Tasso d'interesse reale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il tasso di interesse reale, è il tasso di interesse al netto del tasso di inflazione vigente in una data economia (tasso di interesse nominale). [1][2]

Grossolanamente si può calcolare il tasso di interesse reale come differenza tra il tasso di interesse nominale e il tasso di inflazione secondo la formula
r_{r} = i-p* con
r_{r} è il tasso di interesse reale
i è il tasso di interesse sul debito
p* è il tasso di inflazione.

Il calcolo corretto è invece il seguente: r_r + 1 = \frac{1+i}{1+p*}

Per esempio se i tasso nominale è il 5% e l'inflazione ammonta al 3%, il tasso reale è del 1,94%, mentre secondo il calcolo grossolano ammonta al 2%.

Il tasso d'interesse è il prezzo pagato da chi riceve capitali e incassato da chi li offre. Ma per effetto dell'inflazione diminuisce la quantità di beni acquistabili con la stessa quantità di denaro. Ragion per cui è necessario tener conto del rendimento di un'attività finanziaria al netto della perdita di capacità d'acquisto causata dall'inflazione.

Quando il tasso di inflazione sale e il tasso nominale di interesse è basso, è possibile che il tasso di interesse reale sia negativo. Chi percepisce il tasso di interesse rischia di credere di incassare un reddito positivo, che in realtà, tenuto conto dell'inflazione, è negativo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tasso Reale, Tasso Nominale Ed Inflazione » » Borsatrend
  2. ^ Tassi in Economia e Finanza: rapporto fra tassi e rendimento

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia