On the Boards (1970) e due dal vivo, tra cui Live at Isle of Wight un memorabile concerto tenuto all'Isola di Wight nel 1970. I Taste si sciolsero nel 1970 e Rory Gallagher intraprese una splendida carriera da solista con altri musicisti.I Taste (originariamente The Taste ) sono nati in Cork Irlanda nel 1966,il gruppo e composto da Rory Gallagher chitarra e voce Eric Kitteringham al basso, e Norman Damery alla batteria.

Discografi a[modifica | modifica sorgente]

Album in studio[modifica | modifica sorgente]

  • Taste - Polydor, 1969
  • On the Boards - Polydor, 1970
  • Live Taste - Polydor, 1971
  • Live at the Isle of Wight - Polydor, 1971
  • Taste First - BASF, 1972 (registrato nel 1967 - pubblicato anche il titolo In the Beginning (1974) e Take It Easy Baby (1976))
  • In Concert - Ariola, 1976 (pubblicato a nome Taste featuring Rory Gallagher) (registrato al Marquee con la formazione classica nel 1968)
  • Wall to Wall - Bad Reputation, 2009[1]
  • Live in San Francisco - M Bop / Disonic 2010
  • John Wilson's Taste of Rory - M Bop / Disonic 2010

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • The Best of Taste - Polydor, 1994[1]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • "Blister on the Moon/Born on the Wrong Side of Time" - Major Minor, 1968 (Polydor Records 1969)
  • "Born on the Wrong Side of Time/Same Old Story" - Polydor, 1969
  • "What's Going On/Born on the Wrong Side of Time" + "Blister on the Moon" - Polydor, 1969
  • "Wee Wee Baby/You've Got to Play" - BASF, 1972 (solo in Germania)
  • "What's Going On/Railway and Gun" - Polydor
  • "Blister on the Moon" + "Sugar Mama/Catfish" + " "On the Boards" - Polydor, 1982
  • "If I Don't Sing I'll Cry I'll Remember" - Polydor (solo in Spagna)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Martin C. Strong, The Great Rock Discography, 5th, Edinburgh, Mojo Books, 2000, pp. 369–370, ISBN 1-84195-017-3.