Tash

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tash è un personaggio della saga di sette libri de Le cronache di Narnia, scritta da C. S. Lewis. (vi compare nel 3° libro 'Il cavallo e il ragazzo')

È la divinità maschile più importante per gli abitanti del regno di Calormen, i Calormeniani. Gode di così tanta importanza e fama che molte famiglie nobili ne vantano la discendenza.

Nel 7° libro della saga, 'L'ultima battaglia', questa divinità, conosciuta come entità spietata, assetata di sangue, ma misericordiosa verso il suo popolo, anche se da esso richiede dei sacrifici, viene descritta in un'apparizione ai protagonisti dell'ultimo libro (re Tirian, Eustachio Scrubb e Jill Pole):

« Qualcosa si muoveva nella radura oltre gli alberi, vista da lontano poteva essere scambiata per una nuvola di fumo perché era quasi trasparente: ma quel puzzo mortale non era odore di fumo e la massa non cambiava forma dilatandosi o accorciandosi come avviene di solito con una sfera gassosa. Aveva un aspetto vagamente umano ma con testa d'uccello, una sorta di rapace con i becco minacciosamente ricurvo, aveva quattro braccia che teneva sollevate sulla testa. Le dita, venti in tutto, terminavano in lunghi artigli affilati. Fluttuava sull'erba invece di camminare e il prato appassiva al suo passaggio. »
(I messaggi dell'aquila, L'ultima battaglia)